La NASA effettua il conto alla rovescia entro 29 secondi dal lancio del grande razzo SLS

Ingrandisci / Un razzo della NASA Space Launch System, riflesso nella trogola del Kennedy Space Center in Florida, decolla per un quarto tentativo di prove il 6 giugno 2022.

Trevor Mahleman

La NASA ha tentato tre volte durante il mese di aprile di completare un test critico del carburante del suo enorme razzo per lo Space Launch System. E tre volte, a causa di una mezza dozzina di problemi tecnici, l’agenzia spaziale ha fallito.

E così la NASA ha preso la difficile decisione di restituire l’enorme razzo al Vehicle Assembly Building per la riparazione, aggiungendo due mesi di ritardo a un programma già in ritardo di anni. Dopo che questo lavoro è stato completato all’inizio di giugno, la NASA ha restituito il razzo SLS e la navicella spaziale Orion sulla rampa di lancio per un quarto tentativo.

Si scopre che la decisione dolorosa è quella giusta. Nel corso di oltre 14 ore lunedì, la NASA è riuscita in gran parte a completare questo test di rifornimento, trasportando centinaia di migliaia di galloni di ossigeno liquido e idrogeno nel primo e nel secondo stadio del razzo SLS.

“E’ stata una lunga giornata per la squadra, ma penso che sia stata una giornata di grande successo per la squadra”, ha detto. Charlie Blackwell Thompson, direttore del lancio di Artemis.

Lei e altri funzionari della NASA si sono uniti a una teleconferenza con i giornalisti martedì per discutere i risultati del quarto test di “prova”, che ha lo scopo di apprendere i nodi del conto alla rovescia del razzo per il giorno del lancio. In tale misura, il test sembra essere ampiamente riuscito. La NASA è entrata entro T-29 secondi dal decollo durante il test, vicino all’obiettivo previsto di T-9,3 secondi, prima di terminare il test prima di accendere i quattro motori principali del razzo.

READ  A satellite made of wood

Durante la teleconferenza, i funzionari della NASA hanno rifiutato di rispondere a domande specifiche sulla necessità di un quinto test, per ridurre il conteggio a T-9,3 secondi, o su quando il razzo sarebbe stato pronto per il suo primo lancio. Affermando di voler rivedere più dati, i funzionari hanno affermato che si aspettano di fornire tali informazioni entro altri due giorni. Tuttavia, dai loro commenti risulta che i funzionari potrebbero essere inclini a un quinto test.

Durante il test di lunedì si sono verificati numerosi problemi tecnici, il più significativo dei quali è stata una perdita di idrogeno in una rapida disconnessione nella parte inferiore della torre di lancio mobile che supportava il razzo SLS durante il rifornimento. Questa linea di idrogeno da 4 pollici è una delle tante lanciate dal missile appena prima del decollo e sono collegate all’albero di servizio di coda della torretta.

La NASA non è stata in grado di risolvere il problema di una perdita durante la parte finale dei test di lunedì, quindi ha invece scelto di nascondere la perdita dal sequencer di terra, il computer a terra che controlla la maggior parte del conto alla rovescia. Questo non ha rappresentato alcun pericolo per il missile durante i test, ma avrebbe dovuto essere riparato prima del lancio effettivo.

Con quel piccolo dissimulazione, il team di lancio della NASA è stato in grado di passare dal T-10 al T-29 minuti e dimostrare la capacità non solo di riempire il razzo SLS ma anche di mantenere i suoi serbatoi di carburante. Quando l’erogatore di lancio a terra è stato consegnato al computer di bordo del razzo per la parte finale del conto alla rovescia, il computer di volo ha terminato automaticamente il conteggio.

READ  Le persone nell'età del ferro conservavano i ricordi dei loro cari defunti

Ai funzionari della NASA è piaciuto quello che hanno visto. “Questa è la prima volta che ci troviamo in un ambiente estremamente freddo sia nella fase primaria che in quella superiore”, ha detto Blackwell Thompson. “Il conteggio finale è un momento molto dinamico. Mi aspettavo pienamente che avremmo potuto avere una o due cose di cui potremmo aver bisogno di parlare nel conteggio finale, ma è stato molto fluido. Non c’era niente di cui parlare”.

Il test di rifornimento è l’ultimo grande ostacolo tra il razzo SLS e il suo tentativo di lancio entro la fine dell’anno. C’è ancora del lavoro da fare e l’agenzia deve decidere se è necessario un test di abbigliamento bagnato. Ma Mike Sarafin, responsabile della missione Artemis I, ha affermato di ritenere che finora la NASA abbia completato circa il 90 percento degli obiettivi dei test.

Oltre a riparare il sigillo a idrogeno che perde, la NASA deve ancora restituire il razzo al Vehicle Assembly Building per installare e armare il sistema di terminazione del volo. Questo lavoro probabilmente impedirà un tentativo di lancio non prima della fine di settembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.