Il tribunale italiano blocca le indagini delle autorità egiziane sull’omicidio di Regeni

La Corte Suprema italiana ha stabilito che il processo contro quattro agenti di sicurezza egiziani per la scomparsa e l’omicidio dello studente italiano Giulio Regeni può continuare.

Il sistema legale italiano è estremamente lento e non vi è alcuna indicazione immediata su quando riprenderà il processo [Stefano Montesi – Corbis/Corbis via Getty]

Mercoledì la Corte Suprema italiana ha stabilito che il processo contro quattro funzionari della sicurezza egiziana per la scomparsa e l’uccisione di uno studente italiano può continuare, anche se gli imputati non sapevano di essere accusati.

Il processo contro i quattro avrebbe dovuto aprirsi nel 2021, ma è stato rapidamente sospeso dopo che un giudice si è pronunciato a favore degli avvocati difensori nominati dal tribunale, che hanno sostenuto che il procedimento non era valido se non c’erano prove che gli egiziani fossero a conoscenza del caso.

La Corte Suprema italiana, che ha esaminato la questione, ha affermato in una dichiarazione che il codice legale sulla questione era incostituzionale a causa della mancanza di cooperazione da parte dello Stato di origine dei sospettati, aprendo la strada alla ripresa del processo.

“C’è grande soddisfazione nella possibilità di condurre un’indagine nel rispetto dei nostri principi costituzionali, che è stata la luce guida del nostro lavoro”, ha dichiarato in una nota il procuratore capo di Roma, Francesco Lo Voi.

Giulio Regeni, uno studente post-laurea presso l’Università di Cambridge in Gran Bretagna, è scomparso al Cairo nel gennaio 2016. Il suo corpo fu ritrovato quasi una settimana dopo e l’autopsia rivelò che era stato brutalmente torturato prima di morire.

I pubblici ministeri italiano ed egiziano hanno processato il caso insieme, ma le due parti in seguito si sono ritirate e sono giunte a conclusioni molto diverse.

READ  Il Getty Museum di Los Angeles rimpatria in Italia l'arte esportata illegalmente

La procura italiana afferma che il maggiore Maqdi Sharif dei servizi segreti egiziani, l’ex capo della sicurezza dello stato, il maggiore generale Tarek Sabir, il colonnello della polizia Hisham Helmy e l’ex capo delle indagini della città del Cairo, il colonnello Athar Kamal, sono “responsabili dell’atroce rapimento”. “Di Regeni.

Sharif è stato accusato anche di “associazione a delinquere finalizzata a commettere omicidio aggravato”.

I sospettati non hanno mai risposto pubblicamente alle accuse e la polizia e le autorità egiziane hanno ripetutamente negato qualsiasi coinvolgimento nella scomparsa e nell’omicidio di Regeni.

Un pubblico ministero italiano ha detto alla corte nel 2021 che l’Italia aveva tentato in circa 30 occasioni attraverso canali diplomatici e governativi di ottenere gli indirizzi dei sospettati, ma non ha ricevuto risposta.

Il sistema legale italiano è estremamente lento e non vi è alcuna indicazione immediata su quando riprenderà il processo.

(Reuters)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *