Il pilota di F1 Alex Albon ha dovuto interrompere il Gran Premio d’Italia dopo essersi svegliato dal coma

Anche il pilota di Formula 1 Alex Albon si è sorpreso Recupero da appendicite recente e insufficienza respiratoria Giusto in tempo per prepararsi al Gran Premio di Singapore di questo fine settimana.

Albon sta tornando alla Williams FW44 per la sua prima sessione di prove libere del venerdì, appena tre settimane dopo essere stato ricoverato in ospedale per appendicite.

Si ammalò mentre veniva visitato dal medico italiano e il 10 settembre fu operato. Poi, dopo aver sviluppato mancanza di respiro dopo l’intervento chirurgico, è stato trasferito al reparto di terapia intensiva.

Leggi di più:
* Formula 1: la grande vittoria di Max Verstappen in territorio nemico
* Max Verstappen è tra i piloti che hanno sanzionato il Gran Premio d’Italia
* Il pilota di Formula 1 Alex Albon ha sofferto di “insufficienza respiratoria” dopo l’intervento chirurgico

Ora Albon, 26 anni, non vede l’ora di andare sotto i riflettori del circuito di Marina Bay Street.

“Sto bene. È bello essere tornato. Mi sento pronto. Mi sento il più in forma possibile. Abbiamo avuto una buona settimana di allenamento, circa due settimane, per tornare dove siamo oggi”, ha detto Albon giovedì (NZT venerdì).

“Non credo che fossimo sinceramente in mente [returning at] Singapore, ma con una rapida ripresa è stato sicuramente possibile. Ci siamo seduti a lungo ed era difficile pensarci. Mi sento pronto. Aspetteremo le FP1 [first practice] per scoprire la sua posizione.

Non avrebbe potuto scegliere una pista più difficile per testare la sua guarigione, in una gara notturna su una pista tortuosa dove il caldo soffocante – anche a tarda notte – e l’umidità estrema rendono le condizioni più stressanti della Formula 1.

READ  L'Irlanda U-20 apporta nove modifiche al lavoro italiano

“Vedremo come andrà. Siamo realistici e sappiamo che stiamo arrivando alla gara più dura dell’anno. “Ma stavo karting e mi sentivo bene. nessun dolore.”

Albon ha spiegato che non c’è stato un miracolo per il suo ritorno: sii paziente e non spingere il corpo troppo, troppo presto.

“All’inizio è stato più un recupero dal letto. È stato molto difficile, perché in pratica stai aspettando che i tuoi polmoni si riprendano. “

“Allo stesso tempo, il tuo corpo non può muoversi come al solito. Non puoi tornare ai normali esercizi, devi costruirlo lentamente”.

Tuttavia, il corpo di Albon ha risposto bene.

Ha detto: “È stato lunedì della scorsa settimana quando abbiamo iniziato davvero a spingerci oltre e vedere cosa potevamo fare. Lo abbiamo trattato come un lavoro 9-5, allenamento e recupero. Ogni giorno migliorava”.

Albon è fiducioso nel naturale processo di recupero del suo corpo e, con la mente lucida, non ha paura di nulla.

fornito

Audi ha annunciato ufficialmente il suo ingresso in Formula 1.

“Per quanto riguarda l’aspetto reale dell’intervento, non sono affatto preoccupato per questo. So che questo ha fatto un pieno recupero”. “Sono solo i postumi dell’essere in terapia intensiva, in pratica, e le perdite per il tuo corpo. Ma come ho detto, non sarei qui se non pensassi di poter correre”.

Sebbene fosse gravemente malato, Albon preferisce guardare al quadro più ampio e non vedere cosa è successo come una grave battuta d’arresto.

“Sono stato molto fortunato. C’erano ottimi medici intorno a me, che erano in Italia, a riportarmi in un buon posto”. “Quindi mi sento molto fortunato. E sì, ho appena perso la gara. Quindi non è un grosso problema”.

READ  Doug Pederson of the Philadelphia Eagles said he was "training for a win" against Washington, and wanted to get Nate Sodfield some actors.

Albon si è unito alla Williams quest’anno dopo che George Russell ha lasciato per unirsi alla Mercedes, dove ha sostituito lo scialbo Valtteri Bottas.

Albon ha disputato tre delle prime 10 partite della stagione della sua squadra – con un miglior risultato del nono posto al GP di Miami a maggio – e la sua costanza gli è valsa un nuovo contratto pluriennale.

Il pilota olandese Nick de Vries è entrato al suo posto a Monza e ha guidato con grande sicurezza finendo nono.

Albon si è svegliato inaspettatamente giusto in tempo per guardarlo.

Avrei dovuto dormire per qualche giorno. Mi sono svegliato 30 minuti prima dell’inizio della gara. Quindi posso guardarlo”, ha detto.

“È stato frustrante guardare, la mia frequenza cardiaca è aumentata un po’ e loro mi stavano guardando e mi dicevano che dovevo spegnerla a un certo punto”.

De Vries ha scommesso su una pretesa molto forte per il posto in F1 il prossimo anno.

Il posto della Williams rimane aperto, con il team che rilascerà il pilota canadese Nicholas Latifi alla fine di questa stagione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.