Jannik Sinner: Sensazione di pattinaggio su una stella del tennis | ATP tondo

All’età di vent’anni, Jannik Sinner ha già ottenuto molto.

L’italiano ha vinto cinque titoli del Tour Championship, ha ottenuto sette delle prime 10 vittorie e ha raggiunto la prima posizione n. 9 della classifica ATP di Pepperstone. Lunedì, Sinner punterà a un altro gol quando affronterà l’ex numero tre del mondo Stan Wawrinka: la sua prima vittoria a Wimbledon.

Tuttavia, nonostante tutti i suoi successi in campo, le cose sarebbero potute sembrare molto diverse per Sinner se avesse scelto di perseguire il suo interesse per lo skateboard piuttosto che per il tennis quando era più giovane. L’italiano ha trascorso gran parte della sua infanzia discendendo le montagne delle Alpi italiane, vincendo gare e provando emozioni con gli amici.

“Lo sci è uno sport popolare da dove mi trovo. Ci sono molte piste da sci fuori dalla mia porta”, ha detto Sener ad ATPTour.com. “Ricordo la prima volta che sono andato a sciare. Mio fratello stava prendendo delle lezioni e l’ho visto e volevo andare, ma mia madre ha detto “non oggi”.

Continuavo a piangere per lei e a chiederglielo e poi lei ha detto “Va bene, facciamolo”. Si aspettavano che andassi una volta e poi tornassi a casa. Ma sono rimasto tutto il giorno finché non hanno chiuso le piste. Poi sono andato ogni giorno e l’ho adorato”.

Potrebbe piacerti anche: Vagnozzi su Sinner: ‘Non vuole perdere un punto’

Sinner è diventato uno dei migliori giovani pattinatori in Italia, vincendo titoli mentre si faceva strada verso la gloria tra gli otto ei dodici anni. Tuttavia, a 13 anni, il tennis era diventato una priorità.

“Il tennis è stato il mio terzo sport quando ero giovane, anche perché giocavo a calcio. Il pattinaggio era la mia priorità, giocavo a calcio e poi lentamente ho iniziato a smettere di giocare a calcio perché era semplicemente troppo”, ha detto Sener. “Stavo ancora sciando e giocando a tennis. Ho sempre amato stare con i miei amici, ma anche se il calcio si è fermato, li vedo ancora sulle piste perché ci siamo allenati insieme.

READ  Tottenham 3-2 Vitesse: Antonio Conte inizia ad arbitrare con il Tottenham con ottimismo

“Un anno dopo ho vinto molti titoli pattinando, ma dopo un anno mi sentivo come se gli altri fossero più forti fisicamente. Sono uscito due volte e non mi sentivo più a mio agio. Mi piaceva molto giocare a tennis perché tutto era dalla mia parte. Ero ho il controllo della mia testa, che è molto difficile nello sciare”.

L’elemento di pericolo è molto più alto nello sci che nel tennis, con gli atleti che corrono in discesa a velocità fino a 80 mph. Sebbene Sinner avesse la sua giusta dose di preoccupazioni, non erano il fattore decisivo che lo teneva fuori dalla concorrenza.

“Ci sono stati incidenti, niente di veramente grande, ma alcuni. Alcune delle collisioni continuavano a scivolare e non riuscivo a fermarmi”, ha detto Sener. “Ci sono momenti in cui ti spaventi un po’ perché non sai mai dove andrai a finire. In alcuni posti non c’è nemmeno una rete di sicurezza. Ricordo un incidente in cui [I was training] Con i pali e mi sono messo l’asta del martello nel collo ma stavo bene. Fa parte dello sport.

“Ho amato l’adrenalina e amo ancora. Amo andare veloce sulle piste o in macchina. Amo andare veloce! Non ho paura. Ho solo paura dei serpenti e dei film dell’orrore. “

Sinner ha portato la sua mentalità audace dalle piste al campo, con questo aspetto del suo gioco una forza importante. Il campione 2019 di Intesa Sanpaolo Next Gen ATP Finals ha risparmiato match point ed è tornato a vincere quattro volte in questa stagione, mantenendo un record di 5-1 nelle finali di livello Tour. Entrambe le statistiche mostrano la sua capacità di aumentare sotto pressione.

“Quando ci sono i momenti importanti in campo, mi sento come se fossi in un buon stato d’animo”, ha detto Sener. “Posso controllare le mie emozioni e giocare come voglio. Lavoro per avere quella sensazione aggressiva durante tutta la partita. Certo, ci sono momenti in cui è più difficile. Nei momenti cruciali, mostro il mio stile di gioco e penso di ‘ Sono abbastanza aggressivo. Di solito sono aggressivo nei punti grandi. Sto cercando di colpire la palla forte e finora ci sono riuscito”.

Il peccatore ha spesso trionfato quando quest’anno ha messo le spalle al muro. Tuttavia, spera di non essere spinto oltre il limite quando giocherà la wild card di Wawrinka sul campo 2 al primo turno a SW19 lunedì.

Con una grande folla prevista, potrebbe essere necessario fare spazio all’allenatore Darren Cahill, che a giugno ha lavorato insieme a Sener e all’allenatore italiano Simone Fagnozzi in prova.

“Stiamo inviando messaggi e rimanendo in contatto dal Roland Garros di quest’anno”, ha detto Sener parlando di Cahill, che in passato ha allenato Lleyton Hewitt, Andre Agassi e Simona Halep. “Dopo la Roma, l’abbiamo chiamato [Cahill] Per vedere se ha tempo per aiutare me e la mia squadra. Fortunatamente, ha avuto il tempo, quindi abbiamo potuto lavorare insieme la settimana prima di Wimbledon. Ci conosce un po’ di più e sì, ho un buon feeling per lui.

“Spero che abbia lo stesso feeling con noi, ma sì, penso che sia qualcosa che anche io e Simon stavamo cercando, e sto cercando di avere più conversazioni e altri dettagli e penso che stia andando bene e spero può continuare”.

Per i prossimi cinque mesi, indipendentemente dal fatto che Cahill sia al suo fianco o meno, Sinner continuerà a lavorare sodo mentre lotta per un successo ancora maggiore. Poi, quando arriverà la bassa stagione, l’italiano tornerà sulle piste continuando a sciare per hobby.

“È molto importante allontanarsi dalle cose che amo e lo skateboard è uno di quegli hobby”, ha detto Sener, riconoscendo che la sua passione per lo skateboard non è svanita. “Devo stare attento ora quando vado quest’inverno perché posso, non andrò veloce. Io e i miei amici lo diciamo e abbiamo continuato a muoverci velocemente, ma ora non posso, devo stare attento!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.