“Il migliore in assoluto” – Le azioni italiane tifano per il mantra del Newcastle, affermano che è stata un'”esperienza spensierata”

All’inizio di questo mese, l’ex terzino del Newcastle United Davide Santon ha annunciato il suo ritiro dal calcio all’età di 31 anni, dopo aver subito ricorrenti infortuni al ginocchio.

L’italiano ha trascorso quattro stagioni al Tyneside tra il 2011 e il 2015, dopo averlo ingaggiato dall’Inter.

Santon è arrivato al Newcastle un anno dopo aver vinto la tripletta con i nerazzurri nella stagione 2009/10. Il difensore ha iniziato la sua carriera agli ordini di Jose Mourinho a San Siro e ha giocato anche la sua ultima stagione sotto la guida del tecnico portoghese alla Roma la scorsa stagione.

Tutto Sport Ha pubblicato un’intervista dettagliata con Santon, in cui ha ammesso che giocare per la squadra italiana under 21 gli è costato la carriera calcistica.

Quando gli è stato chiesto del suo primo successo, ha detto: “Questo è ancora il mio più grande rimpianto, a 18 anni sei così ingenuo, senza esperienza. Se questa situazione si verificasse più tardi, direi: “Non posso farlo”.

“Ma poi non è stato così. Ho interferito dall’avversario, ho sentito un ‘crack’. Nell’intervallo il mister e gli altri volevano che continuassi.

“E lo è stato. Da qualcosa di piccolo, è diventato enorme. Se avessi smesso sarebbe stato diverso”.

Santon ha giocato regolarmente con il Newcastle durante le sue prime tre stagioni al St James’ Park. Nella sua ultima stagione con i Magpies, un grave infortunio al ginocchio lo ha costretto a trascorrere la maggior parte del tempo fuori dal campo.

L’italiano ha ammesso che il suo periodo al Newcastle e il suo primo periodo all’Inter sono stati i momenti migliori della sua carriera.

READ  L'allievo WVU Nathan Adrian firma un contratto con la squadra italiana

“All’Inter, con tutte le vittorie che abbiamo avuto con i nerazzurri. I nerazzurri mi hanno dato tutto, a livello emotivo rimarranno sempre nel mio cuore”. È per spiegare.

“Ma la maggior parte delle volte che ho avuto è stata a Newcastle: sono stato grande sia fisicamente che mentalmente. Non è un caso che ho fatto più di trenta partite a stagione per tre anni di seguito. Per un giocatore, l’Inghilterra è la migliore di sempre. “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.