Incendio spento nella famigerata prigione iraniana di Evin dopo scontri e notizie di spari | Iran

Sabato è scoppiato un incendio nella famigerata prigione iraniana di Evin, dove sono detenuti i prigionieri politici, con spari e un allarme sentito.

I media statali hanno citato un funzionario della sicurezza senza nome che ha affermato che la situazione nella prigione della capitale Teheran era “calma” dopo i disordini in una sezione della prigione che includeva “teppisti”.

Il sito ufficiale della magistratura, Mizan Online, ha affermato che una sezione della prigione ha preso fuoco “dopo una lite tra diversi detenuti”. Citando il servizio carcerario, Mizan ha affermato che “la polizia è stata chiamata per aiutare le guardie carcerarie a riportare la calma a Evin il più rapidamente possibile” e che l’incendio è stato spento.

Le prime notizie sulla sparatoria erano alle 19:30 ora locale mentre le proteste continuavano in tutto il paese.

Il sito web dell’attivista 1500tasvir ha affermato che “si possono sentire spari dalla prigione di Evin e si può vedere del fumo”, che ha anche pubblicato filmati che mostravano forze speciali su motociclette che si dirigevano verso la prigione.

Un testimone ha detto a Reuters: “Le famiglie dei prigionieri si sono radunate davanti alla porta principale della prigione di Evin. Vedo fuoco e fumo. Molte forze speciali. Ci sono anche le ambulanze”.

Almeno otto persone sono rimaste ferite nell’incendio, ha detto l’agenzia di stampa ufficiale IRNA.

Nazanin Zaghari-Ratcliffe, che detiene la doppia cittadinanza britannica e iraniana, è stato imprigionato nella prigione di Evin per quasi cinque anni. Arrestata nel 2016 con l’accusa di spionaggio, accuse che ha sempre negato, è finalmente tornata a casa nel Regno Unito nel marzo di quest’anno dopo Sei anni di prova.

READ  Il capo diplomatico di Pechino manda uno spaventoso avvertimento agli Stati Uniti su Taiwan mentre i timori di guerra aumentano | Il mondo | notizia

Anousheh Ashouri, un ingegnere britannico-iraniano in pensione, è stato imprigionato a Evin per quasi cinque anni dopo essere stato accusato di spionaggio per conto di Israele, accuse che ha sempre negato. È stato rilasciato contemporaneamente a Zaghari Ratcliffe.

Il suo avvocato ha detto che Siamak Namazi, un iraniano-americano imprigionato in Iran per quasi sette anni con l’accusa di spionaggio respinto da Washington come infondato, è tornato a Evin mercoledì dopo aver preso un breve congedo. A Evin si terranno anche altre doppia nazionalità.

I gruppi per i diritti umani occidentali hanno a lungo criticato la prigione, che spesso ospita detenuti che devono affrontare accuse di sicurezza, ed è stata inserita nella lista nera dal governo degli Stati Uniti nel 2018 per “gravi violazioni dei diritti umani”.

Human Rights Watch ha accusato le autorità carcerarie di aver utilizzato minacce di tortura e reclusione a tempo indeterminato, nonché lunghi interrogatori e rifiuto di cure mediche per i detenuti.

Lo ha detto Amnesty International l’anno scorso Filmati di sorveglianza trapelati dalla prigione Mostrava prigionieri maltrattati e molestati sessualmente.

Le proteste sono scoppiate per la prima volta in Iran il mese scorso dopo la morte del 22enne Mahsa Amini, in custodia di polizia.

pettegolezzo Un simbolo della repressione iraniana Dopo che è stata arrestata dalla polizia morale, che l’ha accusata di indossare l’hijab in modo inappropriato.

Le proteste sono sfociate in scioperi con la chiusura di negozi e attività commerciali in risposta alla regola religiosa del Paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.