Il Voyager 1 della NASA invia dati misteriosi dall’esterno del nostro sistema solare

Viaggiatore della NASA 1 Continua il suo viaggio al di fuori del nostro sistema solare, 45 anni dopo il suo lancio. Ma ora, la navicella spaziale veterana sta inviando strani dati, sconcertando i suoi ingegneri.

Nasa Ha detto mercoledì che mentre la sonda funziona ancora correttamente, le letture dell’Expression and Attitude Control System – in breve AACS – non sembrano corrispondere ai movimenti e alla direzione del veicolo spaziale, indicando che il veicolo è confuso sulla sua posizione nello spazio.

L’AACS è essenziale per la Voyager per trasmettere i dati della NASA sull’ambiente interstellare circostante poiché mantiene l’antenna del velivolo puntata verso il nostro pianeta.

Susan Dodd, responsabile del progetto Viaggiatore 1 e 2 Al Jet Propulsion Laboratory della NASA, ha detto in a affermazione.

“Il veicolo spaziale ha circa 45 anni, che è molto al di là di ciò che si aspettavano i pianificatori della missione”.

Un ingegnere lavora su un’antenna parabolica Voyager ad alto guadagno, 9 luglio 1976. (NASA/JPL-Caltech)

La NASA ha affermato che il gemello della Voyager 1, la sonda Voyager 2, si sta comportando normalmente.

Lanciato nel 1977 Per esplorare i pianeti esterni del nostro sistema solare, Voyager 1 è in lavorazione da molto tempo e continua a inviare informazioni sui suoi voli di ritorno sulla Terra. La navicella spaziale pioniera ha lasciato il nostro sistema solare e Entrato nello spazio interstellare nel 2012. Ora si trova a 14,5 miliardi di miglia dalla Terra, il che lo rende l’oggetto creato dall’uomo più lontano.

Da quanto possono dire i suoi ingegneri, ha affermato la NASA, il sistema AACS della Voyager 1 sta inviando dati generati casualmente che non “riflettono ciò che sta effettivamente accadendo a bordo”.

READ  Per la prima volta, gli astronomi vedono un disco che forma la luna attorno a un esopianeta

Ma anche se i dati di sistema indicano diversamente, l’antenna del veicolo spaziale sembra essere allineata correttamente: riceve ed esegue comandi dalla NASA e invia i dati alla Terra. Finora, ha affermato, il problema del sistema non ha spinto la vecchia navicella spaziale ad entrare in “modalità sicura”, durante la quale esegue solo operazioni di base.

“Fino a quando la natura del problema non sarà meglio compresa, il team non può prevedere se ciò potrebbe influenzare il tempo in cui il veicolo spaziale può raccogliere e trasmettere dati scientifici”, ha affermato la NASA.

Dodd e il suo team sperano di scoprire cosa sta causando l’invio di dati indesiderati da parte di un bot messenger dalla Terra.

“Ci sono alcune grandi sfide per il team di ingegneri”, ha affermato Dodd.

Uno dei principali: la luce impiega 20 ore e 33 minuti per raggiungere l’attuale posizione interstellare della Voyager, quindi un messaggio di andata e ritorno tra l’agenzia spaziale e la Voyager richiede due giorni.

“Ma penso che se c’è un modo per risolvere questo problema con AACS, il nostro team lo troverà”, ha aggiunto Dodd.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato da interessato al commercio.

Altro da Business Insider:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.