Il pianeta che si alza verso il suo sole può dare un’idea della fine della Terra

Kepler-1658b, situato a 2.600 anni luce dalla Terra, è noto come “Giove caldo”. (rappresentante)

Parigi:

Per la prima volta gli astronomi hanno identificato un pianeta in spirale verso una collisione catastrofica con il Sole che invecchia, offrendo potenzialmente uno sguardo su come la Terra potrebbe un giorno finire.

In un nuovo studio pubblicato lunedì, un team di ricercatori con sede negli Stati Uniti afferma di sperare che il condannato esopianeta Kepler-1658b possa aiutare a far luce su come muoiono i mondi mentre le loro stelle invecchiano.

Kepler-1658b, situato a 2.600 anni luce dalla Terra, è noto come il pianeta “Giove caldo”.

Sebbene di dimensioni simili a Giove, il pianeta orbita attorno alla sua stella ospite a circa un ottavo della distanza tra il nostro sole e Mercurio, rendendolo molto più caldo del gigante gassoso nel nostro sistema solare.

L’orbita di Kepler-1658b attorno alla sua stella ospite richiede meno di tre giorni e si accorcia di circa 131 millisecondi all’anno, secondo lo studio, pubblicato su Astrophysical Journal Letters.

“Se continua a spiraleggiare verso la sua stella alla velocità osservata, il pianeta si scontrerà con la sua stella in meno di tre milioni di anni”, ha detto Shreyas Visapragada, ricercatore post-dottorato presso l’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics e autore principale dello studio.

“Questa è la prima volta che osserviamo prove dirette di un pianeta che si muove a spirale verso la sua stella in via di sviluppo”, ha detto ad AFP.

Una stella in evoluzione è entrata in una fase “gigante” del ciclo di vita stellare, quando inizia ad espandersi e diventare più luminosa.

READ  La NASA onora la lingua Navajo su Marte con i nomi di rocce vaganti persistenti

L’orbita di Kepler-1658b è accorciata dalle maree, in un processo simile al modo in cui gli oceani della Terra si alzano e si abbassano ogni giorno.

Questa spinta e attrazione gravitazionale può funzionare in entrambe le direzioni: ad esempio, la Luna si sta allontanando molto lentamente dalla Terra.

L’ultimo addio della Terra? –

La Terra potrebbe essere diretta verso un destino simile?

“La morte di una stella è un destino che si ritiene attende molti mondi e potrebbe essere l’ultimo addio alla Terra tra miliardi di anni, mentre il nostro sole invecchia”, ha dichiarato il Centro di astrofisica in una nota.

“In circa cinque miliardi di anni, il Sole si evolverà in una stella gigante rossa”, ha detto Visapragada.

Mentre i processi guidati dalle maree visti su Kepler-1658b “guideranno il decadimento dell’orbita terrestre verso il sole”, questo effetto può essere controbilanciato dalla perdita della massa del sole, ha detto.

“Il destino ultimo della Terra è alquanto poco chiaro”, ha aggiunto.

Kepler-1658b è stato il primo esopianeta mai avvistato dal telescopio spaziale Kepler, lanciato nel 2009. Tuttavia, secondo il Physics Center astrological, ci sono voluti quasi un decennio di lavoro prima che l’esistenza del pianeta fosse confermata nel 2019.

Nel corso di 13 anni, gli astronomi sono stati in grado di osservare il lento ma costante cambiamento nell’orbita del pianeta mentre attraversa la faccia della sua stella ospite.

Una delle “grandi sorprese”, ha detto Visapragada, è che il pianeta stesso è così luminoso.

Ha detto che in precedenza si pensava che ciò fosse dovuto al fatto che fosse un pianeta particolarmente riflettente.

READ  La perseveranza è un puntino pallido su Marte in questa strana immagine orbitante

Ma i ricercatori ora credono che il pianeta stesso sia molto più caldo del previsto, forse a causa delle stesse forze che lo spingono verso la sua stella.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dallo staff di NDTV ed è stata pubblicata da un feed sindacato.)

Video in primo piano della giornata

Guarda: Lionel Messi che balla sul tavolo con la Coppa del Mondo nello spogliatoio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.