Il telescopio spaziale James Webb riprende la sua prima immagine della stella più lontana dell’universo

Il telescopio spaziale James Webb della NASA ha catturato un’immagine della stella più lontana dell’universo.

Si chiamava Earndel, dal personaggio del prologo de “Il Silmarillion” di JRR Tolkien, a circa 28 miliardi di anni luce dalla Terra.

Questo è più di 10 miliardi di anni luce di distanza dalle stelle più lontane che gli astronomi hanno visto.

A distanze così enormi, gli esperti di solito possono formare solo intere galassie, ma una fortunata coincidenza ha permesso loro di avvistare Erendale con il telescopio spaziale Hubble e poi osservarla di nuovo con Webb il 30 luglio.

Confrontando l’immagine di Hubble con l’immagine catturata dal nuovo telescopio spaziale della NASA da 10 miliardi di dollari (7,4 miliardi di sterline), gli esperti sono stati in grado di trovare l’elusivo Earndel come un debole punto rosso sotto un gruppo di galassie lontane.

Lontano, molto lontano: la stella più famosa dell’universo è stata catturata dal telescopio spaziale James Webb della NASA. Earndel si trova a circa 28 miliardi di anni luce dalla Terra ed è mostrato qui in questa immagine dove si trova la freccia bianca

Cerchiato: gli esperti hanno trovato Earndel come un debole punto rosso sotto un gruppo di galassie lontane

Cerchiato: gli esperti hanno trovato Earndel come un debole punto rosso sotto un gruppo di galassie lontane

“Siamo entusiasti di condividere la prima immagine JWST di Earendel”, ha affermato un gruppo di astronomi utilizzando l’account Twitter di Cosmic Spring JWST.

Cos’è una lente gravitazionale?

Un’inversione gravitazionale si verifica quando una galassia massiccia o un gruppo di galassie piega la luce emessa da una galassia più distante.

Questo costituisce un’immagine molto ingrandita, anche se è molto distorta.

Questo perché oggetti enormi piegano lo spaziotempo attorno a loro, facendo viaggiare la luce in un percorso diverso.

Questa teoria fu proposta per la prima volta da Einstein nella sua teoria della relatività generale.

La stella, la cui luce ha impiegato 12,9 miliardi di anni luce per raggiungere la Terra, è così debole che sarebbe difficile da trovare senza l’aiuto di Hubble, che ha ripreso la luce ultravioletta visibile di Webb rispetto alla luce infrarossa.

Questo esempio di due telescopi che lavorano fianco a fianco è esattamente ciò che la NASA aveva immaginato, anche se Webb alla fine fu considerato il successore del famoso Hubble.

READ  La navicella Solar Orbiter dà uno sguardo più da vicino al Sole

“Siamo entusiasti di condividere la prima immagine JWST di Earendel, la stella più lontana conosciuta nel nostro mondo, con una lente ingrandita e ingrandita da un enorme ammasso di galassie”, ha affermato un gruppo di astronomi utilizzando l’account Twitter di Cosmic Spring JWST.

Il loro tweet si riferisce a un’inversione gravitazionale, in cui la luce viene allungata in una lunga curva dall’attrazione gravitazionale di un ammasso di galassie più vicino alla Terra.

Questo processo ha gonfiato la galassia Sunrise Arc in cui risiede Earendel di un fattore di oltre 1.000, consentendo agli astronomi di confermare tramite Webb che si trattava di una singola stella e non di un gruppo di centinaia.

Gli esperti hanno affermato che la stella è visibile perché è perfettamente allineata con l’ammasso di galassie per fornire il massimo ingrandimento possibile.

“Questo è un allineamento davvero fortunato”, ha affermato Dan Ko, dello Space Telescope Science Institute nel Maryland. nuovo mondo.

“Nessuno ha mai visto una stella così grande, per non parlare di una galassia”.

Poiché la luce richiede tempo per viaggiare, questa nuova immagine web mostra Earndel com’era circa 900 milioni di anni dopo il Big Bang.

Il personaggio di Tolkien Earndale è stato l’ispirazione per il nome Earndell, secondo Brian Welch, un dottorando che ha guidato un team di astronomi alla Johns Hopkins University alla scoperta della stella lontana.

“Una volta che ero ragionevolmente certo che questo oggetto fosse una stella”, ha detto, “ho iniziato a fare un brainstorming sui possibili nomi”.

Eärendil è stata una delle prime cose che mi è venuta in mente, quando ha finito per navigare nel cielo con la sua nave Vingilot con Silmaril sulla fronte, diventando una stella e un simbolo di speranza sulla Terra di Mezzo.

“Quando ho guardato più a fondo, ho scoperto che l’ispirazione originale di Tolkien per il personaggio era una parola inglese antico Earendel, che significa Stella del mattino”.

Welch ha aggiunto: “Il segnale della ‘Stella del Mattino’ ha funzionato particolarmente bene, perché questo è un periodo di tempo spesso chiamato Cosmic Dawn, quindi ha fatto quel tipo di accordo per me.

Confrontando l'immagine di Hubble (nella foto) con quella scattata da Webb, gli esperti sono stati in grado di trovare l'elusivo Earndel come un piccolo punto rosso sotto un gruppo di galassie lontane.

Confrontando l’immagine di Hubble (nella foto) con quella scattata da Webb, gli esperti sono stati in grado di trovare l’elusivo Earndel come un piccolo punto rosso sotto un gruppo di galassie lontane.

JWST è progettato per studiare le prime stelle. Fino a poco tempo, presumevamo che ciò significasse gruppi di stelle all’interno delle prime galassie, hanno scritto gli astronomi dello Space Telescope Science Institute nel Maryland in un recente articolo discutendo delle lenti gravitazionali.

Ma negli ultimi tre anni sono state scoperte tre stelle singole iperlenti.

Ciò fornisce una nuova speranza per l’osservazione diretta di singole stelle a distanze cosmiche utilizzando JWST.

Gli astronomi sperano che il prossimo ciclo di osservazioni di Webb da parte del team dello Space Telescope Science Institute, previsto per dicembre, rivelerà i componenti di Earendel e Sunrise Arc.

“Siamo tutti fatti di stelle, ma queste cose non esistevano nell’universo primordiale”, ha detto Koo.

“Questa è una rara opportunità per scoprire se elementi pesanti fossero presenti in questa stella 13 miliardi di anni fa”.

Poiché la luce richiede tempo per viaggiare, questa nuova immagine di Webb (nella foto) mostra Earendel com'era circa 900 milioni di anni dopo il Big Bang

Poiché la luce richiede tempo per viaggiare, questa nuova immagine di Webb (nella foto) mostra Earendel com’era circa 900 milioni di anni dopo il Big Bang

Il mese scorso, le immagini abbaglianti e senza precedenti di Webb di un “vivaio stellare”, una stella morente ricoperta di polvere e una “danza cosmica” tra una serie di galassie sono state rivelate al mondo per la prima volta.

Ha posto fine a mesi di frenetica attesa e anticipazione quando è stato affrontato il primo lotto di un tesoro di immagini che sarebbe culminato nel nostro primo sguardo all’alba dell’universo.

Le capacità a infrarossi di Webb significano che può “vedere il tempo passato” entro soli 100-200 milioni di anni dal Big Bang, permettendogli di scattare foto delle prime stelle a brillare nell’universo più di 13,5 miliardi di anni fa.

READ  A man in the northern region says his wife is released from a coma after more than two months of hospitalization with COVID-19

Le sue prime immagini di nebulose, esopianeti e ammassi galattici hanno suscitato grandi celebrazioni nel mondo scientifico, in quello che è stato salutato come un “Grande Giorno per l’Umanità”.

I ricercatori inizieranno presto a saperne di più sulle masse, le età, la storia e la composizione delle galassie mentre Webb cerca di esplorare le galassie più antiche dell’universo.

Telescopio James Webb: il telescopio della NASA da 10 miliardi di dollari costruito per rilevare la luce delle stelle e delle galassie più antiche

Il James Webb Telescope è stato descritto come una “macchina del tempo” che potrebbe aiutare a svelare i segreti del nostro universo.

Il telescopio sarà utilizzato per osservare le prime galassie nate nell’universo primordiale più di 13,5 miliardi di anni fa e per osservare le sorgenti di stelle, esopianeti e persino lune e pianeti del nostro sistema solare.

L’enorme telescopio, che è già costato più di 7 miliardi di dollari (5 miliardi di sterline), è il successore del telescopio spaziale Hubble.

Il telescopio James Webb e la maggior parte dei suoi strumenti hanno una temperatura di circa 40 K – circa meno 387 gradi Fahrenheit (meno 233 gradi Celsius).

È il più grande e potente telescopio spaziale orbitante al mondo, in grado di guardare indietro di 100-200 milioni di anni dopo il Big Bang.

L’osservatorio a infrarossi orbitante è progettato per essere circa 100 volte più potente del suo predecessore, il telescopio spaziale Hubble.

Alla NASA piace pensare a James Webb come a un successore di Hubble piuttosto che a un sostituto, poiché i due lavoreranno insieme per un po’.

Il telescopio Hubble è stato lanciato il 24 aprile 1990 tramite lo space shuttle Discovery dal Kennedy Space Center in Florida.

Orbita intorno alla Terra a circa 17.000 miglia orarie (27.300 chilometri orari) in un’orbita terrestre bassa ad un’altitudine di circa 340 miglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.