La Gran Bretagna lancia un ricorso legale al mandato di arresto della CPI nei confronti di Netanyahu

La sua sentenza secondo cui la Corte penale internazionale “ha giurisdizione sui cittadini israeliani, palestinesi o di altro tipo che hanno commesso crimini a Gaza o in Cisgiordania” è stata sostenuta da un gruppo di esperti legali internazionali, tra cui diversi provenienti dal Regno Unito.

Nel 2021, una camera preliminare molto divisa ha concluso che la giurisdizione del tribunale si estende a Gaza. Ma il Regno Unito afferma che la sentenza non risolve le questioni giudiziarie legate agli accordi di Oslo.

Il Regno Unito afferma che la Camera deve ora prendere una decisione preliminare sulla giurisdizione per emettere mandati di arresto “di cui gli accordi di Oslo fanno necessariamente parte”.

Anche altri paesi potranno inviare i loro commenti entro il 12 luglio. Si prevede che il signor Khan, il pubblico ministero, risponda successivamente.

Negazione degli aiuti umanitari

Khan ha annunciato a maggio che stava cercando mandati di arresto contro Netanyahu e Gallant per sospetti crimini di “causare un genocidio, causare la carestia come metodo di guerra, inclusa la privazione dei palestinesi di aiuti umanitari”. [and] “Prendere di mira intenzionalmente i civili nei conflitti”.

La sua decisione è stata severamente criticata da Israele, Stati Uniti e altri paesi. Questi paesi hanno affermato che il sistema giudiziario e legale indipendente di Israele era in grado di indagare su qualsiasi violazione criminale durante la guerra a Gaza e che il procuratore generale non aveva concesso a Israele tempo sufficiente per farlo.

I critici hanno anche affermato che Khan non si è rivolto a Israele per capire quali passi avrebbe potuto intraprendere, o stava adottando, per indagare su possibili atti criminali durante la guerra.

READ  Steve Bannon si arrende all'FBI dopo un'accusa penale per aver sfidato il Comitato antisommossa del Campidoglio

Secondo loro, ciò contrasta con la sua posizione in altre inchieste come quella contro Caracas dove si occupò del regime dittatoriale di Nicolas Maduro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *