La destra del governo italiano ha criticato un decreto anti-rave, lanciato l’allarme

Il nuovo ministro dell’Interno italiano mercoledì ha difeso il governo dalle critiche secondo cui un decreto che vieta le celebrazioni rumorose potrebbe essere utilizzato per reprimere i sit-in e altre forme di protesta, mentre migliaia di simpatizzanti fascisti sono stati autorizzati a camminare nei sotterranei del fascista ucciso nel paese dittatore. .

Il decreto sulle follie illegali è stato tra i primi provvedimenti del governo di estrema destra del premier Giorgia Meloni. Sia l’opposizione politica che i giudici giudiziari hanno espresso preoccupazione per la rigida posizione dell’ordine e della legge secondo cui il governo potrebbe non tollerare l’insurrezione.

I critici hanno notato che non è stata intrapresa alcuna azione contro la manifestazione del fine settimana da diverse migliaia di fan di Mussolini vestiti con simboli fascisti e cantando inni dell’era coloniale a Predappio, luogo di nascita e sepoltura del defunto dittatore, mentre il governo di Roma ha adottato misure straordinarie per interrompere un rave festa. nella città settentrionale di Modena.

Il ministro dell’Interno Matteo Bentidosi ha dichiarato al Corriere della Sera di essersi assolutamente rammaricato per il centenario della Marcia di Roma che ha portato a due decenni di regime fascista. Tuttavia, l’evento è stato liquidato come un’acrobazia da clown.

Ha detto che simili raduni si sono verificati negli anni senza problemi e sotto il controllo della polizia, e che qualsiasi azione che violi le leggi italiane che criminalizzano le scuse per il fascismo sarà deferita ai giudici.

Viviamo in un paese democratico con istituzioni consolidate e una costituzione in cui tutti i partiti politici sono riconosciuti. Abbiamo gli anticorpi per sconfiggere chi vuole andare in un’altra direzione.

READ  Janet Yellen su lavoro, debito, tasse, clima e criptovalute

Il governo Meloni è il primo governo guidato da un partito con radici neofasciste dal rovesciamento della dittatura fascista di Mussolini durante la seconda guerra mondiale, ponendo fine a un’alleanza disastrosa e omicida con la Germania di Hitler.

Meloni tentò di tracciare un percorso moderato, cercando di allontanare la Fratellanza d’Italia dalle sue origini neofasciste e denunciare le leggi razziste di Mussolini che mandarono migliaia di ebrei italiani nei campi di sterminio nazisti.

Ma molti rimangono preoccupati per il passato più da falco del primo ministro e di alcuni dei suoi ministri.

Interpellato dal Corriere della Sera, Piantedosi ha negato l’utilizzo del decreto nei confronti dei soggetti illegali in altri contesti, definendo tali suggerimenti offensivi.

Il decreto, che deve ancora essere discusso e approvato dal Parlamento in legge, renderà idonei a procedimenti giudiziari e alla reclusione fino a sei anni gli organizzatori di assembramenti non autorizzati di oltre 50 persone in spazi pubblici o privati.

Secondo gli esperti legali, il decreto fa riferimento alla presenza di 50 persone per creare un raduno, termine che può essere applicato a eventi politici, sindacali o anche sportivi.

La procedura è molto generale e quindi scivolosa, ha detto al quotidiano italiano Quotidiano Nazionale l’esperto di diritto penale dell’Università di Bologna Vittorio Manes.

Giovanni Maria Flick, ex presidente della Corte costituzionale italiana, ha affermato che la costituzione italiana consente restrizioni al diritto di riunione solo per comprovati motivi di pubblica sicurezza e non discute le minacce all’ordine o alla salute pubblica – la motivazione citata nel decreto. Quotidiano La Repubblica.

Flick ha affermato che la stesura di una nuova legge da parte del governo appare particolarmente dura quando le leggi esistenti possono essere applicate per sciogliere i rave party.

READ  Calendario delle partite degli ottavi di finale della Coppa delle Nazioni Europee 2021, scenari di qualificazione, classifiche delle squadre

Il decreto è stato approvato lunedì quando circa 2.000 giovani provenienti da tutta Europa si sono radunati nella città di Modena, nel nord Italia, per delirare in un magazzino abbandonato.

Le autorità hanno affermato che il magazzino era pericoloso e rischiava di crollare a causa delle vibrazioni della musica ad alto volume. Hanno anche notato l’impatto sul traffico.

I partecipanti all’evento hanno abbandonato il sito quando richiesto.

(Il titolo e l’immagine di questo rapporto potrebbero essere stati rielaborati solo dallo staff di Business Standard; il resto del contenuto viene generato automaticamente da un feed condiviso.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.