Italia: Berlusconi chiama Meloni ‘patrono’ e ‘capo’ nella lotta tra relazioni | Italia

Silvio Berlusconi ha descritto Giorgia Meloni, che è pronta a diventare il primo ministro italiano, come “di supporto” e “prepotente” mentre la fragile dinamica tra i due si dipana mentre si affrettano a formare un governo.

Il partito Fratelli d’Italia di Meloni, che ha radici neofasciste, ha ottenuto la maggior parte dei voti alle elezioni generali del 25 settembre, aiutandolo a garantire la maggioranza più ampia di qualsiasi governo di coalizione in Italia dal 1994.

Il presidente del Paese, Sergio Mattarella, dovrebbe dare a Meloni il mandato questa settimana per formare un governo con i suoi alleati, tra cui Forza Italia di Berlusconi e la Lega di estrema destra di Matteo Salvini.

Ma la sua posizione di potere con il tre volte ex presidente del Consiglio Berlusconi, 86 anni, non è andata molto bene, soprattutto da quando è stato messo in minoranza dai fratelli italiani Ignacio La Russa, il co-fondatore del collezionista di cimeli fascisti, come oratore della camera alta di parlamento la scorsa settimana.

Seduto al Senato, il miliardario magnate dei media ha scritto su un pezzo di carta, fotografato dalla stampa e pubblicato da La Repubblica, che Meloni era “di supporto, prepotente, arrogante e offensivo”.

Le tensioni tra i due sono aumentate dopo che Meloni ha posto il veto alle richieste di Berlusconi al governo, che includevano il conferimento al politico di Forza Italia del ministero della Giustizia, in altre parole qualcuno fedele a Berlusconi che poteva proteggere i suoi interessi mentre i suoi problemi legali continuavano.

Ha poi cercato di vendicarsi privando La Russa del voto, ma si è ritorto contro poiché Meloni aveva già ottenuto voti dai membri dell’opposizione, aprendo la strada alla sua elezione senza il sostegno di Forza Italia.

READ  L'indagine sulla mafia italiana potrebbe denunciare una massiccia frode dell'UE - POLITICO

La nota scritta di Berlusconi si concludeva: “Nessuna voglia di cambiare, con cui non puoi andare d’accordo”. Meloni ha ribattuto: “Manca un aggettivo: non posso ricattare”.

Roberto D’Alimonte, docente di politica all’Università di Roma Louis, ha dichiarato: “Berlusconi è stato umiliato perché non ha dato quello che voleva, ma ha negoziato alle sue spalle per sostenere La Russa. Da esponenti dell’opposizione. Non lo farà dimenticalo facilmente”.

Lunedì è previsto un incontro tra i due finalizzato alla riconciliazione, ha detto domenica il Corriere della Sera.

Salvini, che si è scontrato con Meloni su questioni tra cui sanzioni contro la Russia per la sua guerra in Ucraina, ha chiesto ai suoi partner di riunirsi per evitare minacce alla formazione e alla stabilità del governo.

“Sono sicuro che la riconciliazione, anche tra Giorgia e Silvio, sarà la base per governare bene e insieme per i prossimi cinque anni”, ha scritto sui social.

La compatibilità dell’alleanza si vedrà nei prossimi giorni. Maloney ha affermato “nessun piano” durante la finalizzazione della sua lista di gabinetto. “Sappiamo che Berlusconi non otterrà a Meloni le posizioni che desidera, ma accetterà ciò che sta offrendo?” disse D’Alimonte.

“Non credo che Maloney spingerà il conflitto al punto da non sostenere il governo, ma sono sicuro che il rapporto sarà difficile”.

Berlusconi ha chiamato Meloni in passato La Piccolina o “Little One”, ha facilitato la sua ascesa in politica nominandolo Ministro della Gioventù nella sua ultima amministrazione.

I due si sono scontrati nel 2016, però, quando la Meloni, che era incinta, le disse che il ruolo non era adatto alla maternità quando si candidò a sindaco di Roma.

READ  Isole Ekadi, il miglior segreto d'Italia

Salvini, che ha ottenuto meno del 10% dei voti alle elezioni, ha problemi con lo spostamento degli equilibri di potere all’interno della coalizione. Una registrazione segreta dell’anno scorso ha rivelato che ha definito Meloni “rompipalle”.

“Meloni è un vero animale politico, in un mondo di uomini come l’Italia, lei mantiene la sua posizione”, ha detto D’Alimonte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.