Italia 2 Albania 1: Bajrami segna il gol più veloce nella storia dell'Euro e Barella guida la difesa – Il Briefing

Se l'Italia voleva ricevere un campanello d'allarme nella difesa del titolo europeo, l'ha ottenuto 23 secondi dopo.

Nadeem Bajrami ha sbalordito il campione in carica approfittando della scarsa difesa per segnare il gol più veloce nella storia del torneo.

La risposta della squadra di Luciano Spalletti è stata semplicemente magnifica, con Alessandro Bastoni che ha segnato il pareggio dopo 11 minuti e Nicolo Barella che ha portato in vantaggio cinque minuti più tardi.

Barella, la cui partecipazione al torneo era in dubbio a causa di un infortunio, è stato un giocatore brillante per tutta la partita, e gli uomini di Spalletti hanno acquisito fiducia man mano che la partita andava avanti – ma ci è voluta una brillante parata al 90' (con una notevole esultanza) di Gianluigi Donnarumma impedisce all'ex attaccante dell'Inter Rey Manaj di segnare il gol del pareggio. L’Italia potrebbe non essere forte come una volta, ma ci vorrà qualche colpo.

L'atleta James Horncastle e Nancy Froston raccolgono gli spunti di discussione dell'emozionante partita di Dortmund.


Come l'Albania ha segnato il gol più veloce negli Europei

L'Albania conserverà ancora un pezzo della storia del Campionato Europeo grazie alla rapidità di pensiero di Bajrami e alla negligenza dell'Italia. La colpa è di Federico Di Marco, che l'attento Bajrami ha approfittato del suo lancio sbagliato al limite dell'area di rigore.

C'era ancora tanto lavoro per l'attaccante, che gioca in Serie A con il Sassuolo. Un rapido abbassamento della spalla gli ha dato spazio davanti al difensore Bastoni.

Prima ha sparato in rete un tiro potente che ha battuto Donnarumma sul primo palo.

Questo risultato ha entusiasmato i tifosi albanesi in viaggio e nessuno se lo aspettava dalla squadra numero 66esima nel mondo – e la seconda squadra più bassa nella classifica – ma la squadra di Sylvinho era pronta per la partita fin dall'inizio.

Nancy Froston


Barella è l'unico giocatore che l'Italia non può permettersi di perdere?

Era certo che la partecipazione di Barella all'Europeo 2024 fosse in forte dubbio. Il dolore che ha accusato l'infortunio alla coscia è stato così forte che alcuni hanno ipotizzato che l'Italia avrebbe dovuto escluderlo dalla rosa e convocare un altro centrocampista.

READ  Leeds e Liverpool potrebbero mancare. Si dice che i giganti italiani abbiano offerto 20 milioni di sterline per l'obiettivo di Bielsa

Spalletti aveva rinunciato a Giacomo Bonaventura, che ha definito “il nostro Jude Bellingham”. Ma non poteva fare a meno di uno dei protagonisti della vittoria dell'Italia all'ultimo Europeo del 2021.

Barella ha saltato le amichevoli contro Turchia e Bosnia-Erzegovina, ma alla vigilia della partita si è allenato a fondo e ha dimostrato di essere uno dei migliori centrocampisti del mondo.

Il 27enne ha sempre saputo dare un tocco sardo ai suoi tiri, ma questo è stato uno dei suoi tiri migliori per l'Italia. Ha stupito tutti la prima volta senza quasi sollevare la schiena.

Si è parlato molto della mancanza di un marcatore in Italia. Nessun giocatore della squadra ha segnato più gol di Barella. Questo era il suo decimo gol con la sua Nazionale.

Scava più a fondo

James Horncastle


Riuscirà Skamaka a trovare il tocco da gol?

A proposito di gol, nessuno ha contestato la decisione di Spalletti di schierare Gianluca Scamaca in attacco. Il suo livello da marzo è così buono con il suo club, l'Atalanta, che il meraviglioso inizio di carriera di Matteo Retegui con l'Italia non ha più molta importanza.

Come ha detto Spalletti alla vigilia della gara d'esordio dell'Italia contro l'Albania: “Scamacca è un giocatore completo. Ha tutto”. Il 25enne rumeno ha utilizzato il suo solito repertorio. Ha provato a eseguire un calcio acrobatico all'indietro. Ha tirato un tiro così forte che ha quasi mandato un difensore albanese contro il muro giallo dello stadio Westfalia. Forse avrebbe dovuto segnare il gol quando Lorenzo Pellegrini gli ha passato la palla e lui è riuscito a riprenderla sul primo palo.

Sfortunatamente per lui, il portiere dell'Albania Thomas Strakosha ha fatto una grande parata. Il compagno di club di Skamaka, il capitano e centrocampista Berat Djemseti, conosce bene le sue tendenze.


La prestazione di Skamaka nella fase iniziale è stata impressionante (Inna Fassbender/AFP tramite Getty Images)

I critici continueranno a sottolineare che Skamaka ha segnato solo un gol a livello senior. Quel gol risale alla sconfitta contro l'Inghilterra a Wembley lo scorso autunno. Ma la sua capacità di trattenere la palla, scambiarsi e passare ripetutamente al suo vecchio compagno di squadra del Sassuolo David Fratesi è il tipo di attacco difficile da difendere su cui l'Italia continuerà a fare affidamento in Germania.

READ  'Suning deve vendere l'Inter al più presto come strada con Zhang vicolo cieco'

James Horncastle


Sylvinho continuerà con Strakosha?

Dopo un inizio veloce per l'Albania, l'Italia è riuscita ad adattarsi alla partita ed è stata superiore come molti si aspettavano.

I compiti difensivi hanno tenuto impegnata la squadra di Sylvinho per gran parte della partita, e il portiere Thomas Strakosha è stato fondamentale per mantenere il punteggio sul 2-1. Bastoni e Barella riescono a superare il portiere del Brentford, ma gli bastano diverse parate forti per mantenere il posto nella successiva partita della fase a gironi.


Strakosha smentisce abilmente Fratesi (Kenzo Tripouillard/AFP tramite Getty Images)

Strakosha e Etrit Berisha (35 anni), che gioca nell'Empoli, hanno fatto parte della formazione titolare delle qualificazioni, dove hanno disputato rispettivamente sei e cinque partite. La difesa è stata un punto di forza per l'Albania durante le qualificazioni che ha subito solo quattro gol nel cammino verso la finale, e la parata di Strakosha sul tiro di Vratesi nel primo tempo – dove è riuscito a deviare la palla sul palo – è stata il momento clou di una serata in cui era tenuto occupato.

Nancy Froston


Cosa ha detto il tecnico dell'Italia Luciano Spalletti?

“Ci sono state tante cose belle, soprattutto nel primo tempo, ma da qualche parte devono andare. Non possono essere fini a se stesse. Ci sono state occasioni per andare a fare danni in più occasioni. Non abbiamo concluso, ” Spalletti ha detto alla RAI. “Si muove il più velocemente possibile. Spesso ci voltavamo e tornavamo per vedere se avevamo scavato lo spazio per finire il trasloco”.

Ma il tecnico dell'Italia ha minimizzato la presunta dipendenza della sua squadra da Barella. Ha detto: “La nazionale non può fare a meno di nessun giocatore. Abbiamo 26 giocatori molto bravi, quindi questo è il modo sbagliato di vedere la cosa”.

“Da quando ho iniziato ad allenare mi dicono che l’importante è vincere. No, l’importante è giocare bene. Per puntare a vincere l’Europeo 2024 dobbiamo giocare un buon calcio metà, e che ha permesso all'Albania di sfruttare la sua fisicità, per entrare in partita dobbiamo mantenere la fiducia nella nostra tecnica: questa è la strada da seguire.

READ  Notizie sui trasferimenti del Manchester United: RECAP costruisce la partita Manchester United vs Chelsea, gli ultimi aggiornamenti di Eric ten Hag e i trasferimenti di Paul Pogba

“La Spagna probabilmente giocherà diversamente dall'Albania e ci metterà più pressione. Dovremo muovere la palla più velocemente di quanto abbiamo fatto stasera. Contro la Spagna dovremo muovere di più la palla in avanti e cercare di giocare palloni dietro la linea difesa.”

Cosa ha detto il tecnico dell'Albania Silvinho?

“Abbiamo iniziato bene la partita con un gol in apertura. La squadra era molto motivata dopo il gol ma avremmo dovuto fare meglio, soprattutto nel secondo tempo siamo riusciti a fare meglio e abbiamo avuto occasioni da rete con Manaj.

“Avremmo potuto gestire meglio la partita, ma non dobbiamo dimenticare che abbiamo affrontato un'ottima squadra. L'Italia ha accelerato il ritmo di gioco. Era una partita molto importante per entrambe le squadre. Dovevano vincere la partita perché è una partita molto gruppo difficile. Non abbiamo potuto resistere.”

“Non era facile, loro sono una buona squadra. Se non avessimo subito il secondo gol, la partita sarebbe stata buona per noi. Non siamo riusciti a resistere ai loro attacchi e per 25 minuti è stato difficile”.

“Devo andare là fuori e ringraziare gli albanesi, è stato fantastico, due giorni fa avevamo detto che lo stadio sarebbe stato rosso e fuori c'erano tanti albanesi orgogliosi di avere una squadra all'Europeo non siamo riusciti a segnare il pareggio negli ultimi minuti.

“Una volta che ti abitui a giocare queste competizioni diventa facile. Io sono abituato a giocare in Champions League, so cosa aspettarmi giocando contro Real Madrid e Juventus quando non sei abituato , non ne hai idea. Anche la gente dice “È un torneo di alto livello, ma non si sa mai, non hai giocato in questa competizione e non sarà facile”.

“Non appena giochi la prima partita, i giocatori iniziano a bloccare. Nei primi 10 o 15 minuti è stato pazzesco per noi. Penso che quando ho visto i tifosi, è stato fantastico e bellissimo”.


Qual è il futuro dell'Italia?

Giovedì 20 giugno: Spagna (Gelsenkirchen), 20:00 BST, 15:00 EDT

Qual è il futuro dell’Albania?

Mercoledì 19 giugno: Croazia (Amburgo), 14:00 BST, 9:00 EDT


Suggerimenti per la lettura

(Foto in alto: Barella esulta per il suo gol. Dean Mohtaropoulos/Getty Images)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *