La BCE annuncia un rialzo dei tassi nonostante l’opposizione di Francia e Italia

Commento

PARIGI – Giovedì la Banca Centrale Europea avrebbe dovuto annunciare un altro forte aumento dei tassi di interesse, nonostante l’opposizione vocale di alcune delle maggiori economie dell’Eurozona, tra cui Francia e Italia.

L’annuncio di giovedì sarà un altro tentativo significativo di affrontare la sfida dell’inflazione in Europa, che non aiuterà molto. La maggior parte dei problemi sono legati all’aumento dei prezzi dell’energia, alimentato dalla decisione del presidente russo Vladimir Putin di limitare le forniture di gas naturale ai clienti europei.

L’inflazione nell’area dell’euro è salita al 9,9 per cento a settembre dal 9,1 per cento di agosto, ben al di sopra dell’obiettivo annuale di stabilità dei prezzi del 2 per cento fissato dalla BCE. Il tasso sui depositi della BCE era negativo fino a luglio, prima che la banca attuasse il suo primo aumento dei tassi di interesse in 11 anni. Il mese scorso, nel suo più grande aumento mai registrato, ha aumentato i tassi di tre quarti di punto percentuale.

Nonostante i rischi di recessione, la Banca Centrale Europea sta alzando i tassi per far fronte all’inflazione

I banchieri centrali europei temono che, se non agiranno, le aspettative di una maggiore inflazione diventeranno integrate nella pianificazione dei consumatori e delle imprese e diventeranno una profezia che si autoavvera. Quindi la BCE ha alzato i tassi per rallentare l’economia anche mentre l’area dell’euro entra in recessione e l’attività imprenditoriale è diminuita più rapidamente del previsto nelle ultime settimane.

L’azione della BCE per ridurre il bilancio in aumento della banca – che potrebbe essere discussa giovedì – è un altro modo per affrontare l’inflazione.

READ  Fantastiche mini copie di famosi edifici italiani nascosti nella giungla gallese

L’inflazione colpisce paesi in tutta Europa in varia misura. Nella piccola Estonia, è più vicino al 24% e in Francia i prezzi aumentano solo del 6% all’anno.

La Francia ha speso molto negli ultimi mesi per frenare l’aumento dei prezzi dell’energia e l’inflazione. In Un’intervista Pubblicato la scorsa settimana, si è detto “sgomentato nel vedere molti esperti e alcuni attori della politica monetaria europea che ci spiegano che la domanda europea deve essere spezzata per controllare meglio l’inflazione”.

“A differenza dell’America, non siamo in una situazione di riscaldamento europeo”, ha detto Macron al quotidiano economico Les Echos.

Il nuovo premier italiano è Giorgia Meloni È anche ovvio Aumento della spesa pubblica per far fronte alla crisi energetica, aumento dei tassi di interesse a “Selezione completa.”

Il battibecco tra i leader dell’UE e la BCE fa parte di uno sconvolgimento dei mercati finanziari innescato dalle proposte di politica economica dell’allora primo ministro britannico Liz Truss il mese scorso. Aveva in programma di utilizzare il denaro preso in prestito per pagare i tagli alle tasse, spendendo di più per evitare l’aumento delle bollette energetiche per i consumatori. Ma in risposta, la sterlina britannica è scesa al minimo storico rispetto al dollaro USA.

L’indice europeo STOXX 600 è sceso all’apertura delle azioni giovedì in previsione di un aumento del tasso della BCE. Le perdite sono tuttavia limitate, affermano gli analisti, poiché i mercati stanno già tenendo conto di sostanziali aumenti dei tassi.

L’ultima mossa della BCE farebbe parte di una più ampia campagna di aumenti dei tassi da parte delle banche centrali dalla fine degli anni ’90, ha affermato Citibank. L’allentamento delle restrizioni all’attività economica durante l’era pandemica, combinato con l’aumento dei prezzi di cibo e carburante a seguito della guerra in Ucraina, ha fatto aumentare i prezzi negli Stati Uniti, in Canada, nel Regno Unito, in Europa e in dozzine di paesi in via di sviluppo.

READ  Società fiduciaria italiana per indagare sui termini di proprietà di McDonald's

La BCE è rimasta indietro rispetto alla Federal Reserve quest’anno, che ha aumentato il suo tasso di prestito chiave di tre punti percentuali da marzo e dovrebbe annunciare un ulteriore aumento jumbo nella riunione dell’1-2 novembre.

Rapporto Lynch da Washington.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.