Kazakistan: un blocco militare a guida russa inizia a ritirare le sue forze | Kazakistan

Il presidente del Kazakistan, Kassym-Jomart Tokayev, ha affermato che le forze del blocco militare a guida russa inizieranno il ritiro dal Paese entro due giorni.

Tokayev ha chiesto aiuto all’Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva (CSTO) la scorsa settimana per aiutarlo a riprendere il controllo, dopo I disordini hanno provocato la morte di almeno 164 persone.

Il dispiegamento, che la coalizione ha rapidamente accettato, ha portato a ipotizzare che potesse essere utilizzato per stabilire un punto d’appoggio russo permanente in Kazakistan. Ma Tokayev ha insistito sul fatto che il ritiro sarebbe iniziato questa settimana e sarebbe stato completato entro 10 giorni.

“Il compito principale delle forze di pace della CSTO è stato portato a termine con successo”, ha affermato in un discorso al parlamento kazako.

Dmitry Peskov, portavoce del presidente russo Vladimir Putin, ha affermato che le forze armate si ritireranno secondo il programma richiesto. “È interamente e completamente prerogativa del Paese che ha inviato questa richiesta alla CSTO… È la loro analisi e non abbiamo il diritto di interferire in essa”, ha detto ai giornalisti.

Tokayev ha ordinato una dura repressione la scorsa settimana dopo che gruppi violenti hanno controllato le proteste per gli alti prezzi del carburante, che hanno attaccato gli edifici governativi e hanno sequestrato brevemente l’aeroporto di Almaty, la città più grande del Kazakistan. lui ha Descrivere le persone coinvolte come “terroristi” Con misteriosi sostenitori stranieri.

Martedì, il ministero dell’Interno ha dichiarato che 9.900 persone sono state arrestate a seguito delle violenze.

Con le autorità di nuovo al controllo del paese, Tokayev ha rilasciato una serie di dichiarazioni in un discorso al parlamento kazako martedì volto a placare il malcontento pubblico delle élite al potere.

Tokayev ha osservato che “una classe di persone benestanti anche per gli standard internazionali” è apparsa in Kazakistan durante il regno del suo predecessore Nursultan Nazarbayev, che ha governato il paese dal 1991 al 2019 e ha scelto Tokayev come suo successore.

Nazarbayev, 81 anni, è fuori dalla vista del pubblico dall’inizio delle proteste e Tokayev lo ha licenziato dal suo incarico di capo del Consiglio di sicurezza nazionale la scorsa settimana. La vasta ricchezza che molti dei suoi familiari e alleati avevano accumulato ha contribuito all’atmosfera di protesta nel paese.

Tokayev ha affermato che queste persone benestanti, così come le società redditizie, dovranno contribuire a un nuovo fondo nazionale, chiamato per il popolo del Kazakistan, che intende istituire.

“Penso che sia giunto il momento per loro di fare ciò che è dovere del popolo del Kazakistan e di aiutare il popolo su base sistematica e regolare”, ha detto al parlamento. Tokayev ha ordinato al governo di stilare un elenco di società a cui sarebbe stato chiesto di contribuire.

Martedì Tokayev ha anche nominato primo ministro Alikhan Smailov. Smailov è stato in precedenza il primo vice primo ministro del governo, che Tokayev ha licenziato la scorsa settimana.

Oltre ai cambi di personale, le autorità la scorsa settimana Il capo dei servizi di sicurezza, Karim Masimov, è stato arrestato, un membro del regime di lunga data ed ex primo ministro. Il suo arresto, sospettato di tradimento, ha alimentato la speculazione che le lotte intestine tra il regime fossero almeno in parte dietro le violenze della scorsa settimana.

READ  "Questo è senza precedenti": centinaia di conducenti bloccati durante la notte sull'autostrada degli Stati Uniti mentre la neve pesante crea il caos | notizie dagli Stati Uniti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.