La navicella spaziale Starliner della Boeing si prepara per un soggiorno più lungo sulla Stazione Spaziale Internazionale mentre gli ingegneri sulla Terra cercano di ricreare i problemi al motore • The Register

La navicella spaziale Starliner della Boeing è destinata a trascorrere un periodo leggermente più lungo attaccata alla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) mentre gli ingegneri sulla Terra lavorano per ricreare gli strani fenomeni visti in orbita.

durante Istruzioni Il 10 luglio, i responsabili della missione hanno ammesso che gli ingegneri non erano in grado di ricreare le condizioni che causavano problemi ai motori del sistema di controllo della reazione (RCS) del veicolo durante l'attracco.

Durante l'attracco alla Stazione Spaziale Internazionale, lo Starliner perse cinque propulsori. Quattro di loro furono recuperati, ma il motivo fece grattare la testa agli ingegneri mentre cercavano di riprodurre il problema nei test a terra prima che il veicolo Starliner fosse approvato per il ritorno sulla Terra. Secondo la NASA e la Boeing, lo Starliner potrebbe essere utilizzato in caso di emergenza, ma gli ingegneri vogliono massimizzare il tempo a disposizione per i test prima di lanciare il modulo di servizio, dove si trovano i motori, prima del rientro.

Prima Istruzioni Con gli astronauti Butch Wilmore e Sonny Williams dei test di volo Starliner della Boeing, i due hanno riferito di essere più che felici di trascorrere del tempo extra a bordo della Stazione Spaziale Internazionale.

Tuttavia, pur elogiando le prestazioni della navicella spaziale, Wilmauer ha notato che il degrado della spinta era evidente durante il processo di attracco. Il duo ha anche smesso del tutto di sostenere Starliner per le missioni future. “Ci sono stati molteplici problemi con ogni veicolo spaziale mai progettato”, ha detto Willmauer.

“Abbiamo riscontrato un certo degrado nei nostri propulsori… ed è per questo che restiamo: perché li testeremo… e otterremo i dati di cui abbiamo bisogno per aiutarci a prendere le giuste decisioni .”

READ  La NASA lancia il suo gioco spaziale retrò

Al momento, determinare quando l’equipaggio tornerà sarà difficile. I test sui propulsori e sulle perdite di elio, che hanno causato grattacapi anche agli ingegneri, dovrebbero essere completati entro la prossima settimana, hanno detto i manager, il che significa che una separazione nominale potrebbe essere prevista entro la fine di luglio.

Anche se i manager si sono abituati a superare il limite iniziale di 45 giorni fissato dalla durata delle batterie a bordo dello Starliner, descrivendolo come sano e senza mostrare segni di malfunzionamento, far uscire la navicella entro la fine di luglio è importante per evitare un potenziale conflitto con la consegna di Crew Dragon ad agosto.

Se la permanenza di Starliner dovesse prolungarsi più a lungo, i manager potrebbero dover passare dal metodo di consegna preferito dell'equipaggio, in cui entrambi gli equipaggi sono a bordo contemporaneamente, al metodo indiretto utilizzato per la prima volta nel programma Crew Dragon quando gli astronauti dell'equipaggio 2 sono stati restituiti prima del lancio degli astronauti dell'equipaggio 3.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *