Il Primo Ministro italiano afferma che l’immigrazione non risolverà la crisi demografica in Europa

Il primo ministro italiano Giorgia Meloni parla durante il vertice demografico di Budapest, in Ungheria, il 14 settembre 2023. REUTERS/Bernadette Szabo Ottenere i diritti di licenza

14 settembre (Reuters) – Una certa immigrazione legale potrebbe portare benefici alle economie europee, ma l’immigrazione non è la soluzione alla crisi demografica del continente, ha detto giovedì il primo ministro italiano Giorgia Meloni durante un incontro con il suo alleato di destra Viktor Orban a Budapest.

Meloni stava intervenendo a un vertice sulla demografia ospitato dal primo ministro ungherese, un vecchio amico politico.

“Credo che una quota di immigrazione legale… possa dare un contributo positivo alle nostre economie, ma rimango convinto che sarebbe più responsabile per noi affidare ai cittadini europei la soluzione alla crisi del sistema di assistenza sociale europeo”, Ha detto Meloni. .

La coalizione di Meloni, salita al potere lo scorso ottobre, sta promuovendo un’agenda nazionalista che include un approccio duro all’immigrazione, l’impegno ad aumentare il tasso di natalità record in Italia, una legislazione contro la genitorialità gay e l’uso di parole straniere nei documenti ufficiali.

“Viviamo in un’epoca in cui tutto ciò che ci definisce è sotto attacco”, ha detto Meloni, aggiungendo che la difesa del modello tradizionale di famiglia e di Dio è parte di una “grande battaglia” per proteggere l’umanità e i diritti delle persone.

Carlo Calenda, un politico centrista italiano dell’opposizione, ha descritto il riferimento a Dio come “un caso davvero unico per il capo di governo di uno Stato liberale democratico. Si potrebbe dire che Dio non ha bisogno di una difesa meloniana”, ha scritto su X.

READ  Lanciano Pizza Catering Company ha un nuovo proprietario

Sugli stessi social media, Orban ha affermato che Italia e Ungheria stanno “aprendo la strada” nello spostamento a destra della politica dell’UE. “Abbiamo bisogno di governi più conservatori in Europa per fare la differenza a Bruxelles”, ha affermato.

La Meloni si trova ad affrontare una crescente crisi migratoria in patria, poiché la piccola isola italiana di Lampedusa, situata nell’estremo sud dell’Italia, ha visto negli ultimi giorni l’arrivo di migliaia di persone dal Nord Africa.

Nonostante gli impegni presi, il governo Meloni non è riuscito a fermare i crescenti flussi migratori. Quest’anno sono arrivati ​​in Italia finora quasi 126.000 migranti, rispetto ai circa 66.000 nello stesso periodo del 2022.

Il governo italiano ha affermato in una nota che Meloni e Orban concordano sulla necessità di intraprendere un’azione rapida e decisiva sulla migrazione e ha invitato l’Unione europea a fornire una “risposta collettiva”.

I due leader hanno affermato che occorre fornire “un forte sostegno politico ed economico” ai paesi di origine e di transito dei migranti, e che sono necessari maggiori sforzi per combattere i trafficanti di esseri umani e rimpatriare coloro che non hanno diritto di restare.

(Segnalazione di Federico Macchione e Angelo Amanti – Preparato da Mohammed per l’Arab Bulletin – Preparato da Mohammed per l’Arab Bulletin) Montaggio di Alvis Armellini, Mark Heinrich e Hugh Lawson

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *