La città prevede 100 “circoli abitativi confortevoli” in 3 anni

Shanghai sta sviluppando circa 100 “distretti abitativi confortevoli” nei prossimi tre anni, fornendo servizi alla comunità di alta qualità che includono casa, lavoro, studio, pendolarismo e salute.

Joe Jun, direttore della Commissione per il Commercio della città, ha affermato che i distretti serviranno meglio i residenti della comunità con strutture entro 15 minuti a piedi, complete di negozi, ristoranti, istruzione, assistenza medica, sport, intrattenimento e assistenza agli anziani.

I distretti avranno una maggiore capacità di approvvigionamento per i consumatori, poiché molte strutture per lo shopping soddisferanno le esigenze quotidiane dei residenti, inclusi minimarket, supermercati completi, mercati alimentari consolidati e supermercati di prodotti freschi.

Inoltre, svilupperanno attività più distintive che soddisfano i gusti locali, come ristoranti di specialità, supermercati e librerie, e si sforzeranno di promuovere l'”economia mattutina” e l'”economia notturna” nella comunità.

Saranno inoltre istituite le necessarie strutture senza barriere architettoniche, centri di assistenza materna e neonatale, nonché sportelli e negozi specializzati che offrono servizi speciali agli anziani.

La commissione ha anche evidenziato la “prima economia” della città, poiché le aziende scelgono Shanghai per aprire i loro primi negozi e lanciare nuovi prodotti.

Nel 2021, Shanghai è diventata la sede di 1.078 nuovi negozi, di cui 14 dei marchi numero uno al mondo o in Asia, e 167 sono stati i primi nella Cina continentale.

JC Plaza, nuovo landmark di Shanghai, venerdì scorso ha visto l’apertura dei flagship store di quattro marchi di moda appartenenti al gruppo italiano del lusso OTB – Maison Margiela, Marni, Jil Sander e Amiri – che sono stati tra i primi lotti di negozi di fascia alta . È stato aperto nei principali quartieri degli affari dopo la chiusura in tutta la città a causa della pandemia.

READ  I lavori di ceramica di successo in Georgia celebrano 50 anni

Gu ha affermato che la città incoraggerà più marchi nazionali ed esteri a lanciare qui i loro nuovi prodotti, aprire i loro primi negozi, creare sedi a Shanghai, fornire supporto politico e finanziario, facilitare lo sdoganamento e migliorare il sistema di proprietà intellettuale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.