Il Parlamento europeo è stato scosso dallo scandalo della corruzione in Qatar

Il Parlamento europeo è al centro di un diffuso scandalo di corruzione dopo che la polizia belga ha sequestrato 600.000 euro in contanti e arrestato due eurodeputati nell’ambito di un’indagine internazionale sulle accuse secondo cui il Qatar, ospite della Coppa del Mondo, avrebbe cercato di acquistare influenza.

Un giudice belga ha accusato domenica quattro persone anonime di “partecipazione a un’organizzazione criminale, riciclaggio di denaro e corruzione” dopo diversi arresti e perquisizioni domiciliari durante il fine settimana, compresi quelli di due deputati e della famiglia di un ex deputato in Italia.

Le accuse contro gli eurodeputati hanno già portato alle loro dimissioni e alla sospensione del voto parlamentare sulla concessione dell’esenzione dal visto ai cittadini del Qatar per entrare nel blocco, prevista per la prossima settimana.

I parlamentari hanno espresso il loro shock per l’arresto dei quattro e la relativa detenzione dei familiari dell’ex parlamentare italiano, a cui sarebbe stato offerto un congedo di 100.000 euro dai qatarioti. Gli attivisti hanno criticato la “cultura dell’impunità” in parlamento.

Arrivano le accuse Qatar È al centro dell’attenzione del mondo, poiché la prossima settimana si terranno le semifinali della Coppa del Mondo. Le partite sono il culmine di un torneo che lo stato del Golfo ha cercato a lungo, ma ha imposto un controllo senza precedenti sulla sua posizione sui diritti dei gay, sul trattamento dei lavoratori migranti e sull’uso della sua ricchezza per rafforzare il suo ruolo nel mondo.

L’ufficio del procuratore federale belga ha dichiarato di sospettare che “terze parti in posizioni politiche e/o strategiche all’interno del Parlamento europeo abbiano pagato ingenti somme di denaro o fatto ingenti doni per influenzare la decisione del Parlamento”.

READ  Ursula von der Leyen: È probabile che l'UE conceda all'Ucraina lo status di candidato per entrare nel blocco ucraino

I pubblici ministeri avevano precedentemente affermato che gli investigatori della polizia belga sospettavano che uno “Stato del Golfo” cercasse di influenzare il Parlamento. Un funzionario a conoscenza delle indagini ha confermato che il paese in questione era il Qatar.

Doha ha respinto qualsiasi accusa di cattiva condotta. “Qualsiasi associazione del governo del Qatar con le accuse riportate è infondata e seriamente fuorviante”, ha affermato un funzionario.

Sebbene le autorità belghe non abbiano nominato i sospetti, Eva Kaili, vicepresidente del Parlamento europeo, è stata privata dei suoi incarichi nella legislatura e della sua appartenenza al PASOK, il partito socialista greco.

Kylie, ex conduttrice televisiva, ha difeso il record dei diritti umani del Qatar il mese scorso in parlamento, elogiando il paese come “il capofila per i diritti dei lavoratori” per la sua decisione di abolire il sistema di sponsorizzazione per i lavoratori migranti.

Ha affermato che altri membri del Parlamento europeo stavano cercando di discriminare il Qatar “e accusare chiunque parli con loro o interagisca con loro [in] Corruzione, ma prendono ancora il loro gas.” Kylie non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

La procura italiana ha aggiunto che Antonio Panziri, capo di un’organizzazione non governativa con sede a Bruxelles ed ex membro del Parlamento europeo, è detenuto nella capitale belga, mentre sua moglie e sua figlia sono trattenute a Bergamo sulla base di un mandato di arresto europeo.

Le due donne italiane negano le accuse, secondo il loro avvocato. Panziri non ha risposto a una richiesta di commento.

Panziri, allora membro del Parlamento europeo, è stata la prima persona contattata dai qatarioti, secondo gli inquirenti italiani, che ha parlato a condizione di anonimato.

READ  Guerra in Ucraina: l'editore russo Dmitriy Muratov ha attaccato il premio Nobel con vernice rossa 'sulla posizione dell'Ucraina' | notizie dal mondo

Diversi ex funzionari dell’UE, tra cui Federica Mogherini, ex capo della politica estera del blocco, e l’ex primo ministro francese Bernard Cazeneuve, si sono dimessi dalle loro posizioni di membri onorari del consiglio della ONG di Panzeri, Fighting Impunity.

Il Partito popolare europeo di centrodestra, il più grande gruppo politico del Parlamento europeo, si è detto “scioccato” per l’indagine sulla corruzione e che “non si deve lasciare nulla di intentato”.

Il deputato italiano Dino Giarusso ha affermato che i funzionari del Qatar hanno contattato più volte lui e molti altri legislatori a Bruxelles dal 2019. “Speravano di migliorare la reputazione del paese, soprattutto in vista della Coppa del mondo di calcio”, ha detto Giaruso.

Transparency International, un gruppo anticorruzione, ha affermato che le istituzioni dell’UE avevano bisogno di un regolatore etico indipendente.

“Nel corso di molti decenni, il Parlamento ha consentito lo sviluppo di una cultura dell’impunità, con un misto di regole e controlli finanziari permissivi e una completa mancanza di controllo morale indipendente (o addirittura alcuno)”, ha dichiarato Michel van Holten, il suo direttore, l’ex deputato europeo Michel van Holten.

Segnalazioni aggiuntive di Eleni Varviziotti ad Atene e Simon Kerr a Dubai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.