Il tentativo della Svezia di aderire alla NATO “dimostra che l’aggressione di Vladimir Putin non sta dando i suoi frutti”

Il ministro degli Esteri Liz Truss ha avvertito Ankara che rischia di dare a Putin una grande vittoria opponendosi a una prevista espansione della NATO da 30 a 32 membri.

Ha detto che i due paesi scandinavi dovrebbero essere integrati nella coalizione militare guidata dagli Stati Uniti “il prima possibile se scelgono di unirsi”.

“La politica delle porte aperte della NATO è essenziale e se Finlandia e Svezia decideranno di presentare domanda di adesione, è chiaro che rafforzeranno l’alleanza e la sicurezza europea nel suo insieme”, ha aggiunto.

I diplomatici hanno affermato che le concessioni statunitensi, come l’accettazione di inviare caccia F-16 ad Ankara, potrebbero anche consentire alla Turchia di fare marcia indietro.

Washington ha impedito alla Turchia di acquistare caccia F-35 di fabbricazione statunitense nel 2019 dopo che Ankara ha acquistato i sistemi missilistici antiaerei russi S-400 da Mosca.

Anthony Blinken, segretario di Stato americano, si è detto fiducioso che l’opposizione della Turchia possa essere superata. Ha detto di aver tenuto colloqui separati con la sua controparte turca.

“Non voglio descrivere la conversazione specifica che abbiamo avuto né con il ministro degli Esteri né durante la stessa sessione della NATO”, ha detto ai giornalisti. “Ma questo posso dire molto: ho sentito quasi in tutte le aree, un supporto molto forte [for Sweden and Finland] Unisciti all’alleanza.

“La Turchia ha chiarito che la sua intenzione non è vietare l’adesione”, ha affermato Stoltenberg.

Il capo della NATO ha detto ai giornalisti di essere “fiducioso che saremo in grado di affrontare le preoccupazioni espresse dalla Turchia in un modo che non ritardi l’adesione o il processo di adesione”.

READ  Inondazioni in Germania e Belgio: le vittime raccolgono pezzi mentre un villaggio belga è devastato da un'alluvione | notizie dal mondo

Annallina Barbock, ministro degli esteri tedesco, ha invitato gli alleati a non interrompere i colloqui di adesione di Svezia e Finlandia. “Non dovrebbero esserci zone d’ombra”, ha detto. “Se quei paesi decidono di aderire, possono aderire molto rapidamente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.