La NASA potrebbe aver involontariamente reindirizzato un asteroide verso Marte

Nel 2022, la NASA ha inviato una navicella spaziale a collidere con un asteroide delle dimensioni della Grande Piramide di Giza nel tentativo di cambiarne la traiettoria.

La missione è stata un successo e ha dimostrato che è possibile reindirizzare gli oggetti nello spazio, il che è un'ottima notizia per un pianeta a cui non piace essere distrutto dagli asteroidi. Oltre a reindirizzare con successo l'asteroide Demorphos, ha fatto volare enormi massi dall'asteroide sciolto, di diametro compreso tra 1 e 7 metri (3-22 piedi). Queste rocce non si muovono a grandi velocità rispetto alle rocce madri – la loro velocità media è di 0,3 metri al secondo (0,7 mph) – ma questo è sufficiente per raggiungere la velocità di fuga di Dimorphos.

Ora, il team ha esaminato il percorso orbitale che questi 37 oggetti prenderanno nei prossimi 20.000 anni e ha scoperto che la Terra è al sicuro dall’impatto. In un articolo non ancora sottoposto a peer review, pubblicato sul server di prestampa arXiv, i ricercatori hanno scoperto che l’avvicinamento più vicino alla Terra avverrà tra circa 2.500 anni, ma le rocce non saranno mai più vicine di 0,02 unità astronomiche (UA), con una AU è la distanza tra la Terra e il Sole. . Ma Marte potrebbe non essere così fortunato.

“Le simulazioni numeriche mostrano che tutte le rocce dello sciame attraverseranno più volte l'orbita marziana in futuro 20 [thousand years]”Lo sciame simulato è statisticamente rappresentativo di un gruppo di 37 rocce reali recentemente scoperte utilizzando le osservazioni del telescopio spaziale Hubble che sono state espulse durante l'impatto della navicella spaziale DART su Dimorphos”, ha scritto il team nell'articolo. “Pertanto, poiché nell'evoluzione a lungo termine avviene un transito orbitale, è possibile che alcune rocce entrino in collisione con Marte in futuro.”

READ  Paleontologists reconstructed a bothell of a dinosaur

Questi potenziali impatti si verificheranno due volte a circa 6.000 anni nel futuro e due volte ancora a circa 15.000 anni nel futuro. Se le strade si incrociano – e ce ne sono molte Variabili Ciò potrebbe cambiare il percorso delle rocce, come l'energia proveniente dalla luce solare: il team ha esaminato che tipo di effetto potrebbero avere le rocce.

“Lo stato di frammentazione viene raggiunto, assumendo una forza media di circa 1 MPa, quando il meteorite colpisce il suolo marziano senza generare esplosioni aeree e ad una velocità leggermente inferiore a quella iniziale perché l’atmosfera marziana è troppo sottile per essere rallentata in modo significativo. Per questo motivo, nel nostro caso, è presente un piccolo e semplice foro profondo circa 200-300 metri [656-984 feet] Il team ha spiegato che verrà generato il diametro.

“Tuttavia non si può escludere che la resistenza delle rocce dimorfe sia inferiore a circa 1 MPa. In questo caso, i meteoriti si disintegrerebbero nell'atmosfera marziana senza raggiungere la Terra intatti, dando origine a un classico campo di dispersione.”

Oltre ad assicurarci che la NASA non ha inviato accidentalmente meteoriti sulla Terra durante un test per reindirizzare gli asteroidi lontano dalla Terra, lo studio ha trovato ulteriori prove che alcuni dei meteoriti che hanno colpito il nostro pianeta potrebbero essere stati il ​​risultato di collisioni tra asteroidi grandi e piccoli. , provocando il lancio di… Rocce più piccole della loro massa.

L'articolo è pubblicato su un server di prestampa arXiv.

[H/T: National Geographic]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *