Il presidente dell’UE offre un piano in 10 punti per aiutare l’Italia ad affrontare la crisi dei migranti – EURACTIV.com

Domenica (17 settembre) l’Unione Europea ha presentato all’Italia un piano di emergenza per aiutarla a gestire l’afflusso di migranti dopo che la settimana scorsa un numero record di persone è sbarcato sull’isola di Lampedusa.

L’ondata di richiedenti asilo sull’isola italiana di Lampedusa ha riacceso un acceso dibattito in Europa su come condividere la responsabilità per le decine di migliaia che raggiungono il continente ogni anno.

“La migrazione irregolare è una sfida europea e necessita di una risposta europea”, ha affermato la presidente della Commissione europea Ursula van der Leyen durante una visita a Lampedusa. Piano in 10 punti Per aiutare Roma ad affrontare la crisi.

Da lunedì, circa 8.500 persone – più della popolazione locale totale dell’isola – sono arrivate su circa 200 imbarcazioni, ha affermato l’agenzia delle Nazioni Unite per la migrazione.

Lampedusa, un’isola a sud dell’Italia, è stata per lungo tempo un punto di approdo per le imbarcazioni di migranti provenienti dal Nord Africa. Ma i funzionari hanno detto questa settimana che il suo centro di evacuazione, costruito per ospitare meno di 400 persone, era sovraffollato.

“Stiamo facendo tutto il possibile”, ha detto il primo ministro italiano Giorgia Meloni in una conferenza stampa a Lampedusa con van der Leyen.

“Qui è in gioco il futuro che l’Europa vuole per sé, perché il futuro dell’Europa dipende dalla capacità dell’Europa di affrontare grandi sfide”, ha aggiunto Meloni, invitando i partner italiani dell’UE a farsi carico di una quota maggiore del peso dei migranti.

La Croce Rossa Italiana, che gestisce il sovraffollato centro per migranti di Lampedusa, ha detto domenica che solo 400 dei 1.500 migranti erano rimasti.

READ  5 luoghi nascosti in Italia che dovresti visitare per la tua prossima vacanza

I trasferimenti di migranti verso la Sicilia e il continente non hanno tenuto il passo con il flusso di nuovi arrivi, anche se domenica sono attesi ulteriori trasferimenti, ha affermato la Croce Rossa.

La situazione dei migranti è fuori controllo, il ministro italiano chiede aiuto all’UE

Con migliaia di migranti che arrivano ogni giorno sulle coste italiane, i ministri hanno chiesto all’UE di aiutare a gestire i flussi migratori, insieme a sindaci e governatori.

Domenica il ministro delle Imprese e del Made in Italy Adolfo Urso (Fratelli d’Italia/ECR) si è recato in un hot spot per accogliere…

Condivisione del carico?

I residenti infelici di Lampedusa erano lì per accogliere l’arrivo ufficiale all’aeroporto dell’isola, minacciando ad un certo punto di bloccare il loro corteo.

Un pescatore ha detto a Georgia Meloney: “Ne abbiamo abbastanza che l’isola venga utilizzata come base dai politici”.

“Stiamo facendo del nostro meglio”, ha risposto la Meloni, “come sempre mi assumo la responsabilità personale”.

Van der Leyen ha affermato che il suo programma di aiuti all’Italia ha aumentato il sostegno all’Agenzia europea per l’asilo (EUAA) e all’agenzia di controllo delle frontiere Frontex dell’UE per registrare i nuovi arrivati.

Le misure rafforzate includono la garanzia che vengano rilevate le impronte digitali e lo svolgimento di interviste per garantire che le persone vengano indirizzate alle autorità competenti.

L’UE aumenterà gli aiuti per il trasporto dei richiedenti asilo dall’Italia verso altri membri dell’UE nell’ambito di un programma volontario per condividere la responsabilità per i migranti, in particolare donne e minori non accompagnati.

Il piano è concepito per combinare una ferma posizione contro i trafficanti con l’agevolazione delle vie legali per l’ingresso dei richiedenti asilo nell’Unione Europea.

READ  Özil propone a Zoo: Contatto

Ma il piano dell’UE di condividere il peso dei nuovi arrivi ha incontrato l’opposizione di molti elettori, con i governi di destra di Polonia e Ungheria che si sono opposti più apertamente al piano.

Questa settimana, il peso massimo dell’UE, la Germania, ha dichiarato di aver smesso di accettare migranti in Italia nell’ambito del programma dell’Unione Europea, affermando che Roma non ha onorato i propri obblighi secondo le norme dell’UE.

Secondo la cosiddetta procedura Dublino, i migranti irregolari devono essere registrati nel paese dell’UE in cui entrano per la prima volta. Se poi si trasferiscono in un altro paese del gruppo, possono tornare al loro primo porto nell’UE.

“Ecco perché abbiamo inviato un segnale all’Italia”, ha detto venerdì un portavoce del governo tedesco.

Ma i paesi mediterranei come l’Italia sostengono che le norme impongono un onere eccessivo ai paesi di confine, soprattutto perché i nuovi arrivati ​​spesso vogliono trasferirsi e vivere in altri paesi dell’UE.

La Germania ha sospeso il trasferimento dei migranti in Italia

Il ministro dell’Interno tedesco Nancy Fasser (SPD/S&D) ha sospeso il meccanismo volontario di solidarietà (VSM) nei confronti dei richiedenti asilo a causa del rifiuto di Roma di attuare l’accordo di Dublino, ha confermato mercoledì il ministro dell’Interno tedesco.

Entro il 2022, 13 paesi dell’UE, tra cui Francia e Germania,…

127.000 quest’anno

Quest’anno sono arrivati ​​sulle coste italiane più di 127.000 migranti, più del doppio rispetto allo scorso anno.

Negli ultimi giorni le navi gestite da ONG tra cui Medici Senza Frontiere (MSF) hanno salvato quasi 500 migranti in 11 operazioni nel Mediterraneo e si sono dirette verso i principali porti italiani.

READ  Libri 2022: una storia del cuore creativo originale d'Italia

Ma decine di piccole imbarcazioni solcano il mare insidioso fino a Lampedusa, a 145 chilometri al largo della costa tunisina.

A luglio van der Leyen – con il forte sostegno della Meloni – ha stretto un accordo con la Tunisia volto a frenare l’immigrazione irregolare dal Paese nordafricano.

Secondo l’Agenzia delle Nazioni Unite per le Migrazioni quest’anno più di 2.000 persone sono morte attraversando il Nord Africa verso l’Italia e Malta.

Leggi di più con EURACTIV

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *