Il nuovo Presidente del Consiglio Meloni si lancia alla Banca Centrale Europea nel suo primo intervento

Giorgia Meloni ha preso di mira la Banca centrale europea nel suo primo discorso come primo ministro italiano martedì, affermando che le recenti decisioni di inasprimento monetario sono state ampiamente criticate e danneggiano paesi ad alto debito come l’Italia. Meloni ha detto al parlamento che il rialzo dei tassi della Banca centrale europea di luglio – il primo in 11 anni – è stata “una decisione che molti considerano pericolosa e rischia di incidere sul credito bancario per famiglie e imprese”.

Con un’inflazione quasi cinque volte superiore al tetto di riferimento del 2%, la Banca centrale europea ha innalzato il tasso di rifinanziamento chiave di mezzo punto percentuale a luglio e di altri 75 punti base a settembre. Si prevede che giovedì aumenterà i tassi di interesse di altri 75 punti base, secondo gli analisti intervistati da Reuters.

Meloni ha affermato che l’aumento dei tassi da parte della Banca centrale europea, che si aggiunge alla sua decisione di interrompere gli acquisti di titoli di Stato nel luglio di quest’anno, “ha creato ulteriori difficoltà per quegli Stati membri che, come noi, hanno un debito pubblico elevato”. Il debito italiano ha raggiunto il 150 per cento del prodotto nazionale alla fine dello scorso anno, il secondo livello più alto nell’area dell’euro dopo la Grecia. Il precedente governo guidato da Mario Draghi aveva previsto un calo quest’anno al 145%. (Segnalazione di Gavin Jones, Montaggio di William MacLean)

(Questa storia non è stata modificata dallo staff di Devdiscourse ed è generata automaticamente da un feed condiviso.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.