Il soprano americano, offeso da blackface, lascia l’opera italiana

ROMA (AP) — Il soprano Angel Blue dice che non si esibirà in un’opera in Italia questo mese perché Blackface è stato utilizzato sullo stesso palco quest’estate in un altro lavoro.

La cantante americana ha pubblicato una nota sulla sua pagina Instagram di AngelJoyBlue, dicendo che questo mese si ritirerà da “La Traviata” all’Arena di Verona, poiché il teatro ha recentemente messo in scena un’altra opera di Giuseppe Verdi, “Aida”.

Ha criticato le pratiche teatrali “arcaiche” definendole “aggressive, umilianti e apertamente razziste”.

Angel Blue, tuttavia, è stato elencato sul sito web dell’Arena sabato per aver cantato il ruolo di Violetta ne “La Traviata” il 22 e 30 luglio.

Il teatro ha detto che spera che Blue, che è nero, accetterà un invito a incontrare i funzionari dell’arena “in conversazione” sulla questione. Arena, in una dichiarazione di venerdì, ha affermato di “non avere motivo o intenzione di ferire o disturbare i sentimenti di nessuno”.

Per decenni, le organizzazioni americane per i diritti civili hanno condannato pubblicamente la faccia nera – in cui gli artisti bianchi si annerivano la faccia – come disumanizzante i neri introducendo e rafforzando gli stereotipi razziali.

Questa estate va in scena “Aida”, basato sul classico dell’opera teatrale del 2002 del regista italiano Franco Zeffirelli, scomparso nel 2019.

“Cari amici, familiari e amanti dell’opera”, ha esordito il post su Instagram del soprano. “Sono giunto alla sfortunata conclusione che quest’estate non canterò La Traviata all’Arena di Verona come previsto”.

Riguardo alla decisione di Arena di usare il trucco blackface in “Aida”, il cantante ha scritto: “Lasciatemi essere assolutamente chiaro: l’uso del blackface nell’arte o in qualsiasi altra situazione è una pratica profondamente sbagliata basata su tradizioni teatrali arcaiche che non trova posto nella società moderna È offensivo, offensivo e palesemente razzista”.

READ  Trafugato l'anello d'oro della statua di San Nicola nella chiesa d'Italia

“Non posso in buona coscienza associarmi a un’organizzazione che continua questa pratica”, ha scritto.

In un comunicato del teatro si legge che “Angel Blue si è consapevolmente permesso di cantare sul palco” sebbene le “caratteristiche” della messa in scena di Zeffirelli del 2002 fossero “ben note”.

Tuttavia, la sua protesta ha sottolineato la sua convinzione che il teatro avrebbe promosso la comprensione interculturale ed educato il pubblico italiano.

«Ogni Paese ha radici diverse e le sue strutture culturali e sociali si sono sviluppate lungo percorsi storici e culturali diversi», afferma il rapporto dell’Arena della Fondazione Verona. “Spesso le convinzioni comuni si raggiungono solo dopo anni di dialogo e comprensione reciproca”.

La dichiarazione di Arena ha enfatizzato il dialogo, “nel tentativo di comprendere il punto di vista dell’altro, in relazione agli obblighi artistici consapevolmente accettati”.

“Contradizioni, giudizi, etichettature, mancanza di dialogo alimentano solo una cultura delle contraddizioni, che rifiutiamo assolutamente”, si legge nel comunicato, chiedendo una cooperazione per “evitare le divisioni”.

Non è la prima volta che l’uso del trucco blackface da parte di un soprano per eseguire “Aida” a Verona ha suscitato proteste. Nel 2019, la cantante d’opera Tamara Wilson ha protestato contro l’oscuramento del viso per cantare il ruolo del protagonista di una donna etiope in un’opera teatrale bianca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.