Il presidente polacco pone il veto alla legge sui media criticata da Stati Uniti e UE | Polonia

Il presidente della Polonia ha posto il veto a una legge sulla proprietà dei media che, secondo i critici, mira a mettere a tacere il canale di notizie americano TVN24, superando una disputa con Washington mentre le tensioni aumentano nell’est del paese. Europa In mezzo a quella che alcuni paesi considerano la crescente affermazione della Russia.

“Mi astengo”, ha detto Andrej Duda in una dichiarazione televisiva dopo che l’Unione Europea e gli Stati Uniti hanno fortemente criticato la legge.

La legge avrebbe impedito alle società al di fuori dello Spazio economico europeo di possedere una partecipazione di controllo nelle società di media polacche. Ciò avrebbe costretto l’American Discovery Group a vendere la sua più grande partecipazione in TVN, una delle più grandi reti televisive private della Polonia. TVN24 è il suo canale di notizie.

L’incaricato d’affari statunitense a Varsavia, Pecs Aliu, ha ringraziato Duda “per la sua leadership e impegno per i valori democratici condivisi e la protezione del clima degli investimenti in Polonia”.

“Gli alleati sono più forti insieme!” Egli ha detto.

In una dichiarazione, il consiglio di amministrazione di TVN ha accolto l’annuncio “con apprezzamento e gioia”, affermando che il presidente “ha sostenuto buone relazioni con gli Stati Uniti”.

Mentre la mossa consente al membro della NATO Polonia di evitare un potenziale litigio con Washington, la decisione significa che un progetto votato dal parlamento dal partito nazionalista Legge e Giustizia (PiS) al governo è stato bloccato dal presidente eletto come loro alleato.

I legislatori polacchi hanno adottato la legge questo mese e il governo ha affermato che la legge proteggerà il panorama dei media polacchi da potenziali attori ostili come la Russia.

READ  Crollo edificio di Miami: vittime sull'orlo di un accordo da miliardi di dollari | Notizie dagli Stati Uniti

Duda ha affermato di essere d’accordo con questo principio, ma non dovrebbe applicarsi agli accordi commerciali e ai trattati di investimento esistenti.

All’inizio di questo mese, migliaia di polacchi hanno protestato fuori dal palazzo presidenziale a Varsavia contro la legge, molti tra la folla sventolavano bandiere dell’UE e cantavano “media liberi”.

L’ex presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, che guida il partito di opposizione Piattaforma civica, ha affermato che la decisione di Duda ha mostrato che “la pressione ha senso”.

Il portavoce della Commissione europea Christian Wiegand aveva affermato prima del veto di Tusk che la proposta di legge avrebbe comportato “seri rischi per la libertà dei media e il pluralismo in Polonia”.

Il partito Legge e Giustizia al governo in Polonia controlla l’emittente televisiva pubblica TVP, che è diventata il portavoce del governo, e gran parte della stampa regionale.

Da quando il PiS è stato eletto al potere nel 2015, la Polonia è scesa di 46 posizioni nell’indice mondiale sulla libertà di stampa di Reporters sans frontières, al 64°.

Duda ha detto in una dichiarazione televisiva lunedì che se la legge entrerà in vigore, potrebbe violare il trattato firmato con gli Stati Uniti sulle relazioni economiche e commerciali.

Ha detto: “Uno degli argomenti presi in considerazione durante l’analisi di questa legge è stata la questione di un accordo internazionale concluso nel 1990… Questo trattato parla di protezione degli investimenti”.

“C’è una clausola che esclude gli investimenti legati ai media, ma è legata agli investimenti futuri”.

La deputata del PiS Joanna Lechuca ha dichiarato alla radio pubblica Polskie Radio 24 che era “sorprendente” che Duda non avesse menzionato scappatoie nella legge sulla proprietà straniera delle società di media nel giustificare la sua decisione.

“Non lo vedrò dal punto di vista del tradimento, ma di una differenza di approccio a ciò che è appropriato per la Repubblica di Polonia”, ha detto.

AFP e Reuters hanno contribuito a questo rapporto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.