Il Museo Rahmi Koç di Türkiye riceve “l’Ordine della Stella d’Italia”

Rahmi M. Il Museo di Kos, il rinomato museo industriale della Turchia, è stato insignito di una prestigiosa medaglia statale per i suoi eccezionali sforzi nel promuovere i legami culturali tra Italia e Turchia.

Il prestigioso riconoscimento denominato “Ordine della Stella d’Italia” è stato conferito a Rahmi M. Presentato a Mine Sofuoslu, Direttore Generale del Museo di Kos. Ambasciata italiana. Questo straordinario onore gli è valso il titolo di cavaliere, riconoscendo il suo eccezionale contributo al regno degli scambi culturali.

Parlando dopo la cerimonia, Sofuoğlu ha dichiarato: “A nome del Museo Rahmi M. Kos, sono molto orgoglioso di essere considerato degno di un premio e di un titolo così prestigiosi. Sono grato al nostro fondatore, il signor Rahmi M. Kos. I miei colleghi per il loro sostegno”.

L’Ambasciatore d’Italia in Turchia Giorgio Marrapodi ha emesso l’ordine, che è stato dato alle persone che rafforzano l’amicizia tra i due Paesi con le raccomandazioni dell’Ambasciatore d’Italia ad Ankara e l’approvazione del Presidente della Repubblica Italiana.

“Ponte culturale”

Rahmi M. Sofuoğlu ha sottolineato di avere uno stretto rapporto con l’Italia da quando hanno iniziato a lavorare al Museo di Kos.

“Da molti anni lavoriamo come ponte culturale tra i due paesi. Abbiamo avuto molte opportunità di lavorare insieme. Tra gli esempi degli ultimi anni, nel 2019, la mostra “Work of Memory: Shipwrecks”. Fotografie di Il fotografo e scultore italiano Stefano Peñazzo. L’anno scorso abbiamo cercato di contribuire alla promozione del design italiano in Turchia attraverso l’evento Italian Design Days”, ha affermato Sofuoglu.

“Abbiamo riunito i nostri visitatori con una mostra personale del pittore italiano Lorenzo Mariotti, ‘Sees and Beyond’. Lo stesso modello dell’auto Fiat Zero utilizzata dal nostro leader Mustafa Kemal Atatürk qualche tempo fa sul fronte di Gallipoli. L’ultimo esemplare della modello in Italia è stato portato al nostro museo come dono da Tofaş. ed esposto. Siamo felici di lavorare con i nostri partner italiani Università di Foggia e Meridaunia sul progetto CULTURATI, su cui abbiamo iniziato a lavorare quest’anno attraverso “Horizon Europe” dell’Unione Europea programma”, ha aggiunto.

READ  Fontecchio, Datum e Melli hanno parlato alla vigilia dell'esordio dell'Italia ai Mondiali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *