La NASA ordina di non fotografare il sito di lancio dopo il lancio della missione lunare

Cosa non vogliono farci vedere?

Niente foto, per favore

La NASA ha vietato alla stampa di filmare il sito di lancio del suo sistema di lancio spaziale in seguito Agenzia rafforzata Missione Luna Artemis I nello spazio all’inizio di questa settimana.

Diversi giornalisti spaziali hanno affermato su Twitter che l’agenzia ha inviato loro un messaggio dicendo loro che era vietato fotografare la torre di lancio di Artemis 1 dopo il decollo.

“La NASA non ha fornito una ragione”, Eric Berger, Ars TecnicaCaporedattore spaziale, cinguettio. Il giornalista ha aggiunto che, secondo le sue fonti, il divieto era apparentemente un tentativo di salvare la faccia dopo che il lancio aveva distrutto la torre.

“Quindi le fonti ora dicono di sì, la torretta del Launch Complex-39B è stata danneggiata durante il lancio di Artemis I mercoledì mattina”, ha twittato Berger. “Fondamentalmente, c’erano perdite e danni dove non avrebbero dovuto esserci perdite e danni”.

Segnalazioni dannose

Dopo, Washington Post Reporter spaziale Christian Davenport ha pubblicato una dichiarazione Dalla NASA che sembra supportare le fonti di Berger, anche se sottolinea che non c’era “nessuna parola di danno” alla rampa di lancio.

“A causa dello stato attuale della configurazione, sono presenti dei file [International Traffic in Arms Regulations license] Restrizioni e foto non sono consentite in questo momento, “Ci sono anche detriti di lancio intorno al podio come previsto e il team sta attualmente valutando”.

Qualunque siano le ragioni della NASA, è abbastanza chiaro che l’agenzia non vuole foto di lei non approvate Costoso e in ritardo Un razzo Space Launch System esce al pubblico. La NASA ama la pubblicità positiva, a quanto pare, ma non è negativa.

READ  Strane linee avvistate dal satellite della NASA in Russia sconcertano il mondo

Maggiori informazioni sul lancio di Artemis 1: La NASA afferma che è una buona cosa che alcuni pezzi possano essere caduti dal loro razzo lunare durante il lancio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.