Il rapporto afferma che i servizi segreti hanno cancellato le trascrizioni dal 5 e 6 gennaio 2021 dopo che è stato loro chiesto di fornirle

I servizi segreti statunitensi hanno cancellato i messaggi di testo del 5 e 6 gennaio 2021, poco dopo che erano stati richiesti da un cane da guardia interno, secondo una lettera del Dipartimento per la sicurezza interna.

La lettera, dell’ispettore generale del DHS, era Segnalato per la prima volta da The Intercept È stato condiviso con il Comitato del 6 gennaio e con i Comitati per la sicurezza interna della Camera e del Senato.

“È preoccupante, ovviamente. E se c’è un modo per ricostruire i copioni o quello che hai, lo faremo”.

I servizi segreti hanno detto all’IG Bureau che il lotto di messaggi era stato cancellato come parte di un programma di “sostituzione del dispositivo”, secondo la lettera, anche se non sembra essere l’unica infrazione.

Secondo la lettera, dell’ispettore generale del DHS Joseph Kovari, il DHS ha detto agli investigatori che non poteva consegnare i documenti direttamente all’ufficio IG fino a quando non fossero stati esaminati dagli avvocati del DHS, causando “settimane di ritardo” e “confusione sul fatto che tutti i documenti avessero stato prodotto.”

indipendente Ha contattato i servizi segreti per un commento.

L’Ufficio dell’Ispettore Generale ha rifiutato di commentare la natura delle sue comunicazioni in corso con le agenzie e il Congresso.

L’ex funzionario della Casa Bianca Tommy Vietor ha definito i messaggi mancanti “imperdonabili” in un post su Twitter giovedì.

Team di clienti altamente qualificati per proteggere il presidente e gli alti funzionari hanno svolto un ruolo centrale negli eventi del 6 gennaio, un ruolo che è stato esaminato durante le audizioni di quest’estate e oltre.

Cassidy Hutchinson, ex aiutante della Casa Bianca, ha testimoniato davanti al Congresso che le era stato detto che “ArrabbiatoDonald Trump ha tentato di afferrare il volante di una limousine presidenziale e ha colpito un cliente arrabbiato quando gli è stato detto che non poteva fare una visita dell’ultimo minuto al Campidoglio il 6 gennaio come parte della sua campagna di lobbying contro i contatori dei voti del Congresso. . (Il signor Trump ha negato questo.)

READ  99 morti nell'esplosione di una petroliera in Sierra Leone

Nel frattempo, nella stessa Capitol, gli agenti dei servizi segreti hanno cercato di mettere in salvo il vicepresidente Mike Pence una volta che i rivoltosi pro-Trump hanno violato l’edificio, il che lo avrebbe reso incapace di certificare i risultati delle elezioni del 2020.

“Non salgo in macchina”, signor Pence Ha detto Ha detto, secondo Posso risolverlo da solo: il disastroso ultimo anno di Donald J Trumplibro di Washington Post Corrispondenti Philip Rucker e Carol Leonig. “Se salite su quella macchina, voi ragazzi andate via.”

È stato un punto di svolta critico nel caos del 6 gennaio, secondo gli addetti ai lavori.

“La gente dovrebbe capire che se Pence avesse ascoltato i servizi segreti e fosse scappato dal Campidoglio, sarebbe potuto andare molto peggio”, ha detto a The Intercept un funzionario del Congresso senza nome. “Avrebbe potuto essere un colpo di stato riuscito, non solo un tentativo”.

Secondo quanto riferito, dietro il tentativo di mettere da parte il signor Pence c’era un alleato di Trump con legami con i servizi segreti.

E Tony Ornato, l’agente dei servizi segreti che ha fatto a Trump l’insolito passo di nominare il suo vice capo dello staff della Casa Bianca, avrebbe detto a uno dei massimi consiglieri di Pence che il vicepresidente si sarebbe trasferito alla Joint Base Andrews nel Maryland.

“Non puoi farlo, Tony”, consigliere Ha detto risposto. “Lasciatelo dov’è. Ha del lavoro da fare. Ragazzi vi conosco bene. Lo portereste in Alaska se ne aveste la possibilità. No.”

(Il signor Ornato ha negato questo account.)

Si presume che l’agente sia anche la persona che ha detto alla signora Hutchinson, l’assistente della Casa Bianca che ha testimoniato davanti alla commissione del 6 gennaio, dell’incidente con la ruota della limousine.

READ  Sparatoria a Buffalo: il presidente Biden esorta tutti gli americani a rinunciare al "veleno" della supremazia bianca | Notizie dagli Stati Uniti

I servizi segreti hanno affermato che Ornato “non ha avuto alcun coinvolgimento nei movimenti o nelle operazioni del vicepresidente il 6 gennaio 2021” e che era preparato Testimoniare per la terza volta prima della commissione del 6 gennaio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.