“La F1 non ha bisogno di un team o di un pilota americano per essere popolare negli Stati Uniti”: PlanetF1

Zak Brown ha affermato che la Formula 1 è già popolare negli Stati Uniti anche senza un pilota di Formula 1 o una squadra con sede esclusivamente nel paese.

La Formula 1 è stata così popolare negli Stati Uniti ultimamente che i nuovi proprietari Liberty Media sembrano prendere di mira quella fascia demografica.

Tre gare da record si terranno sul suolo statunitense nel 2023 con il Gran Premio di Las Vegas che seguirà il Gran Premio di Miami in calendario.

Ma anche così, manca ancora una presenza americana sulla strada giusta. Haas si classifica come una squadra americana con sede a Kannapolis, ma gran parte del loro lavoro viene svolto nelle basi britanniche e italiane.

In effetti, non c’è stato un pilota americano in Formula 1 per sette anni, e dopo il fallimento del trasferimento di Colton Herta all’AlphaTauri, non sembra che le cose cambieranno presto.

Dopo il fallimento dell’accordo, la F1 è stata criticata per essere troppo concentrata sull’Europa con il pilota della IndyCar Graham Rahal che affermava che era “elitaria”.

Ha twittato: “Non ci vogliono. Ricordalo. Vogliono soldi delle aziende americane, vogliono soldi di ricchi individui americani. Ma non si preoccupano del resto. È sempre stato così e lo sarà sempre”.

Il gruppo di Andretti ha detto parole di impatto simile a Michael Andretti affermando di essere un “club europeo”. Finora, non hanno avuto successo anche nel tentativo di entrare nella griglia di F1.

READ  Il Chelsea si prepara all'uscita di Gabriel Jesus, Lukaku si prepara a chiudere l'uscita oggi, i Blues prendono di mira Lewandowski - ultimi aggiornamenti

Ma, forse l’americano più in vista della rete, crede che questi tentativi falliti non danneggino la popolarità di questo sport negli Stati Uniti. Il CEO della McLaren Brown crede che lo sport possa davvero reggersi su due piedi in questo senso.

“Penso che sarebbe fantastico per entrambi [Andretti and Herta] Brown ha detto come ho detto prima Motorsport.com.

“Ma non abbiamo nessuno dei due oggi, e guardiamo a quanto sia popolare la Formula 1 ora in America.

“Quindi mi piacerebbe vederlo accadere, ma non penso che dovrebbe succedere. Perché la Formula 1 è calda oggi senza di essa”.

A differenza della maggior parte dei migliori giocatori dei team di Formula 1, Brown è stato ricettivo all’approccio di Andretti e ha detto che gli altri “non vedono il quadro generale”.

“Stiamo pensando in modo leggermente diverso”, ha detto Angelino. “Penso che qualcuno come Andretti possa aiutare a sviluppare lo sport.

“Ciò che potremmo perdere a breve termine condividendo il premio in denaro ci tornerà con più ascolti TV, più sponsorizzazioni al di fuori del Nord America, ecc.

“È un gruppo di squadre che cercano di proteggere i propri guadagni e non vedono il quadro più ampio”.

Andretti punta ad entrare nel 2024 nello sport ma non ha ancora avuto il via libera.

Leggi tutto: Intervista esclusiva a Mario Andretti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.