La Meloni si unisce all'élite culturale che celebra il riconoscimento dell'opera italiana come tesoro mondiale

Venerdì sera, nell'anfiteatro dell'Arena di Verona, il Primo Ministro italiano Giorgia Meloni si è unito alle principali personalità politiche e culturali per celebrare all'aperto il riconoscimento dell'UNESCO dell'opera lirica italiana come tesoro culturale mondiale.

Il direttore Riccardo Mutti dirige un'orchestra di 170 musicisti provenienti da 14 teatri d'opera in Italia, con più di 314 cantanti e un cast di stelle dell'opera di livello mondiale. Si sono esibiti anche Roberto Bolle e Nicoletta Manni, due ballerini star della Scala.

“Sono qui per testimoniare la mia emozione e il mio orgoglio che l'opera lirica italiana abbia ricevuto questo grande riconoscimento”, ha detto Mutti al pubblico. “Certo, questo è un momento importante, perché il riconoscimento non è mai un punto di arrivo, ma un punto di partenza.”

“I grandi capolavori sono il nostro patrimonio, ciò che noi italiani abbiamo donato al mondo”, ha aggiunto Mutti in un messaggio preparato ai telespettatori.

Sebbene l’UNESCO abbia aggiunto l’opera italiana alla lista del Patrimonio Culturale Immateriale a dicembre, l’arena si è rivelata il luogo adatto per celebrare questo traguardo. L'antico anfiteatro in pietra costruito dai romani ospita un popolare festival lirico estivo che da generazioni è accessibile ai non iniziati con produzioni stravaganti. Più della metà dei 400.000 visitatori dell'arena ogni estate sono stranieri.

“Abbiamo riunito l'intera organizzazione operistica italiana per festeggiare con i migliori cantanti del mondo”, ha affermato Stefano Trespetti, vicedirettore artistico dell'Arena. “Sono fiducioso che questa serata porterà benefici a tutta l'organizzazione musicale e operistica”.

READ  Ambasciatore italiano tra i 3 morti nell'attacco in Congo | Canberra Times

A star dell'opera italiana come Luca Sulci, Francesco Meli e Vittorio Grigolo si uniscono star internazionali tra cui il tenore tedesco Jonas Kaufmann, il soprano australiano Jessica Pratt e il tenore peruviano Juan Diego Flores. Il soprano russo Anna Netrebko ha annullato all'ultimo minuto per malattia.

Sebbene il precedente governo di centrosinistra avesse preparato un bando dell'UNESCO per l'opera lirica italiana, il riconoscimento è stato accettato dal governo italiano di estrema destra. Oltre alla Meloni erano presenti il ​​ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano – che ha iniziato a sostituire i direttori dei teatri stranieri con italiani – e il presidente del Senato Ignacio La Russa, entrambi membri del suo partito Fratelli d'Italia.

Un forte applauso è stato riservato al presidente italiano apartitico Sergio Mattarella. Sembra che Muti abbia preso posizione contro gli euroscettici dell'estrema destra quando è passato dall'inno italiano, il cui “Fratelli d'Italia” riecheggiava il nome del partito di Meloni, all'”Inno alla gioia” di Beethoven, l'inno dell'UE.

Gli europei voteranno questo fine settimana per le elezioni per i seggi del Parlamento europeo che potrebbero determinare se i partiti di estrema destra avranno più voce in capitolo nella direzione del blocco di 27 membri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *