Infermiera accusata di sei conteggi di omicidio dopo un incidente stradale mortale a Los Angeles | Notizie dagli Stati Uniti

Un’infermiera sospettata di aver causato un incidente con più auto a Los Angeles che ha ucciso un neonato, una donna incinta e altri tre adulti è stata accusata di omicidio premeditato.

Secondo l’ufficio del procuratore distrettuale della contea di Los Angeles, Nicole Lauren Linton, 37 anni, del Texas, è stata accusata di sei conteggi di omicidio e cinque di omicidio colposo di autoveicoli con grave negligenza.

I pubblici ministeri affermano che una Mercedes-Benz stava viaggiando a 90 miglia all’ora giovedì scorso quando si è scontrata con le auto a un incrocio vicino a una stazione di servizio a Windsor Hills, dando fuoco a diverse.

Si ritiene che l’auto abbia superato il semaforo rosso, secondo la California Highway Patrol.

E il filmato dell’incidente mortale, che è stato pubblicato sui social media, ha mostrato che l’auto si è scontrata con diversi altri veicoli prima che prendesse fuoco.

immagine:
I tecnici sostituiscono i semafori bruciati e la segnaletica dopo l’incidente a Windsor Hills, Los Angeles. Immagine: AP

Tra le vittime c’erano la madre incinta di 23 anni Asherie Ryan, il figlio di 11 mesi Alonzo Quintero e il fidanzato Reynolds Lester.

La famiglia del signor Lester ha detto a KABC-TV che la guardia di sicurezza di 24 anni era il padre del nascituro della signora Ryan e che stavano andando a un appuntamento dal medico per un controllo prenatale quando si è verificata la collisione.

Per il feto, che l’ufficio del medico legale ha identificato come Armani Lister e indicato come nato lo stesso giorno della sua morte, è stato presentato un conteggio di omicidio – ma non un’accusa di omicidio stradale.

READ  Ultime notizie dall'Afghanistan in diretta: i talebani affermano di aver catturato la valle del Panjshir

“Una giovane famiglia è stata devastata in un batter d’occhio”, ha detto il procuratore distrettuale George Gascon in una conferenza stampa.

Anche altre due donne sono state uccise, ma i loro nomi non sono ancora stati resi noti.

Linton non ha presentato una petizione durante la sua prima apparizione in tribunale lunedì.

Rischia l’ergastolo se condannata per tutte le accuse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.