La famiglia del poeta palestinese Musab Abu Toha viene arrestata dagli israeliani a Gaza Gaza

Le forze israeliane hanno arrestato il famoso poeta e scrittore palestinese Musab Abu Toha mentre cercava di lasciare la Striscia di Gaza, secondo quanto riferito dai suoi amici e dalla sua famiglia.

Funzionari americani hanno informato Abu Toha che lui e la sua famiglia avrebbero potuto entrare in Egitto, perché uno dei suoi figli è cittadino americano. Domenica erano in viaggio dal nord al sud di Gaza, diretti al valico di Rafah, quando lui è stato arrestato con altri uomini palestinesi a un posto di blocco militare israeliano.

Ha aggiunto: “L’esercito ha arrestato Musab al suo arrivo al posto di blocco, dirigendosi da nord a sud, secondo gli ordini dell’esercito. L’ambasciata americana ha mandato lui e la sua famiglia a passare attraverso il valico di Rafah”, ha detto il fratello di Al-Shaer. Hamza, sui siti di social network. “Non abbiamo sentito nulla da lui.”

“Suo figlio, che è nato in America, è stata approvata l’evacuazione due settimane fa, ma il nome di Musab non era sulla lista”, ha detto l’amica di Abu Toha, Diana Buteau, avvocato palestinese-canadese ed ex portavoce dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina.

“Alla fine, hanno ottenuto il suo nome, il nome di sua moglie e degli altri bambini sulla lista, e stavano aspettando di uscire quando sarebbe stato sicuro”, ha detto Bhutto. Ha aggiunto: “Stavano cercando di evacuare da nord a sud, quando sono stati fermati a un posto di blocco con molti altri. È stato chiesto loro di alzare le braccia per dimostrare che non avevano nulla. Sua moglie ha detto che Musab ha ordinato a suo figlio di essere gettato a terra e poi l’esercito lo ha preso con tanti altri uomini, 200 persone, sua moglie da allora non ha più avuto sue notizie”.

READ  Cinque sviluppi all'indomani di due attacchi missilistici contro un'unità militare ucraina

Né il Dipartimento di Stato americano né le forze di difesa israeliane hanno risposto alle richieste di commento.

Abu Toha scriveva sulla rivista The New Yorker delle sue esperienze sotto i bombardamenti nel campo profughi di Jabalia, nel nord della Striscia di Gaza. Una raccolta delle sue poesie pubblicata in inglese negli Stati Uniti è stata finalista per il National Book Critics Circle Award e quest’anno ha vinto l’American Book Award.

“È uno dei nostri scrittori più prolifici”, ha detto Botto. “Essere pubblicato così ampiamente in così giovane età e ricevere tutti questi premi e consensi per i suoi scritti, dimostra semplicemente quanto sia uno scrittore potente.”

“È un poeta meraviglioso”, ha detto Laura Albast, giornalista, editrice e amica palestinese di Abu Toha. “La poesia che scrive è molto accessibile, ma è anche rappresentativa di ciò che ci sta accadendo, descrivendo come andava in bicicletta per cercare di tornare a casa mentre cadevano le bombe.”

Abu Toha e la sua famiglia si sono rifugiati a Jabalia, dove hanno saputo che la loro casa a Beit Lahia era stata bombardata. In Articolo del New Yorker Pubblicato il 6 novembre, ha descritto il fatto di tornare a casa in bicicletta per cercare di recuperare qualcosa dalla sua piccola collezione di libri.

“Spero di trovare almeno una copia del mio libro di poesie, magari vicino all’ulivo del mio vicino, ma non ci sono altro che detriti. Nient’altro che l’odore delle esplosioni”, ha scritto.

“E ora sono seduto nella mia casa temporanea nel campo di Jabalia, in attesa di un cessate il fuoco. Mi sento come se fossi in una gabbia. Sto uccidendo ogni giorno con la mia gente. Le uniche cose che posso fare sono il panico e respirare”. . Non c’è speranza qui.”

READ  Israele Gaza: Hamas dice che non verranno più rilasciati ostaggi fino alla fine della guerra

“Non si sa dove si trovi ora”, ha detto il New Yorker dichiarato sul suo sito web Lunedì sera, ha affermato di essersi unito ad altre organizzazioni nel chiedere il suo ritorno sano e salvo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *