La NASA rilascia le prime immagini a colori dal telescopio spaziale Webb

10 luglio (Reuters) – Alzando il sipario su una galleria di immagini come nessun’altra, la NASA presenterà presto le prime immagini a colori del James Webb Space Telescope, uno strumento rivoluzionario progettato per guardare attraverso l’universo fino all’alba dell’universo.

L’attesissima divulgazione del 12 luglio di immagini e dati spettrali dal nuovo osservatorio operativo segue un processo di sei mesi di rilevamento remoto di vari componenti, allineamento di specchi e strumenti di calibrazione.

Con Webb ora perfettamente sintonizzato e completamente concentrato, gli astronomi si imbarcheranno in un elenco selezionato di progetti scientifici per esplorare l’evoluzione delle galassie, i cicli di vita delle stelle e le atmosfere di lontani esopianeti e lune del nostro sistema solare esterno.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Il primo batch di immagini, che ha richiesto settimane per essere elaborato dai dati grezzi del telescopio, dovrebbe fornire uno scorcio avvincente di ciò che Webb catturerà nelle future missioni scientifiche.

Venerdì, la NASA ha pubblicato un elenco dei cinque corpi celesti selezionati per essere mostrati per la prima volta su Webb, che è stato costruito per l’agenzia spaziale statunitense dal gigante aerospaziale Northrop Grumman. (NOC.N).

Tra questi ci sono sedmans – gigantesche nubi di gas e polvere lanciate nello spazio da esplosioni stellari che formano vivai di nuove stelle – e due ammassi di galassie.

Uno di questi, secondo la NASA, presenta oggetti in primo piano così massicci da agire come “lenti gravitazionali”, una distorsione ottica dello spazio che amplifica drammaticamente la luce proveniente da dietro di loro per esporre oggetti ancora più deboli più indietro nel tempo. . Resta da vedere quanto lontano e cosa è apparso sulla telecamera.

READ  Il telescopio Hubble era nell'angolo perfetto per catturare questo scatto quasi impossibile di "Due galassie danzanti"

La NASA pubblicherà anche la prima analisi spettroscopica di Webb di un esopianeta, rivelando le firme molecolari dei modelli di luce filtrata che passa attraverso la sua atmosfera. L’esopianeta in questo caso, circa la metà della massa di Giove, dista più di 1.100 anni luce. Un anno luce è la distanza percorsa dalla luce in un anno: 5,9 trilioni di miglia (9,5 trilioni di km).

“Spostami come scienziato… come essere umano”

Tutti e cinque gli obiettivi preliminari erano già noti agli scienziati. Uno di questi, il gruppo di galassie a 290 milioni di anni luce dalla Terra noto come Quintetto di Stephan, fu scoperto per la prima volta nel 1877.

Ma i funzionari della NASA promettono che le immagini di Webb cattureranno i loro soggetti sotto una luce completamente nuova, letteralmente.

“Quello che ho visto mi ha commosso come scienziato, come ingegnere e come essere umano”, ha detto ai giornalisti il ​​vice amministratore della NASA Pam Milroy, che ha esaminato le immagini, durante una conferenza stampa del 29 giugno.

Klaus Pontopedan, uno scienziato del progetto Webb presso lo Space Telescope Science Institute di Baltimora, dove i Mission Control Engineers utilizzano il telescopio, ha promesso che le prime immagini avrebbero “fornito” un grande successo tanto atteso per gli astronomi e il pubblico.

Il telescopio a infrarossi da 9 miliardi di dollari, il più grande e complesso osservatorio astronomico mai inviato nello spazio, è stato lanciato il giorno di Natale dalla Guyana francese, sulla costa nord-orientale del Sud America.

Un mese dopo, lo strumento da 14.000 libbre (6.350 kg) ha raggiunto la sua posizione gravitazionale in orbita eliocentrica, in orbita attorno al sole insieme alla Terra a circa un milione di miglia da casa. Leggi di più

READ  La NASA compie i passi finali per lanciare il test di deflessione degli asteroidi | NASA

Webb, che mostra i suoi soggetti principalmente nello spettro infrarosso, è circa 100 volte più sensibile del suo predecessore di 30 anni, il telescopio spaziale Hubble, che orbita attorno alla Terra da una distanza di 340 miglia (547 km) e opera principalmente in ottica e radiazioni ultraviolette Viola. lunghezze d’onda.

La più ampia superficie di raccolta della luce dello specchio primario di Webb – una serie di 18 pezzi esagonali di metallo berillio placcato in oro – gli consente di osservare oggetti a distanze maggiori, e quindi in passato, rispetto a Hubble o qualsiasi altro telescopio.

La sua sensibilità agli infrarossi consente il rilevamento di sorgenti luminose nascoste nello spettro visibile da polvere e gas.

Nel loro insieme, si prevede che queste caratteristiche trasformeranno l’astronomia, fornendo un primo sguardo alle galassie infantili risalenti a soli 100 milioni di anni dopo il Big Bang, il punto di infiammabilità teorico che mise in moto la nota espansione dell’universo circa 13,8 miliardi di anni fa.

Gli strumenti di Webb stanno anche cercando segni di atmosfere potenzialmente vitali intorno a dozzine di piante appena documentate in orbita attorno a stelle lontane e per osservare mondi molto più vicini a casa, come Marte e la luna ghiacciata Titano.

In combinazione con una serie di studi già predisposti per Webb, i risultati più rivoluzionari del telescopio potrebbero essere quelli ancora da prevedere.

Tale è stato il caso della sorprendente scoperta di Hubble, attraverso l’osservazione di supernove lontane, che l’espansione dell’universo sta accelerando, anziché decelerare, aprendo un nuovo campo dell’astrofisica dedicato a un misterioso fenomeno che gli scienziati chiamano energia oscura.

Il Webb Telescope è una collaborazione internazionale guidata dalla NASA in collaborazione con le agenzie spaziali europee e canadesi.

Reporting e scrittura di Steve Gorman; Segnalazione aggiuntiva di Joey Rowlett. Montaggio di Lisa Schumaker

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.