La città ospitante per l’Eurovision sarà scelta in due fasi, secondo la BBC, come Glasgow, Aberdeen ed Edimburgo in corsa.

Gli organizzatori dell’evento, la European Broadcasting Union (EBU), avevano precedentemente deciso che l’evento non si sarebbe potuto tenere in Ucraina a causa dell’invasione russa.

Questo nonostante la vittoria della Kalush Orchestra nel 2022 al concorso di quest’anno a Torino, in Italia, con il britannico Sam Ryder che è arrivato secondo.

Leggi di più

Leggi di più

Eurovision: Glasgow conferma l’offerta e dice che sarà “la coppia più sicura…

Il Regno Unito ospiterà l’Eurovision Song Contest l’anno prossimo dopo che Sam Ryder ha conquistato il secondo posto per l’Ucraina quest’anno. Foto: Marco Bertorello/AFP via Getty Images

In una sessione di domande e risposte pubblicata di recente, la BBC, che trasmette la competizione nel Regno Unito e selezionerà insieme a EBU, ha determinato la selezione della città ospitante utilizzando un processo di selezione in due fasi.

Una volta ricevute tutte le domande, avrà luogo un processo in base al quale le città saranno selezionate “in base alla loro capacità di soddisfare i requisiti e alle loro risposte in termini di capacità e competenza”.

Chiarindo quali requisiti deve soddisfare una città ospitante da prendere in considerazione, la BBC ha affermato: “La decisione finale sulla scelta di una città ospitante dipenderà dalla capacità e capacità della città o della regione di soddisfare i requisiti della BBC e della European Broadcasting Union, nonché la disponibilità di risorse e l’esperienza generale nell’ospitare un evento, grande e complesso come l’Eurovision Song Contest.

“Ad esempio, l’anno scorso, i criteri della città ospitante dell’EBU si basavano sulla fornitura di una sede in grado di contenere un minimo di 10.000 spettatori (più un centro stampa), che doveva essere facilmente raggiungibile da un aeroporto internazionale e con ampia sistemazione in hotel”.

L’emittente ha anche affermato che potrebbe “consultarsi” con il governo del Regno Unito sulla decisione, ma che la città ospitante sarà infine decisa dalla BBC e dalla European Broadcasting Union (EBU).

Due delle città più grandi della Scozia, Glasgow e Aberdeen, hanno annunciato che faranno un’offerta per ospitare la competizione nel 2023.

Londra e Manchester sono tra le città che hanno presentato offerte per ospitare la competizione.

Annunciando l’offerta di Londra, il sindaco di Londra Sadiq Khan ha dichiarato che la città era “pronta e disposta a partecipare” in una competizione che “celebra il popolo ucraino e ostenta il meglio della Gran Bretagna”.

Il consiglio comunale di Sheffield è stato anche tra i primi ad annunciare uno spettacolo, twittando: “Abbiamo detto a Eurovision che vorremmo ospitare … Guarda questo spazio”.

Il consiglio comunale di Leeds ha affermato che era “completamente logico” che avrebbero ospitato il prossimo anno poiché saranno la Città della cultura per il 2023.

Dopo che un’offerta iniziale è stata presentata per ospitare l’evento, Cardiff ha ritirato la sua candidatura come Consiglio di Cardiff, il governo gallese e il Principato Stadium hanno rilasciato una dichiarazione congiunta in cui dichiaravano che stavano esplorando la fattibilità di portare il concorso musicale nella capitale gallese, ma non sarebbero andati avanti per la “complessità dell’organizzazione dell’evento”.

Il membro conservatore gallese di Senedd Tom Giffard, ministro ombra della cultura, ha criticato il ritiro, dicendo che mostra una “mancanza di ambizione” da parte del governo laburista e chiedendo se sono state prese in considerazione altre città gallesi.

Questa sarà la nona volta che l’Eurovision si terrà nel Regno Unito, più di qualsiasi altro paese.

L’Ucraina si qualificherà automaticamente per la Grand Final insieme ai cosiddetti Big Five: Regno Unito, Francia, Germania, Italia e Spagna.

La città ospitante dovrebbe essere annunciata entro l’autunno.

READ  Pompei: resuscitare la città d'Italia morta, quasi morente | Padre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.