Il Pakistan meridionale si prepara alle inondazioni mentre il bilancio delle vittime delle inondazioni sale a 1.000 | Pakistan

La provincia meridionale pakistana del Sindh, allagata, si è preparata domenica per un nuovo diluvio di fiumi in piena nel nord, poiché il bilancio delle vittime del monsone quest’anno ha superato le 1.000.

Il possente fiume Indo che scorre attraverso la seconda regione più popolosa del Pakistan è alimentato da dozzine di affluenti di montagna a nord, ma molti di loro hanno straripato le loro sponde dopo piogge e disgeli record.

I funzionari hanno avvertito che nei prossimi giorni dovrebbero raggiungere il Sindh piogge torrenziali, aggravando la miseria per i milioni già colpiti dalle inondazioni.

“Al momento, ci sono gravi inondazioni nell’Indo”, ha affermato Aziz Soomro, supervisore dello sbarramento che regola il flusso del fiume vicino a Sukkur.

Il monsone annuale è essenziale per irrigare i raccolti e ricostituire laghi e dighe in tutto il subcontinente indiano, ma provoca anche il caos.

I funzionari affermano che le inondazioni monsoniche di quest’anno hanno colpito più di 33 milioni di persone – uno su sette pakistani – distruggendo o danneggiando gravemente quasi un milione di case.

Domenica, la National Disaster Management Authority del Paese ha dichiarato che il bilancio delle vittime delle piogge monsoniche ha raggiunto 1.033, di cui 119 nelle ultime 24 ore.

Ha detto che le inondazioni di quest’anno sono state simili a quelle del 2010 – le peggiori di sempre – quando più di 2.000 persone sono state uccise e quasi un quinto della popolazione del paese è stata sommersa.

Migliaia di persone che vivono vicino a fiumi allagati nel nord del Pakistan hanno ricevuto l’ordine di evacuare dalle zone pericolose, ma elicotteri militari e soccorritori stanno ancora trasportando coloro che sono rimasti in salvo.

“Intorno alle 3 o 4 del mattino alle persone è stato detto di evacuare”, ha detto il soccorritore Omar Rafeeq all’AFP.

“Quando le acque dell’alluvione hanno colpito la zona, abbiamo dovuto salvare i bambini e le donne”.

Diversi fiumi della zona – una pittoresca destinazione turistica di aspre montagne e valli – hanno straripato le loro sponde, distruggendo dozzine di edifici tra cui un hotel di 150 camere che è crollato in un torrente in piena.

Nasir Khan, proprietario della pensione, la cui attività è stata gravemente colpita dalle inondazioni del 2010, ha affermato di aver perso tutto.

“Ho spazzato via il resto dell’hotel”, ha detto.

– I funzionari incolpano il cambiamento climatico causato dall’uomo per la devastazione, affermando che il Pakistan sta sopportando ingiustamente le conseguenze di pratiche ambientali irresponsabili in altre parti del mondo.

Il Pakistan è all’ottavo posto nel German Watch Global Climate Risk Index, un elenco di paesi considerati più vulnerabili alle intemperie causate dai cambiamenti climatici.

Il peggioramento della situazione, la corruzione, la cattiva pianificazione e la violazione delle normative locali hanno portato alla costruzione di migliaia di edifici in aree soggette a inondazioni stagionali.

Il governo ha dichiarato lo stato di emergenza e ha mobilitato i militari per affrontare quello che il ministro del cambiamento climatico Sherry Rehman ha definito un “disastro di portata epica”.

In alcune parti del Sindh, le uniche terre aride sono strade sopraelevate e ferrovie, lungo le quali decine di migliaia di poveri contadini si sono rifugiati con il loro bestiame.

Vicino a Score, una fila di tende si estendeva per due chilometri e le persone arrivavano ancora su barche cariche di letti di legno, pentole e utensili, gli unici beni che potevano salvare.

Il lavoratore Wakeel Ahmed, 22 anni, ha detto: “L’acqua ha iniziato a salire nel fiume da ieri, allagando tutti i villaggi e costringendoci a fuggire”.

Il supervisore dell’acquedotto Soomro ha affermato che ogni cancello della diga era aperto per gestire un flusso del fiume di oltre 600.000 metri cubi al secondo.

Le inondazioni non avrebbero potuto arrivare in un momento peggiore per il Pakistan, dove l’economia è in caduta libera e l’ex primo ministro Imran Khan è stato estromesso con un voto di sfiducia parlamentare ad aprile.

E mentre la capitale, Islamabad, e la vicina città di Rawalpindi sono state risparmiate dalla peggiore delle inondazioni, i loro effetti si fanno ancora sentire.

“Le forniture sono molto limitate al momento”, ha affermato Muhammad Ismail, proprietario di un negozio di prodotti alimentari a Rawalpindi.

“Pomodori, piselli, cipolle e altre verdure non sono disponibili a causa delle inondazioni”, ha affermato, aggiungendo che anche i prezzi stanno aumentando.

READ  La Russia lascia 10.000 soldati bloccati in ritiro tattico in Occidente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.