Il ministro degli Esteri russo Lavrov accusa Washington di “giocare con il fuoco” su Taiwan

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

NAZIONI UNITE (Reuters) – La Russia ha accusato sabato gli Stati Uniti di “giocare con il fuoco” su Taiwan, mentre la Cina ha affermato che spingerà per una “riunificazione pacifica” con l’isola democraticamente governata e ha promesso di adottare misure forti per opporsi a qualsiasi interferenza esterna. un velato riferimento a Washington.

Le tensioni su Taiwan sono aumentate tra Washington e Pechino dopo una visita ad agosto della presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi, seguita da esercitazioni militari cinesi su larga scala, nonché dalla promessa del presidente degli Stati Uniti Joe Biden di difendere la Cina. Isola.

Settimane prima che il presidente russo Vladimir Putin lanciasse un’invasione dell’Ucraina a febbraio, lui e il suo omologo cinese Xi Jinping avevano annunciato una partnership “senza confini”, promettendo una maggiore cooperazione contro l’Occidente.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Il principale diplomatico di Putin, Sergei Lavrov, nel suo discorso di sabato all’Assemblea generale delle Nazioni Unite, ha preso di mira la posizione di Washington su Taiwan e le sanzioni occidentali a Mosca per la guerra in Ucraina.

“Stanno giocando con il fuoco intorno a Taiwan. Inoltre, promettono di fornire supporto militare a Taiwan”, ha detto Lavrov.

Putin sostiene esplicitamente la Cina a spese di Taiwan. “Intendiamo aderire fermamente al principio ‘una Cina’”, ha detto Putin la scorsa settimana, aggiungendo: “Condanniamo le provocazioni degli Stati Uniti e dei suoi satelliti nello Stretto di Taiwan”.

Alla domanda la scorsa settimana in un’intervista con CBS 60 Minutes se le forze statunitensi avrebbero difeso Taiwan, Biden ha risposto: “Sì, se ci fosse davvero un attacco senza precedenti”.

READ  Coronavirus Irlanda del Nord: attivati ​​i piani per determinare la diffusione della nuova variante Omicron

Questa affermazione è stata la più esplicita finora sull’obbligo delle forze statunitensi di difendere l’isola. Sembra anche aggirare la politica statunitense di lunga data di “ambiguità strategica”, che non chiarisce se gli Stati Uniti risponderanno militarmente a un attacco a Taiwan.

Parlando davanti a Lavrov, il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha affermato che Pechino continuerà a lavorare per la “riunificazione pacifica” con Taiwan e a combattere le “attività separatiste” verso l’indipendenza di Taiwan, adottando allo stesso tempo forti misure per opporsi a qualsiasi interferenza esterna.

“Solo contrastando fermamente le attività separatiste possiamo forgiare una base reale per una riunificazione pacifica. Solo quando la Cina sarà completamente unificata potrà esserci una pace duratura attraverso lo Stretto di Taiwan”, ha affermato.

I suoi commenti arrivano il giorno dopo un incontro di 90 minuti con il Segretario di Stato americano Anthony Blinken a New York, i primi colloqui dalla visita di Pelosi a Taiwan ad agosto.

Dopo l’incontro, la Cina ha accusato gli Stati Uniti di aver inviato a Taiwan “segnali molto pericolosi e sbagliati”. Un alto funzionario dell’amministrazione Biden ha detto ai giornalisti che Blinken ha detto a Wang che mantenere la pace e la stabilità a Taiwan è molto importante. Leggi di più

La Cina considera Taiwan una delle sue province. Pechino ha promesso da tempo di portare Taiwan sotto il suo controllo e non ha escluso l’uso della forza per farlo.

Il governo democraticamente eletto di Taiwan si oppone con veemenza alle pretese di sovranità della Cina e afferma che solo i 23 milioni di residenti dell’isola possono decidere il suo futuro.

Avviso cinese dall’Ucraina

Wang ha affermato che la Cina sostiene tutti gli sforzi volti a una soluzione pacifica della “crisi” in Ucraina, ma ha avvertito della possibilità di un’estensione della guerra.

READ  Biden afferma che i talebani non sono cambiati poiché le evacuazioni militari statunitensi raggiungono i 7.000 - live | Notizie dagli Stati Uniti

“La soluzione di base è affrontare le legittime preoccupazioni di sicurezza di tutte le parti e costruire un’architettura di sicurezza equilibrata, efficace e sostenibile”, ha affermato Wang nel suo discorso.

“Chiediamo a tutte le parti interessate di prevenire la diffusione della crisi e di proteggere i diritti e gli interessi legittimi dei paesi in via di sviluppo”, ha aggiunto.

La Cina ha criticato le sanzioni occidentali contro la Russia, ma si è fermata prima di approvare o assistere nella campagna militare.

Il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato la scorsa settimana che il leader cinese Xi Jinping è preoccupato per l’Ucraina.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Rapporti aggiuntivi di Daphne Psalidakis, Humira Pamuk e Michelle Nichols; Montaggio di Chris Reese

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.