Il telescopio James Webb cattura la Nebulosa Tarantola con dettagli sbalorditivi

TLa Nebulosa Tarantola è stata fotografata da molti osservatori in passato, ma Sono state scattate nuove foto di Telescopio James Webb Ci dà una visione più chiara e precisa della regione di formazione stellare. Conosciuta anche come 30 Doradus, la Nebulosa Tarantola è la più grande e luminosa regione di formazione stellare intergalattica vicino alla nostra galassia, il che la rende un soggetto preferito dagli scienziati che studiano la formazione stellare.

Gli astronomi hanno utilizzato tre degli strumenti a infrarossi di Webb per visualizzare la Nebulosa Tarantola. Visto con una webcam nel vicino infrarosso (NIRCam), vedrai i filamenti setosi che hanno dato il nome alla nebulosa attorno a un ammasso di enormi giovani stelle luccicanti di blu al centro dell’immagine sopra. Secondo la NASA, decine di migliaia di queste giovani stelle non sono mai state viste prima poiché sono state nascoste dalla polvere cosmica. I venti e la radiazione stellare di queste giovani stelle hanno portato alla cavità al centro della nebulosa, che è destinata a continuare a cambiare forma. I filamenti che li circondano nascondono più protostelle, dopotutto, e usciranno per unirsi alle altre stelle al centro mentre soffiano gas e polvere, oscurandole alla nostra vista.

In effetti, lo spettrometro nel vicino infrarosso di Webb ha osservato una tale stella emergere da dietro il suo velo di polvere. La NASA afferma che l’attività della stella non sarebbe stata rilevata senza spettri Webb ad alta risoluzione a lunghezze d’onda dell’infrarosso. Gli astronomi hanno anche utilizzato il Medium Infrared Instrument (MIRI) del Web per visualizzare la nebulosa a lunghezze d’onda più lunghe dell’infrarosso e hanno catturato un’immagine completamente diversa da quella scattata da NIRCam. Questa volta, le giovani stelle al centro della nebulosa svaniscono sullo sfondo, mentre il gas circostante e la polvere fredda brillano e brillano, come puoi vedere di seguito.

READ  Se il pianeta Nove è in agguato nel nostro sistema solare, finalmente sappiamo dove si trova

Team di produzione NASA, ESA, CSA, STScI, Webb ERO

Come spiega la NASA, la Nebulosa Tarantola è di particolare interesse per gli scienziati che studiano la formazione stellare, perché ha una composizione chimica simile alle regioni di formazione stellare durante il “mezzogiorno cosmico”. Questo è il periodo di tempo in cui l’universo aveva solo due miliardi di anni e quando la formazione stellare era al suo apice. Nella nostra galassia, non ci sono regioni che producono nuove stelle a un ritmo furioso simile. Inoltre, le regioni di formazione stellare della Via Lattea hanno una composizione diversa. Concentrando il telescopio Webb sulla Nebulosa Tarantola, gli scienziati ora hanno immagini da confrontare con osservazioni profonde di galassie molto distanti dal vero mezzogiorno cosmico, che potrebbero aiutarli a comprendere meglio i primi anni dell’universo.

Tutti i prodotti consigliati da Engadget sono selezionati con cura dalla nostra redazione, indipendentemente dalla casa madre. Alcune delle nostre storie includono link di affiliazione. Se acquisti qualcosa tramite uno di questi link, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Tutti i prezzi sono corretti al momento della pubblicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.