Il ministro degli Esteri italiano guarda a migrazioni, energia nel viaggio al Cairo

IL CAIRO, 22 gennaio (Reuters) – L’Egitto vede il suo Paese come un partner importante per frenare l’immigrazione irregolare attraverso il Mediterraneo e rafforzare la sua sicurezza energetica, ha detto domenica il ministro degli Esteri italiano.

Sebbene l’Egitto abbia in gran parte bloccato la partenza delle barche di migranti dalla propria costa settentrionale dal 2016, il numero di cittadini egiziani che attraversano la Libia verso l’Europa è aumentato notevolmente.

Nel 2022 sono sbarcati in Italia 20.542 egiziani, rispetto ai 1.264 del 2020, il gruppo più numeroso per nazionalità, secondo i dati diffusi dal ministero dell’Interno italiano.

Nell’ambito degli sforzi per contrastare l’immigrazione irregolare, “l’Italia è pronta ad avere più immigrazione legale, anche dall’Egitto”, ha detto il ministro degli Esteri Antonio Tajani durante una visita al Cairo.

Ha citato progetti pilota per fornire borse di studio ai migranti per studiare e formarsi in Italia, anche se non ha fornito numeri in una conferenza stampa con il suo omologo egiziano.

Tajani deve trovare una soluzione alla crisi libica che porti alle elezioni e ad una nuova costituzione.

“La soluzione al problema libico è anche parte della soluzione al problema dell’immigrazione clandestina”, ha detto Tajani.

Sia l’Egitto che l’Italia sono profondamente coinvolti in Libia, dove i trafficanti di migranti hanno trovato spazio per prosperare tra conflitti e stallo politico.

Tajani ha detto che l’Italia e l’Europa guardano al Nord Africa per soddisfare i loro bisogni energetici sulla scia della guerra in Ucraina.

Eni d’Italia (ENI.MI) L’Egitto ha una forte presenza nella produzione di gas. Tajani ha detto che l’Italia sta lavorando per firmare più contratti con i paesi produttori.

READ  Cochlear-Milan 0-2, Ibrahimovic entrambi, il diavolo torna in vetta da solo - Corriere.it

“Credo che l’Egitto dovrebbe diventare uno dei grandi partner dell’Italia nel Mediterraneo. L’Italia vuole essere un importante centro energetico europeo e può fondersi con l’Egitto a questo punto”, ha detto.

Nei colloqui con il presidente egiziano Abdel Fattah Al-Fattah sono stati discussi anche i casi dello studente italiano Giulio Regeni, trovato morto in Egitto nel 2016, e di Patrick Zaki, egiziano che studia in Italia, processati con l’accusa di diffusione di notizie false. Sisi e il ministro degli Esteri Same Shogri, ha detto Tajani.

“La questione è stata sollevata dal presidente, che mi ha detto che è intenzione dell’Egitto risolvere i problemi e rimuovere tutti gli ostacoli”, ha detto.

La dichiarazione dell’ufficio di CC non faceva menzione dei casi.

Montaggio di Andrew Heavens

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.