La NASA critica la Russia per aver utilizzato una stazione spaziale per pubblicare foto di propaganda | notizie di scienza e tecnologia

La NASA ha criticato l’agenzia spaziale russa per aver utilizzato la Stazione Spaziale Internazionale (ISS) per mostrare immagini di propaganda legate alla sua invasione dell’Ucraina.

Le immagini mostrano tre cosmonauti russi che sventolano le bandiere di due regioni dell’Ucraina orientale che sono state catturate dalle forze militari russe, spingendo l’agenzia spaziale statunitense a emettere un “severo rimprovero”.

La NASA ha descritto questo stratagemma come “fondamentalmente incoerente con la funzione primaria della stazione tra le 15 nazioni partner internazionali per lo sviluppo della scienza e dello sviluppo tecnologico per scopi pacifici”.

Nonostante il crescente conflitto di terra tra Washington e Mosca, la cooperazione in LEO è in gran parte proseguita con poche sfide da parte degli Stati Uniti ai suoi partner russi, anche se l’amministratore delegato di Roscosmos lo ha fatto. Ha ripetutamente minacciato di ritirare la cooperazione.

Lunedì, l’agenzia spaziale russa Roscosmos ha pubblicato le immagini di astronauti che sventolano le bandiere della Repubblica popolare di Luhansk e della Repubblica popolare di Donetsk, che non sono state riconosciute dalla comunità internazionale.

Si teme che le ricadute diplomatiche della guerra in Ucraina possano minare la cooperazione internazionale necessaria per mantenere la Stazione Spaziale Internazionale in orbita e gli astronauti al sicuro.

ex Nasa Lo ha detto a Sky News Che nonostante gli accesi scambi e il deterioramento delle relazioni nuovamente sulla Terra, la cooperazione tra Russia e Stati Uniti sulla Stazione Spaziale Internazionale proseguirà.

Maggiori informazioni sulla Stazione Spaziale Internazionale

“Non ci sono davvero tensioni nella squadra”, ha affermato Joel Montalbano, responsabile del programma presso la Stazione Spaziale Internazionale.

READ  Ultime notizie sulla salute di Kim Jong Un: il leader 'magro' del Nagorno-Karabakh provoca il panico e perde drasticamente peso | mondo | notizia

I suoi commenti sono arrivati ​​sulla scia di un video terribile Postato sui social media dalla RIA Novosti, controllata dal governo russo, mostra l’astronauta della NASA Mark T. Vande lasciato indietro dai cosmonauti sulla stazione spaziale.

La preoccupazione è aumentata quando il capo dell’agenzia spaziale russa Roscosmos, Dmitry Rogozin, ha ritwittato il video.

Questo era solo uno dei tanti tweet spinosi che il capo spaziale russo ha inviato contro i colleghi americani ed europei da quando sono state imposte sanzioni alla Russia.

La fine della Stazione Spaziale Internazionale

Indipendentemente dall’esito dell’invasione dell’Ucraina e dalle relazioni tra Stati Uniti e Russia, è probabile che il futuro a lungo termine della Stazione Spaziale Internazionale sia limitato.

La NASA ha pubblicato piani che potrebbero vedere la struttura di 444.615 chilogrammi deorbitata nel gennaio 2031 e Si è scontrato con un “cimitero di veicoli spaziali” Nel posto più lontano della terra.

immagine:
Il “cimitero delle navicelle spaziali” Point Nemo visto su Google Earth. Immagine: Google

Il Commercial Crew Program fa parte degli sforzi della NASA per aiutare il settore privato a prendere piede nello spazio, sostituendo infine il laboratorio orbitante con una serie di stazioni spaziali commerciali.

Nello scenario ideale, l’altitudine orbitale della stazione spaziale verrebbe lentamente abbassata dall’attuale altezza di 408 chilometri (253 miglia).

Man mano che l’elevazione della ISS diminuisce, incontrerà un’atmosfera costantemente più densa, che aggiunge più nuvole e le spinge più in basso.

La stazione spaziale si muoverebbe ancora così velocemente che inizierebbe a riscaldarsi e a scaricare detriti in un percorso dietro di essa.

Il piano per evitare che questi detriti danneggino persone o proprietà è di far schiantare la Stazione Spaziale Internazionale in un’area disabitata nell’Oceano Pacifico meridionale, vicino a Point Nemo.

READ  La Svizzera vota per limitare i veli integrali nel referendum sul `` divieto del burqa ''

Point Nemo è chiamato cimitero di veicoli spaziali perché, essendo il punto della Terra più lontano da qualsiasi Terra, è dove normalmente vengono presi di mira i veicoli spaziali dismessi al ritorno sulla Terra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.