Il piano dell’Italia di aggiungere una statua di una donna a una piazza maschile ha suscitato polemiche

ROMA – Prado della Valle è la piazza pubblica più grande d’Italia, che in realtà è un ovale, un canale fiancheggiato da statue intorno a un’isola artificiale dove i locali amano passeggiare o prendere il sole.

Queste sculture raffigurano famosi personaggi storici con forti legami con questa città del nord Italia. 78 di loro sono uomini. Sono stati in custodia per secoli. Ma dal 1797, quando l’esercito francese invase, ci sono due piedistalli liberi nel canale.

Poco prima del capodanno, due consiglieri comunali hanno proposto un movimento per incorporare la statua della filosofa del XVII secolo Elena Lucrecia Cornaro Biscopia a quelle di Prato della Valle.

Quanto alla statua della città, uno dei consiglieri, Simone Piliteri, ha descritto il Prado della Valle come “un simbolo della storica dominazione maschile”. “Il fatto che esistessero questi posti vacanti ci ricorda che le donne sono sottorappresentate qui e altrove e che in passato erano emarginate e certamente non messe su piedistalli”.

L’abolizione di quella semplice cultura proposizionale ha scatenato un dibattito nel XVIII secolo sullo sciovinismo maschile, la sottorappresentazione delle donne nell’arte e il significato storico dei monumenti.

Intervengono accademici, politici e femministe. I critici hanno citato una scoperta. Rapporto 2021 Società per i Beni Culturali che conta solo 200 statue di donne nei luoghi pubblici in Italia. Non esistono teste di statue maschili in Italia, ma un utile confronto si trova nei 229 busti sul monte Fincien a Roma. Solo tre raffigurano donne.

Alcuni commentatori hanno citato questa proposta come un esempio di “abolizione della cultura”, un tentativo di riscrivere la storia attraverso l’uguaglianza di genere contemporanea. Per altri manifestanti, il dibattito si è incentrato sull’inviolabilità di un monumento storico.

READ  Al ricevimento del CONI è stata svelata la squadra italiana di karate per Tokyo 2020

“Piaccia o no, Prado della Valle è un’espressione del passato”, ha detto David Trammer, politico e storico dell’arte locale. “Dobbiamo imparare dal passato e non cambiarlo”.

Sig. Il batterista ha detto che aggiungere una statua di una donna a un monumento a tutti gli uomini è sembrato un ripensamento. Invece ha suggerito di installare diverse statue femminili nel parco, che ora si trova al centro dello sviluppo. “Definiamo un posto nuovo e guardiamo al futuro, un posto con tante donne che sarà interessante e unico in Italia”, ha detto.

In senso stretto, Prado della Valle ha una figura femminile – il busto del poeta cinquecentesco Caspar Stampa – ma è stato ricollocato ai piedi della statua dello scultore rinascimentale Andrea Priosco. Altre statue raffigurano papi, notevoli ammiragli e medici, ma celebrano anche italiani che insegnarono all’università, come Galileo.

La portavoce di Rosanna Carrey Sai chi sono, L’Associazione dei professionisti del patrimonio culturale che ha lavorato al rapporto 2021 e sta ancora contando le statue, osservando che sebbene le donne siano sempre più rappresentate nei luoghi pubblici, l’iconografia mostra spesso schemi identici. Ha citato un idolo Ragazza del bucato nuda Datato 2001 a Bologna, oltre a una statua di un addetto alle pulizie in abiti piccoli Rilasciato l’anno scorso. “Sono sintomi di un problema rappresentativo e di come le donne vengono costantemente trattate”, ha detto.

Danila Mabelli, Rettore dell’Università di Padova, ha dichiarato: “La questione di quale statua o quale donna debba essere onorata è meno, ma invertendo la tendenza e dando più riconoscimento al ruolo delle donne nella società”. “Anche nel 2022, questo è un problema che farà fatica ad andare avanti”, ha aggiunto.

READ  Inter, i tifosi vogliono licenziare Conte. Grave confronto con la squadra

L’anno scorso, la sig. La stessa Mapelli ha fatto la storia, diventando la prima donna a guidare un’università in 800 anni, e una delle otto rettore donna in più di 80 università in Italia.

Ha notato che l’Università di Padova ha già una statua di Cornaro Biscopia “collocata in modo prominente” nel suo edificio principale.

Di recente, il Comitato comunale di Padova, incaricato di nominare i nuovi toponimi della città, “equilibra la fortissima disuguaglianza storica in fatto di presenza delle donne per strada e in piazza”, ha detto il professore di storia Carlo Fomian. All’Università di Padova nel gruppo.

Ma lo schema di nominare le donne per le rotonde era considerato “non abbastanza”. L’idea di rinominare le strade esistenti “rischia di spingere i civili in battaglia” a causa della posta persa e di altri potenziali problemi.

Sig. Si dice che il Fumiano, reclutato da Prado della Valle nel 1775, rifletta un momento particolare del passato della città, e anche i piedistalli vuoti adornati con statue di cani veneziani distrutti dall’esercito francese nel 1797 sono “un pezzo di storia”.

“Non puoi riscrivere la storia con un martello o un bisturi”, ha detto. “Questo è un grande errore culturale”. È una buona idea posizionare un tabellone accanto al piedistallo vuoto e spiegare perché è vuoto.

Margherita Colonnello, l’altro consigliere comunale che ha redatto la proposta, ha affermato che il suo scopo non era “distorcere o distruggere il monumento di Prato della Valle” ma “aggiungere qualcosa di nuovo e rappresentare la storia di oggi in cui le donne giocano un ruolo chiave”. Lei disse.

READ  Incontra gli studenti AFS a West Hartford: Irene Falcetta dall'Italia - Wee-ha

“Una massiccia reazione alla proposta” è stata inaspettata, ha detto. Ciò rifletteva la realtà che mentre le cose stavano cambiando in Italia, c’erano ancora “alcuni intellettuali conservatori” che non capivano l’importanza di discutere della sottorappresentazione di “metà della popolazione”.

Ha detto che la proposta sarà discussa in consiglio comunale alla fine di questo mese.

Il consigliere comunale Mr. Bitterry ha sottolineato che l’Università di Padova celebrerà il suo 800° anniversario nel 2022 sotto la guida di un governatore donna. “Sarebbe bello celebrare l’evento con una nuova statua di una donna” e, perché no, “con qualche discussione”, ha detto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.