Il presidente degli Emirati Arabi Uniti incontra Vladimir Putin a Mosca

Il presidente degli Emirati Arabi Uniti incontrerà Vladimir Putin a Mosca, dove il leader russo sta intensificando i suoi attacchi all’Ucraina con una serie di attacchi missilistici.

La visita dello sceicco Mohammed bin Zayed Al Nahyan, meglio noto come Mohammed bin Zayed, segue una decisione emessa la scorsa settimana Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio (OPEC) e dei produttori alleati Inclusa la Russia per ridurre di due milioni di barili l’obiettivo di produzione giornaliera del gruppo. La mossa, che mira ad aumentare i prezzi globali del petrolio, aiuterà Mosca finanziariamente, minando ulteriormente le relazioni tese tra Washington ei suoi tradizionali alleati nel Golfo.

Il La Casa Bianca ha annunciato l’OPEC Era “alleato con la Russia”, anche se Mosca stava intensificando il suo attacco all’Ucraina. Il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen ha criticato la decisione definendola “inutile e poco saggia” per l’economia globale.

L’agenzia di stampa statale WAM degli Emirati Arabi Uniti ha affermato che Putin e lo sceicco Mohammed, che è anche il sovrano di Abu Dhabi, discuteranno di questioni regionali e internazionali di comune interesse.

Più di 80 missili russi sono stati lanciati lunedì contro obiettivi in ​​tutta l’Ucraina, colpendo uno stadio, un ponte e altre infrastrutture civili nel centro di Kiev e in più di una dozzina di città, uccidendo almeno 10 persone e ferendone più di 60, secondo le autorità ucraine. Putin ha descritto gli attacchi come una rappresaglia per i danni al ponte di Kerch che collega la Russia e la penisola ucraina della Crimea, che il presidente russo ha annesso unilateralmente nel 2014.

Tre persone che sono state informate sulla posizione degli Emirati Arabi Uniti hanno affermato che la visita dello sceicco Mohammed a Mosca è in linea con la sua intenzione di comunicare con tutte le parti nel conflitto ucraino e si è svolta nello spirito della mediazione. Hanno insistito sul fatto che lo stato del Golfo si fosse particolarmente opposto al taglio durante la riunione dell’OPEC, ma altri membri lo hanno rifiutato.

READ  Incendio nel Bronx: almeno 19 persone vengono uccise e dozzine sono ferite in un "orribile" incendio in un condominio

Il Gli Emirati Arabi UnitiStretto alleato degli Stati Uniti, ha cercato di mostrare una posizione neutrale sulla guerra in Ucraina. Nei primi giorni dell’invasione russa di febbraio, ha sconvolto i suoi alleati occidentali astenendosi dal votare alle Nazioni Unite critiche nei confronti di Mosca. Ma il mese scorso ha appoggiato una risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che condannava come “illegali” i referendum per l’annessione della Russia in quattro regioni ucraine organizzati dai delegati del Cremlino.

Gli analisti hanno affermato che lo sceicco Mohammed è una delle figure mondiali in grado di mantenere una linea di comunicazione con Putin. Il commentatore degli Emirati Abdul Khaleq Abdullah ha dichiarato: “Mohammed bin Zayed può parlare con Putin in modo razionale e fermare la deriva in uno scontro nucleare”.

Negli ultimi anni, gli Emirati Arabi Uniti hanno svolto il ruolo di mediatore nei conflitti in Medio Oriente e nella normalizzazione delle relazioni diplomatiche e commerciali con Israele.

Putin potrebbe anche incontrare Recep Tayyip Erdogan questa settimana, secondo il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov. Il presidente turco ha agito da mediatore tra Kiev e Mosca per concludere un accordo per riprendere le spedizioni di grano nel Mar Nero. Sia Putin che Erdogan dovrebbero visitare il Kazakistan per un vertice su Russia e Asia centrale venerdì.

a Washington, frustrazione Con l’Arabia Saudita, continua a crescere. Bob Menendez, il democratico del New Jersey che presiede la commissione per le relazioni estere del Senato, lunedì ha chiesto la sospensione della cooperazione degli Stati Uniti con l’Arabia Saudita fino a quando non cambierà la sua posizione sulla guerra della Russia contro l’Ucraina.

READ  L'articolo cinese che esorta lo stato a troncare i legami con Putin ottiene 1 milione di visualizzazioni | Cina

“Gli Stati Uniti devono immediatamente congelare tutti gli aspetti della nostra cooperazione con l’Arabia Saudita, compresa qualsiasi vendita di armi o cooperazione in materia di sicurezza al di là di ciò che è assolutamente necessario per difendere il personale e gli interessi degli Stati Uniti”.

Ha detto che non avrebbe acconsentito a tali richieste “fino a quando il regno non avrà rivalutato la sua posizione riguardo alla guerra in Ucraina”.

L’affermazione forte è indicativa della dura battaglia che l’Arabia Saudita deve affrontare per riparare la propria reputazione a Washington, sebbene possa lasciare spazio ad alcuni regimi che gli Stati Uniti considerano essenziali per la propria sicurezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.