Il prossimo continente gigante della Terra, Amasya, si formerà intorno al Polo Nord entro 300 milioni di anni

Un nuovo modello prevede che l’Oceano Pacifico scomparirà tra 300 milioni di anni, riunendo i continenti per formare un nuovo supercontinente chiamato Amasia situato intorno al Polo Nord.

La simulazione è stata effettuata da un team di ricercatori guidato dalla Curtin University in Australia, che ha evidenziato il fatto che l’Oceano Pacifico è più vecchio e ha iniziato a ridursi di nuovo quando i dinosauri vagavano per la Terra: attualmente sta perdendo alcuni centimetri all’anno.

Il modello mostra l’Asia mentre si sposta a est verso le Americhe, che viene tirata a ovest fino a quando i tre continenti si incontrano come un perfetto pezzo di puzzle. L’Antartide alla fine trova la sua strada verso il Sud America e l’Africa si collega con l’Asia da un lato e l’Europa dall’altro per completare Amasya.

L’analisi può arrivare al punto, poiché le prove mostrano che un nuovo supercontinente si è formato ogni 600 milioni di anni e l’ultimo è stato Pangea che si è formato 300 milioni di anni fa.

Le simulazioni prevedono che l’Oceano Pacifico scomparirà, continuando a spostarsi l’uno verso l’altro attorno al Polo Nord

Il primo supercontinente, ritenuto Valpara, si formò 3,3 miliardi di anni fa e fu seguito da Ur 300 milioni di anni dopo.

Tuttavia, Ur è ampiamente accettato come il primo supercontinente a causa di prove più forti che ne dimostrano l’esistenza: si sa poco di Valpara.

Il Kenorland è stato il prossimo quando si è formato 2,7 miliardi di anni fa e si dice che sia costituito da cratoni più piccoli, che sono grandi gruppi stabili di crosta terrestre che costituiscono il nucleo del continente.

READ  Questo pesce perde 20 denti ogni giorno, poi ricresce

Poi è arrivata la Columbia, formata da massicce collisioni 1,8 miliardi di anni fa.

Questo gigantesco continente è costituito da creatine primitive che un tempo consistevano in Laurentia, Baltica, Scudi ucraini e amazzonici, Australia, persino Siberia, Cina settentrionale e Kalahari.

L'Asia si sta spostando a est verso le Americhe, che viene tirata a ovest fino a quando tutto si unisce come un pezzo di un puzzle.  L'Antartide alla fine trova la sua strada verso il Sud America, l'Africa si collega con l'Asia da un lato e l'Europa dall'altro per completare Amasya

L’Asia si sta spostando a est verso le Americhe, che viene tirata a ovest fino a quando tutto si unisce come un pezzo di un puzzle. L’Antartide alla fine trova la sua strada verso il Sud America, l’Africa si collega con l’Asia da un lato e l’Europa dall’altro per completare Amasya

Quando la Columbia iniziò a disintegrarsi nel corso di poche centinaia di milioni di anni, si riunì circa un miliardo di anni fa per formare Rodinia e dominarono il mondo per i successivi 350 milioni di anni.

Successivamente venne la Pannotia, formatasi circa 600 milioni di anni fa e durata 550 milioni di anni prima di dividersi in Laurentia, Siberia e Baltico con la principale massa di terra del Gondwana a sud.

Poi la famosa Pangea apparve 300 milioni di anni fa.

Questa grande massa iniziò a disintegrarsi circa 200 milioni di anni fa, durante il primo Giurassico, per formare infine i continenti moderni, l’Oceano Atlantico e l’Oceano Indiano.

Il prossimo supercontinente sarà Amasya.

L’autore principale, il dottor Chuan Huang, ha detto in a dichiarazione: Il nuovo supercontinente risultante è già stato chiamato Amasia perché alcuni credono che l’Oceano Pacifico si chiuderà (al contrario dell’Oceano Atlantico e Indiano) quando l’America entrerà in collisione con l’Asia.

Anche l’Australia dovrebbe svolgere un ruolo in questo importante evento terrestre, prima in collisione con l’Asia e poi collegando l’America e l’Asia una volta che il Pacifico sarà chiuso.

L’Oceano Pacifico si è formato circa 700 milioni di anni fa quando Rodina iniziò a disgregarsi, rendendolo l’oceano più antico di questo gruppo.

Tuttavia, si sta anche riducendo di 0,19 miglia quadrate all’anno a causa del movimento delle placche tettoniche sotto il fondo del mare.

Il coautore John Curtin, il distinto professor Cheng Xiang Li, anche lui della Curtin School of Earth and Planetary Sciences, ha affermato che avere un’unica massa continentale che domina il mondo intero altererebbe drammaticamente l’ecosistema terrestre.

“La Terra come la conosciamo sarà molto diversa quando si formerà Amasia. Il livello del mare dovrebbe scendere e il vasto interno del supercontinente sarà estremamente arido con l’aumento delle temperature quotidiane.

La Terra è attualmente composta da sette continenti con ecosistemi umani e culture molto diversi, quindi sarebbe bello pensare a come potrebbe apparire il mondo tra 200 e 300 milioni di anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.