Jorge Martin vince il Motoraduno dell’Indonesia

  • AFP, Circuito cittadino internazionale di Pertamina Mandalika, Indonesia

Lo spagnolo Jorge Martin ha vinto la gara di velocità disputata ieri al Campionato Mondiale di Motociclismo in Indonesia, battendo nella classifica di campionato il rivale Francesco Bagnaia.

Luca Marini, che in precedenza era arrivato primo in qualifica, ha conquistato il secondo posto, mentre Marco Betschi ha completato il podio una settimana dopo aver subito un intervento chirurgico alla clavicola rotta.

Il pilota della Ducati ha ottenuto la sua quarta vittoria consecutiva nella gara sprint, lasciandolo con 328 punti, sette punti di vantaggio su Bagnaia, che ha concluso ottavo.

Foto: EPA-EFE

“Mi sento benissimo. Forse partire sesto non era il massimo, ma almeno sono riuscito a passare. “È stata dura vincere… ma finalmente essere in testa al campionato in questa fase è fantastico. è un sogno.

Ha detto che spera di poter “finire il fine settimana allo stesso modo” nell’evento principale di oggi.

Martin ha concluso la gara con più di un secondo di vantaggio sull’italiano Marini, che in precedenza aveva stabilito un giro record sul circuito di Mandalika nella località turistica dell’isola di Lombok.

Foto: EPA-EFE

Questa è la prima volta che Martin guida il campionato MotoGP nella sua carriera.

Bagnaia ha faticato all’inizio della giornata, finendo fuori dal secondo turno di qualifiche per la prima volta in questa stagione, lasciandolo 13° in griglia.

Pizzicchi, l’italiano terzo assoluto, ha coronato un viaggio straordinario dopo il suo infortunio e l’arrivo in ritardo a Lombok venerdì mattina.

Il Campionato MotoGP è tornato in Indonesia lo scorso anno per la prima volta dal 1997 in una nuova sede.

READ  La doppietta di Lukaku aiuta l'Inter a mettere pressione al Milan

I commenti saranno moderati. Mantieni i commenti pertinenti all’articolo. Feedback contenenti linguaggio offensivo e blasfemo, attacchi personali di qualsiasi tipo o promozioni verranno rimossi e l’utente verrà bannato. La decisione finale sarà a discrezione del Taipei Times.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *