La NASA si aspetta ancora che la navicella spaziale Starliner riporti gli astronauti dalla Stazione Spaziale Internazionale

Gli astronauti della NASA Butch Wilmore (a destra) e Sonny Williams, indossando tute spaziali Boeing, lasciano l'edificio delle operazioni e delle partenze Neil A. Armstrong al Kennedy Space Center per lanciare il Complex 41 presso la Cape Canaveral Space Force Station in Florida per salire a bordo della navicella spaziale Boeing CST-100 Starliner per un volo di prova con equipaggio, il 5 giugno 2024.

Miguel J. Rodriguez Carrillo | Agenzia France-Presse | Immagini Getty

Con gli astronauti della NASA che rimangono sulla Stazione Spaziale Internazionale molto più a lungo del previsto, la leadership dell'agenzia mercoledì ha riconosciuto potenziali alternative alla navicella spaziale Starliner della Boeing per riportare l'equipaggio sulla Terra.

Tuttavia, la navicella spaziale della Boeing rimane l’opzione principale per il ritorno dell’equipaggio, hanno detto i funzionari.

La capsula Starliner Calibs potrebbe tornare alla fine di questo mese dalla sua lunga permanenza sulla Stazione Spaziale Internazionale, in attesa dei risultati di un test su un sistema di propulsione difettoso, hanno detto i funzionari. Lo Starliner ha trascorso 36 giorni nello spazio e continua a contare, poiché l'agenzia e la Boeing conducono ulteriori test nel Nuovo Messico prima di consentire il ritorno della navicella spaziale.

Questa missione è la prima volta che la navicella spaziale Starliner trasporta persone, poiché trasporta a bordo gli astronauti della NASA Patch Wilmore e Sonny Williams.

Il direttore dell'equipaggio commerciale della NASA, Steve Stich, ha confermato durante una conferenza stampa che “la prima opzione oggi è riportare Butch e Sonny a bordo dello Starliner”, aggiungendo: “Non vediamo alcun motivo” attualmente per passare all'altra opzione di trasporto dell'agenzia, che sarà essere l'X-Crew Dragon, per riportare indietro gli astronauti.

READ  La NASA lancia un video 3D di un volo creativo in elicottero su Marte

Iscriviti qui per ricevere le edizioni settimanali della newsletter Space Investing della CNBC.

Stitch, pur riconoscendo che la capsula di SpaceX potrebbe far parte dei piani di emergenza nel caso in cui lo Starliner ritorni vuoto dalla ISS, ha osservato che la NASA non ha ancora bisogno di “decidere se dobbiamo fare qualcosa di diverso”.

“Abbiamo sicuramente rispolverato alcune di quelle cose da esaminare in relazione allo Starliner, solo così siamo preparati nel caso in cui dovessimo usare parte di quel tipo di cose”, ha detto Stitch.

“[But] “Non c'era davvero alcuna discussione sull'invio di un'altra nave Dragon per salvare l'equipaggio della Starliner”, aggiunse in seguito Stitch.

La capsula dell'equipaggio Dragon “Endeavour” di SpaceX vista dalla Stazione Spaziale Internazionale il 2 maggio 2024.

NASA

Il 3 luglio, Boeing e NASA hanno iniziato a testare la tecnologia di propulsione della navicella spaziale sulla Terra a White Sands, nel Nuovo Messico, con l'obiettivo di replicare il problema che aveva causato lo spegnimento di cinque propulsori della navicella Calypso mentre manovrava per attraccare con la Stazione Spaziale Internazionale. . Si stanno effettuando test a terra “per assicurarsi che con tutti questi impulsi e tutto il calore che stiamo mettendo dentro, non causi alcun danno al motore”, ha detto Stitch.

Stitch ha osservato che il ritorno dello Starliner “alla fine di luglio” dipende “ottisticamente” dal completamento dei test. I team della Boeing e della NASA a White Sands condurranno ispezioni del propulsore di prova la prossima settimana.

Ma “fino ad ora non siamo stati in grado di replicare le temperature che abbiamo visto in volo”, ha detto durante la conferenza stampa Mark Nappi, vicepresidente del programma Starliner della Boeing.

READ  Un fisico trolla i fan del James Webb Space Telescope con un'immagine di salsiccia chorizo

“Quello che stiamo cercando di fare con questo test è colmare alcune lacune perché… quello che stiamo cercando di fare è capire se i propulsori funzionano correttamente.” [as expected]“Se ciò accadesse, saremmo in grado di separarci e tornare indietro. E se i propulsori fossero stati in qualche modo danneggiati, cosa avremmo fatto di diverso?”, ha detto Nappi.

“Non pensiamo di aver danneggiato i propulsori, ma, ancora una volta, vogliamo riempire gli spazi vuoti e fare questo test per rassicurarci”, ha aggiunto Nabi.

Nella foto la navicella spaziale Starliner della Boeing attraccata alla Stazione Spaziale Internazionale in orbita sopra la costa mediterranea dell'Egitto il 13 giugno 2024.

NASA

Parlando alla stampa dalla Stazione Spaziale Internazionale, Wilmore e Williams hanno espresso fiducia nel ritorno sullo Starliner.

“Confidiamo che i test che stiamo eseguendo siano quelli di cui abbiamo bisogno per ottenere le risposte giuste che ci forniscano i dati di cui abbiamo bisogno per tornare”, ha detto Wilmauer.

Starliner era precedentemente considerato un concorrente della navicella spaziale Dragon di SpaceX, che ha effettuato 12 voli con equipaggio verso la Stazione Spaziale Internazionale negli ultimi quattro anni. Tuttavia, vari contrattempi e ritardi hanno costantemente relegato Starliner allo status secondario per la NASA, con l’agenzia che pianifica di inviare astronauti da SpaceX e Boeing su voli alternati.

La prova di volo dell'equipaggio dello Starliner rappresenta l'ultimo importante passo prima che la NASA ottenga l'autorizzazione per Boeing a far volare l'equipaggio in missioni operative di sei mesi a partire da febbraio.

Non perdere questi approfondimenti da CNBC PRO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *