Islanda: un vulcano vicino a Reykjavik ha eruttato per la seconda volta in 6000 anni

Un vulcano in Islanda vicino a Reykjavik ha iniziato a eruttare meno di un anno dopo la fine della sua prima eruzione 6.000 anni fa.

Il vulcano Fagradalsfjall si trova a circa 20 miglia (circa 32 km) dall’aeroporto di Keflavik, nel sud-ovest dell’isola.

È scoppiato intorno alle 13:30 ora locale di mercoledì.

Nessun volo è stato interrotto e l’aeroporto internazionale è rimasto aperto. Le strade della zona sono state chiuse.

La lava stava emergendo da una stretta fessura, come si vede nel filmato dal vivo della stazione radio islandese RÚV.

La lava scorre su un’area di lava solida che è stata vomitata durante l’eruzione dell’anno scorso durata diversi mesi.

L’eruzione iniziata nel marzo 2021 è durata sei mesi prima di terminare il 19 settembre. Questa è stata la prima eruzione del vulcano in 6000 anni e la prima eruzione nella penisola di Reykjanes in più di 800 anni.

Thorvaldur Thordarsson, professore di vulcanologia all’Università dell’Islanda, ha detto ai media islandesi che non considera la fessura pericolosa finché non si ingrandisce.

Si ritiene che la fessura sia lunga circa 500 metri (1.640 piedi) e che la lava scorra ad una velocità di pochi chilometri cubi al secondo.

Tuttavia, ha avvertito le persone nella zona di evitare di respirare la “nuvola” di gas solforoso che emana dal vulcano.

Le persone nella penisola di Reykjanes dovrebbero assistere all’evento noto come “eruzione turistica” a causa della relativa sicurezza delle persone che lo assistono di persona.

È un termine comunemente usato per descrivere le eruzioni delle loro dimensioni, secondo il sito web turistico islandese Visit Iceland.

READ  Israele blocca la spedizione del vaccino Sputnik V russo a Gaza | Notizie sulla pandemia di coronavirus

L’eruzione del vulcano del 2021 è iniziata con una fessura di soli 180 metri (600 piedi), afferma il sito.

Aggiunge: “Il flusso di lava si è concentrato rapidamente in due crateri che eruttavano continuamente. Non c’era attività esplosiva che producesse pennacchi di cenere, come è successo nell’eruzione dell’Eyjafjallajökull del 2010, che ha fermato il traffico aereo sull’Europa”.

“In questo caso, l’eruzione si è rivelata un’eruzione a fessura snella, che ha provocato un deflusso continuo di lava basaltica di circa 6 metri.3 e il rilascio di gas vulcanici.

“Dopo alcune settimane, si sono formate nuove fessure e nuovi fori hanno iniziato ad aprirsi mentre altri sono diventati inattivi. A un certo punto, sono scoppiati sei fori contemporaneamente”.

L’eruzione dell’Eyjafjallajökull nel 2010 ha inviato una nuvola di cenere vulcanica nell’atmosfera, interrompendo i viaggi aerei tra l’Europa e il Nord America.

Milioni di passeggeri sono rimasti bloccati dopo che più di 100.000 voli sono stati bloccati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.