Italia: il viceministro di Meloni ha fortemente criticato una foto dell’uniforme nazista del 2005

Un deputato del partito di estrema destra Fratelli d’Italia, che ha suscitato indignazione nel 2005 dopo che un giornale ha pubblicato una sua foto con indosso una svastica sul braccio sinistro, lunedì è stato nominato il più giovane ministro delle infrastrutture.

primo ministro Georgia MeloneyDichiarante personale Grande nome GaleazzoLa nomina è stata data in conferenza stampa dal leader dei Fratelli d’Italia, partito che affonda le sue radici nel Msi, movimento sociale italiano post-fascista.

Bignamy, 47 anni, è stato eletto per una seconda legislatura in parlamento il mese scorso.

Nato a Bologna e figlio dell’avvocato Marcello Bignami – che è di estrema destra ed ex rappresentante del Msi – fa parte da tempo dell’estrema destra italiana.

Prima di entrare a far parte dei Fratelli d’Italia di Meloni – che ha detto di conoscere da tre decenni in un’intervista al Corriere della Sera di settembre – Bignami ha trascorso parte della sua carriera politica nel conservatore Forza Italia dell’ex premier Silvio Berlusconi.

La fotografia in questione mostra un Pigmeo in uniforme nazista in piedi accanto a un altro uomo che indossa una fascia da SS a un addio al celibato.

Il film ha suscitato scalpore in passato, l’ultima volta nel 2021, quando a Pignamy è stato vietato di apparire alla Festa de l’Unita, un festival socialdemocratico annuale in Italia organizzato dal Partito Democratico di centrosinistra.

Lunedi ha affermato in una dichiarazione di “vergognarsi profondamente” delle immagini e di condannare fermamente “ogni forma di totalitarismo”, definendo il nazismo e qualsiasi movimento ad esso associato “male assoluto”.

“Da quando sono stato tra i fratelli in Italia, le polemiche si sono riaccese, creando il sospetto che vengano sollevate non per incolpare la (mia) condotta personale, ma per danneggiare il partito a cui appartengo oggi”, ha detto Bignami. all’agenzia di stampa italiana ANSA.

READ  Benevento, Inzaki: "Abbiamo calciato 30 volte senza ammettere nulla al Sassuolo. Sbagliamo un rigore".

Meloni non ha commentato la foto, ma ha più volte condannato le famigerate leggi razziste e antisemite varate dal dittatore Benito Mussolini nel 1938 e la scorsa settimana ha detto al parlamento di non avere “alcuna simpatia per il fascismo”.

“Ho sempre considerato le leggi razziali (antisemite) del 1938 come il punto più basso della storia italiana, una vergogna che infangerà per sempre il nostro popolo”, ha detto al parlamento.

Bignami servirà sotto il leader del partito di destra della Lega Matteo Salvini, che è anche ministro delle infrastrutture e vicepremier.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.