Italia: Si stabilisce a San Ferdinando vuole rimuovere la tendopoli

Le autorità locali ritengono che la situazione nella tendopoli per immigrati nella Piana di Gioia Toro in Calabria, nel sud Italia, stia diventando sempre più pericolosa. La struttura, che ha una capacità massima di 300 persone, accoglie attualmente circa 350 migranti africani, molti dei quali sono lavoratori agricoli.

Il capo della Regione Calabria Massimo Mariani ha annunciato mercoledì (26 gennaio) che “la tendopoli sarà rimossa”. Ha anche detto che ci sono piani per fornire una sistemazione migliore per gli immigrati che vivono in insediamenti temporanei a San Ferdinando.

L’annuncio fa seguito al giro di consultazioni di Mariani con la Regione Calabria e i comuni di San Ferdinando e Gioia Toro, nonché con i gruppi locali di assistenza all’immigrazione.

“Siamo in attesa di raccogliere fondi nella regione Calabria per avviare un progetto di accoglienza e edilizia abitativa utilizzando alcuni dei beni sequestrati”, ha affermato Mariani. “L’idea di base è quella di fornire agli immigrati un alloggio che garantisca la loro dignità”.

Il governatore della Calabria ha promesso di fornire finanziamenti

Il governatore regionale della Calabria Roberto Ociudo ha risposto immediatamente all’appello di Mariani, promettendo di fornire assistenza finanziaria.

“Ha fatto bene Mariani ad annunciare l’immediata rimozione della tendopoli”, ha detto Ociudo. “E’ inaccettabile che nel 2022 possa esserci ancora un luogo dove non possano essere garantite la legittimità, la dignità individuale e la possibilità di una normale convivenza civile. La Regione Calabria è pronta a fare la sua parte. Lavoreremo per trovare le risorse necessarie. Dal prossimo settimana, per risolvere il problema, promuoveremo una tavola rotonda permanente con le aziende”.

READ  L'italiano Federico Poggio parla di infortuni e difficoltà dopo Tokyo

Il sindaco di San Ferdinando Andrea Tripody ha più volte criticato i governi regionali e federali per non aver fornito sufficiente assistenza alla sua città in relazione al campo. “Non ho scritto solo a papa Francesco. Forse, se l’avessi fatto, sarebbe stato più preoccupato per la difficile situazione degli immigrati: sarebbe venuto qui per vedere una zona così emarginata e ferita. Umanità”, ha detto di recente .

La storia di un immigrato: ‘Niente lavoro qui’

Centinaia di persone hanno soggiornato nella tendopoli negli ultimi mesi mentre lavoravano nei giardini vicini durante la raccolta degli agrumi. La maggior parte di questi lavoratori agricoli africani – spesso sfruttati dai datori di lavoro perché privi di documenti legali – si stanno ora trasferendo a Buglia o in Campania in cerca di altri lavori nell’agricoltura.

Uno degli immigrati che intendevano lasciare il campo era un batterista maliano, 39 anni: “Partirò tra pochi giorni, qui non c’è lavoro o è già finita”. È arrivato in Italia nel 2008 dopo aver vissuto i gravi disagi della Libia e i mari tempestosi dello Stretto di Sicilia.

Condizioni di vita precarie

Chi rimane nella tendopoli vive ancora nel caos a causa della costante congestione.

In alcune parti della tendopoli, gli immigrati usano grandi barattoli di latta al sole, che, una volta fuori, riscaldano l’acqua per la pioggia. Questo modo di riscaldare l’acqua è diventato in realtà un piccolo affare nel campo, vendendo secchi di acqua calda per 50 centesimi.

Il campo è come un piccolo villaggio, che vende negozi: scarpe, vestiti e artigianato. Intorno ai resti della recinzione della tendopoli, un mucchio di spazzatura che non veniva raccolta da mesi emanava un fetore nauseante.

READ  Il cardinale Parolin incoraggia i professionisti legali italiani a rimanere in contatto con le vittime

Il giorno di Capodanno è scoppiato un incendio nella tendopoli, che ha distrutto molte capanne, ma fortunatamente nessuno è rimasto gravemente ferito.

Nel 2019, le autorità hanno rimosso un grande campo nello stesso luogo, dove in precedenza tre immigrati erano morti in un incendio. Presto, l’attuale campo apparve nello stesso posto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.