Il presidente italiano Berlusconi afferma che Putin è stato “spinto” nella guerra in Ucraina

Il leader di forza Italia Silvio Berlusconi parla durante la campagna elettorale di chiusura della coalizione di centrodestra in Piazza del Popolo, in vista delle elezioni generali del 25 settembre a Roma, 22 settembre 2022. REUTERS/Yara Nardi

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

  • Il russo Putin è un vecchio amico di Berlusconi
  • Il blocco di destra di Berlusconi vincerà le elezioni del 25 settembre
  • Il leader italiano dice che Putin ha immaginato una guerra veloce

ROMA (Reuters) – L’ex primo ministro italiano Silvio Berlusconi ha affermato che il presidente russo Vladimir Putin “ha spinto” a invadere l’Ucraina e ha voluto “persone rispettabili” al comando di Kiev, suscitando aspre critiche in vista delle elezioni italiane.

Il leader italiano, il cui partito Forza Italia appartiene a una coalizione di destra che dovrebbe vincere le elezioni generali di domenica, è amico di lunga data di Putin e i suoi commenti probabilmente allarmeranno gli alleati occidentali. Leggi di più

“Putin è stato spinto dal popolo russo, dal suo partito e dai suoi ministri a fare questa operazione speciale”, ha detto Berlusconi all’emittente pubblica italiana Rai giovedì scorso, usando la lingua ufficiale russa per la guerra.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Ha detto che il piano della Russia era originariamente quello di invadere Kiev “in una settimana”, sostituire il presidente ucraino democraticamente eletto Volodymyr Zelensky con un “governo di un popolo rispettabile” e uscire “in un’altra settimana”.

“Non capivo nemmeno perché le truppe russe fossero state dispiegate in tutta l’Ucraina quando secondo me avrebbero dovuto rimanere solo intorno a Kiev”, ha detto l’85enne Berlusconi, che una volta ha descritto Putin come un fratello minore.

READ  Ultime notizie Ucraina: Kiev chiede ai suoi cittadini di lasciare 'immediatamente' la Russia

Gli obiettivi di guerra dichiarati da Putin variarono durante la Guerra dei Sette Mesi. L’Ucraina ha inseguito le sue forze inizialmente dalla regione di Kiev e, più recentemente, da parti del nord-est vicino al confine russo. Putin ora afferma che l’obiettivo principale è proteggere il territorio nella regione ucraina del Donbas, che è in parte controllata dai separatisti filo-russi. Leggi di più

Di fronte alla diffusa condanna da parte degli oppositori delle sue parole, Berlusconi ha rilasciato venerdì una dichiarazione in cui afferma che le sue opinioni erano “esagerate”.

“L’aggressione contro l’Ucraina è ingiustificata e inaccettabile, e la posizione (di Forza Italia) è chiara. Saremo sempre con l’Unione Europea e la Nato”, ha affermato.

“Totalmente gay”

Sotto il primo ministro uscente Mario Draghi, l’Italia è stata un convinto sostenitore delle sanzioni occidentali alla Russia sulla scia dell’invasione.

Giorgia Meloni della Fratellanza di estrema destra italiana, probabilmente il prossimo primo ministro, ha promesso di mantenere la posizione, ma Berlusconi e l’altro suo alleato della Lega Matteo Salvini erano più ambivalenti.

“Sono parole molto oltraggiose e pericolose”, ha detto a proposito del commento di Berlusconi il leader del Pd di centrosinistra, Enrico Letta. “Se domenica sera l’esito sarà favorevole alla destra, Putin sarà la persona più felice”, ha detto Leta a Radio RAI.

Il leader del centrodestra Carlo Calenda, altro candidato alle elezioni, ha detto a Radio 24: “Berlusconi ieri ha parlato come se fosse il generale di Putin. È assolutamente oltraggioso”.

Giovedì, Berlusconi ha affermato che la decisione di Mosca di invadere è stata in risposta a un appello dei separatisti filo-russi nell’Ucraina orientale.

READ  L'Australia porta le truppe alle Isole Salomone mentre scoppiano disordini per la decisione di Taiwan

Ha detto che i loro leader sono andati al Cremlino e hanno detto direttamente a Putin: “Per favore, difendici, perché se non ci difendi, non sappiamo dove potremmo finire”.

Le votazioni sono iniziate venerdì in quattro regioni ucraine per lo più controllate dalle forze russe, inclusi i separatisti, all’inizio del piano di Putin di annettere gran parte dell’Ucraina. Leggi di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Reportage di Elvis Armellini; Montaggio di Frank Jack Daniel e Crispian Palmer

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.