La Mostra del Cinema di Venezia prepara il cast di SAG Strike – The Hollywood Reporter

Il direttore della Mostra del Cinema di Venezia Alberto Barbera sta lavorando al Piano B. Se i film americani non parteciperanno alla Mostra del cinema di Venezia a causa degli scioperi di WGA e SAG, il regista ha detto ai programmatori del festival che l’80esima edizione della manifestazione “sarà un festival paneuropeo”, secondo fonti vicine al piani.

Barbera ha detto al suo staff che era troppo presto per dire come sarebbero andate le cose. Secondo persone che hanno familiarità con la situazione, ha detto: “Proviamo a scoprire cosa stanno combinando i produttori e i registi americani”. “Nel frattempo, ci stiamo attivando per creare un programma alternativo”.

dicono le fonti THR Roma Che gli organizzatori del Toronto International Film Festival — che si svolgerà dal 7 al 17 settembre, come di consueto in concomitanza con Venezia — si stanno preparando allo stesso modo alla possibilità che ci sia una presenza limitata di film americani al TIFF. Si ritiene generalmente che la controversia difficilmente possa essere risolta prima di settembre.

Uno dei problemi principali che guidano lo sciopero del SAG è lo stato di sbornia nell’era della trasmissione. Secondo il sindacato, la rivoluzione della trasmissione ha ridotto il numero di pagamenti che gli artisti ricevono quando i loro progetti vengono riutilizzati o riprodotti su un nuovo supporto (come, ad esempio, se un film teatrale viene trasmesso sulla televisione via cavo). Tradizionalmente, i postumi di una sbornia aiutano gli artisti, che di solito passano da un lavoro all’altro, a guadagnarsi da vivere durante i periodi di scarsità di lavoro.

Lo sciopero ha avuto un impatto diretto su Venezia, che fa molto affidamento sui talenti di Hollywood ed è vista come l’inizio non ufficiale della stagione dei premi. Ad esempio, Zendaya, protagonista del film della serata inaugurale del festival, quello di Luca Guadagnino Gli sfidanti Probabilmente sarà bandito dalla premiere.

READ  Bradley e Barney Walsh torneranno?

Guadagnino, che attualmente sta lavorando al film tra Italia e Francia gay, La situazione è molto incerta, sottolinea: “Ovviamente gli attori non si aggiorneranno”, dice THR Roma. “Dobbiamo capire dallo studio cosa vogliono fare, e poi decideremo come procedere”.

Questo è il contesto in cui Barbera sta preparando un programma alternativo per Venezia, che secondo lui potrebbe vedere più headliner internazionali negli ambiti spazi dello spettacolo. “Vedremo. Il cinema asiatico sta vivendo un momento di ripresa dopo la pandemia, e in questo senso se non saranno coinvolti gli americani, il focus sarà soprattutto sull’Europa”.

Il direttore del festival ha chiesto alla sua troupe di “essere pronta a tutto e non dare nulla per scontato”.

Una conferenza stampa per svelare la formazione del Venezia è prevista per il 25 luglio e continuerà come da programma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *