Il telescopio spaziale James Webb cattura immagini nitide di Nettuno e dei suoi anelli

Finora, il James Webb Space Telescope ci ha fornito alcune immagini incredibilmente dettagliate di grandi distanze nello spazio, fornendoci uno spaccato dei primi giorni dell’universo. Ma ora i suoi obiettivi ben regolati si sono spostati per sembrare un po’ più vicini a noi e i risultati sono assolutamente sbalorditivi. Queste sono le immagini a infrarossi che il James Webb Telescope ha ora scattato su Marte, dandoci uno sguardo al pianeta rosso in giallo e viola. Quindi, per il profano, cosa stiamo guardando esattamente qui? *** Molte delle informazioni a infrarossi catturate dal pianeta sono *** dovute alla radiazione termica proveniente da esso. Quindi, sono principalmente informazioni, ma potresti notare *** un’area arancione più scura vicino alla parte inferiore dell’immagine. Questo è il bacino dell’Hellas, che non è solo uno dei più grandi crateri da impatto causati da un massiccio impatto *** sui MAr, ma è anche uno dei più grandi crateri da impatto dell’intero Sistema Solare. Allora cosa ci dice il colore? La sezione più scura rivela che l’atmosfera di Marte, che consiste principalmente di anidride carbonica, è più densa attorno al cratere. E i ricercatori affermano che questa singola immagine ci ha permesso di prevedere la presenza non solo di anidride carbonica, ma anche di monossido di carbonio e acqua nell’atmosfera della signora.

Il telescopio spaziale James Webb cattura immagini nitide di Nettuno e dei suoi anelli

Video sopra: il James Webb Space Telescope cattura immagini inaspettate di Marte Nuove immagini rilasciate mercoledì dal James Webb Space Telescope della NASA rivelano Nettuno e gli anelli difficili da rilevare del pianeta sotto una nuova luce. “Sono passati tre decenni dall’ultima volta. Abbiamo visto questi anelli deboli e polverosi, e questa è la prima volta che li vediamo a infrarossi”, ha detto Heidi Hummel, esperta di Nettuno e scienziata interdisciplinare con il Progetto Webb, in un comunicato stampa Webb Le deboli bande di polvere di Nettuno.Alcuni anelli non sono stati osservati da quando il Voyager 2 della NASA ha ottenuto la prima prova fotografica degli anelli di Nettuno in volo nel 1989. Scuro, freddo e sferzato da venti supersonici, Nettuno è il più lontano pianeta nel nostro sistema solare.Il pianeta e il suo vicino Urano sono chiamati “giganti di ghiaccio” perché il loro interno è costituito da elementi più pesanti dei giganti gassosi Giove e Saturno, che sono più ricchi di idrogeno ed elio.Nelle nuove immagini, appare Nettuno bianco, a differenza del tipico aspetto blu che ha nelle viste catturate.A lunghezze d’onda visibili della luce.Questo perché il metano, che fa parte della composizione chimica del pianeta, non appare blu sulla fotocamera a infrarossi vicini (NIRCam) di Webb e Nelle immagini compaiono anche nuvole di ghiaccio di metano, che sono strisce luminose e punti che riflettono la luce del sole. sole prima che accada. Viene assorbito dal metano. È anche possibile identificare una linea sottile e luminosa che circonda l’equatore del pianeta, che potrebbe essere una “firma visiva della circolazione atmosferica globale che alimenta i venti e le tempeste di Nettuno”, secondo la dichiarazione. Webb ha anche catturato sette delle 14 lune conosciute di Nettuno, inclusa la sua più grande, Tritone, che si muove attorno al pianeta in un’insolita orbita posteriore. Gli astronomi pensano che Tritone potrebbe essere stato un oggetto nella fascia di Kuiper – una regione di corpi ghiacciati ai margini del Sistema Solare – caduto nella presa gravitazionale di Nettuno. Gli scienziati hanno in programma di utilizzare Webb per studiare ulteriormente Tritone e Nettuno nei prossimi anni, poiché Nettuno è 30 volte più lontano dal Sole rispetto alla Terra e Nettuno si muove attraverso la sua orbita eliocentrica nella regione più oscura del sistema solare esterno. A quella distanza, il Sole è così piccolo e debole che il mezzogiorno di Nettuno ricorda il debole crepuscolo sulla Terra, secondo il comunicato stampa. Agenzia: rispetto ad altri telescopi, l’enorme specchio dell’osservatorio spaziale può vedere lontane galassie più deboli e ha il potenziale per migliorare la comprensione degli scienziati delle origini dell’universo. Tuttavia, utilizza anche la sua qualità dell’immagine ferma e accurata per illuminare il nostro sistema solare, con immagini di Marte, Giove e ora Nettuno.

READ  Segnali di pericolo medici di illuminazione a gas e come difendersi

Video sopra: il telescopio spaziale James Webb cattura immagini inaspettate di Marte

Nuove immagini rilasciate mercoledì dal telescopio spaziale James Webb della NASA rivelano Nettuno e gli anelli difficili da rilevare del pianeta sotto una nuova luce.

“Sono passati tre decenni dall’ultima volta che abbiamo visto questi anelli deboli e polverosi, e questa è la prima volta che li vediamo a infrarossi”, ha detto Heidi Hamill, esperta di Nettuno e scienziata interdisciplinare con il Progetto Webb. In un comunicato stampa.

Oltre ai numerosi anelli sottili e fragili, le immagini del web di Nettuno mostrano deboli bande di polvere. Alcuni anelli non sono stati osservati da quando il Voyager 2 della NASA ha ottenuto la prima prova fotografica degli anelli di Nettuno durante i loro sorvoli nel 1989.

Oscura, fredda e battuta da venti supersonici, Nettuno è il pianeta più lontano del nostro sistema solare. Il pianeta e il suo vicino Urano sono conosciuti come “giganti di ghiaccio” perché il loro interno è costituito da elementi più pesanti dei giganti gassosi Giove e Saturno, che sono più ricchi di idrogeno ed elio.

Webb & # x2019;  s & # x20;  vicino infrarosso & # x20;  fotocamera & # x20;  & # x28;  NIRCam & # x29;  & # x20;  Foto & # x20;  Oggetti & # x20;  a & # x20;  vicino infrarosso & # x20;  intervallo & # x20;  da & # x20;  0,6 & # x20;  a & # x20;  5   micron, & # x20;  Quindi & # x20;  Nettuno non appare & # x20;  & # x20;  No & # x20;  & # x20;  blu & # x20;  a & # x20;  Ragnatela.  & # x20;  a & # x20;  infatti, & # x20;  metano & # x20;  Quindi & # x20;  fortemente assorbito & # x20;  rosso & # x20;  e & # x20;  infrarossi & # x20;  luce & # x20;  Questo & # x20;  pianeta & # x20;  è & # x20;  completamente & # x20;  scuro & # x20;  a & # x20;  Questo & # x20;  vicino infrarosso & # x20;  lunghezze d'onda, & # x20;  tranne & # x20;  dove & # x20;  alta quota & # x20;  trascina & # x20;  regalo.  & # x20;  come & # x20;  ghiaccio di metano & # x20;  trascina & # x20;  #x20;  prominente & # x20;  come & # x20;  linee luminose & # x20;  patch, & # x20;  riflettere & # x20;  luce solare & # x20;  prima di & # x20;  è & # x20;  #x20;  Succhialo & # x20;  di & # x20;  metano & # x20;  Gas.

NASA/ESA/CSA/STScI

Le immagini della webcam nel vicino infrarosso oggetti nella gamma del vicino infrarosso da 0,6 a 5 micron, quindi Nettuno non appare nel blu di Webb.

Nelle nuove immagini, Nettuno appare bianco, in contrasto con il tipico aspetto blu che ha nelle viste catturate a lunghezze d’onda della luce visibile. Questo perché il metano, parte della composizione chimica del pianeta, non compare nel blu della webcam NIRCam.

Nelle immagini sono visibili anche nuvole di ghiaccio di metano: striature luminose e punti che riflettono la luce solare prima di essere assorbiti dal gas metano. È anche possibile identificare una linea sottile e luminosa che circonda l’equatore del pianeta, che potrebbe essere una “firma visiva della circolazione atmosferica globale che alimenta i venti e le tempeste di Nettuno”, secondo la dichiarazione.

READ  Come fa questa piccola creatura marina a colpire come Mike Tyson

Webb ha anche catturato sette delle 14 lune conosciute di Nettuno, inclusa la sua più grande, Tritone, che si muove attorno al pianeta in un’insolita orbita posteriore. Gli astronomi pensano che Tritone potrebbe essere stato un oggetto Fascia di Kuiper Una regione di corpi ghiacciati ai margini del sistema solare che è caduta nella morsa della gravità di Nettuno. Gli scienziati hanno in programma di utilizzare Webb per continuare a studiare Tritone e Nettuno nei prossimi anni.

Nettuno si trova 30 volte più lontano dal Sole rispetto alla Terra e si muove attraverso la sua orbita eliocentrica nella regione più buia del sistema solare esterno. Il comunicato stampa afferma che il sole a quella distanza è così piccolo e debole che l’aspetto di Nettuno ricorda un crepuscolo scuro sulla Terra.

Webb è una missione di 10 anni gestita dalla NASA, dall’Agenzia spaziale europea e dall’Agenzia spaziale canadese.

Rispetto ad altri telescopi, l’enorme specchio dell’Osservatorio spaziale può vedere lontane galassie più deboli e ha il potenziale per migliorare la comprensione degli scienziati delle origini dell’universo. Tuttavia, utilizza anche la sua qualità dell’immagine ferma e accurata per illuminare il nostro sistema solare, con immagini di Marte, Giove e ora Nettuno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.